Basta ormoni ai bambini: ecco la prossima battaglia

Anche in Italia le transizioni delle-dei minori sono in aumento. Se il ddl Zan diventasse legge la pratica verrebbe normalizzata. Ma a dover essere demoliti sono gli stereotipi di genere, non i corpi di bambine e bambini
Condividi questo articolo

Se il ddl Zan diventasse legge l'introduzione del concetto di identità di genere nella legislazione penale comporterebbe alcune conseguenze quasi immediate: dalla richiesta del self-id o autocertificazione di genere -già pronta la proposta del MIT, Movimento Identità Trans- alla normalizzazione della pratica dell'utero in affitto -anche qui, già pronta una legge per l'introduzione della surrogata cosiddetta "solidale" che agevolerà quella esplicitamente commerciale-.

C'è poi la questione dell'ormonizzazione di bambine e bambini per avviarli alla transizione, pratica che ha già corso nel nostro Paese da almeno 3 anni, che non necessita di alcun intervento del tribunale e che si svolge tutta in ambito medico in svariate strutture pubbliche italiane. Qui nel Feminist Post troverete molto materiale sulla transizione delle-i minori, oltre che sul detransitioning.

Se il ddl Zan diventasse legge il ricorso ai bloccanti della pubertà verrebbe definitivamente normalizzato come capita ovunque sia in vigore il self-id. Ma anche se il ddl non passasse le diagnosi di "varianza di genere", così viene eufemizzata la disforia, di sicuro continuerebbero ad aumentare. L'intervento sul linguaggio è decisivo per questo processo di decostruzione e derealizzazione del sesso biologico: già oggi non si parla più di nate-nati femmine o maschi, ma di "sesso attribuito alla nascita", come se l'attribuzione comportasse necessariamente una percentuale di errore anche nel caso in cui i genitali fossero perfettamente conformati, come nella quasi totalità dei casi (non si sta parlando di intersessualità).

Nella sentenza a conclusione del processo intentato e vinto in UK dalla detransitioner Keira Bell, che aveva accusato il sistema sanitario britannico di averla avviata alla transizione dopo un paio di visite a dire poco frettolose, la Corte ha evidenziato la mancanza di dati certi sulle transizioni delle-i minori oltre che l'approssimazione delle diagnosi, con una notevole percentuale di minori depresse-i, con disturbi dell'alimentazione o disturbi dello spettro autistico trattati come disforici.

Svariati studi recenti hanno inoltre accertato come definitivi gli effetti dei puberty blocker -in particolare sulla densità ossea e verosimilmente sulla fecondità-, effetti di cui fino a pochi mesi fa veniva assicurata la reversibilità. Si affermava cioè che se la-il minore avesse sospeso l'assunzione lo sviluppo sarebbe ripreso regolarmente. Non è così.

Di ieri la notizia riportata da La Stampa secondo la quale negli ultimi 3 anni, da quando cioé l'Aifa ha utilizzato l'uso off label della triptorelina come bloccante della pubertà dopo parere favorevole della Commissione di Bioetica del governo, nella sola città di Torino -ospedali Molinette e Regina Margherita- si è passati da un caso di diagnosi di disforia tra i minori a 37 casi. La notizia non specifica se questi minori siano stati tutti avviati a trattamento ormonale. La curva si avvicina progressivamente a quella di Uk e Paesi Nordici: The Economist ha riferito una crescita di 30 volte in 10 anni.

In Italia, così come si è verificato per lungo tempo in UK, non sono noti i dati sul numero di minori diagnosticati come disforici né sul numero dei trattamenti ormonali avviati. Si sa che anche qui oggi si tratta nella gran parte dei casi di ragazze, destinate in 8-9 casi su 10 a passare dal blocker alla transizione definitiva con ormoni cross-sex-nel caso delle ragazze, testosterone e doppia mastectomia- una volta raggiunti i 16 anni.

Questa sarà la nostra prossima battaglia, a maggior ragione se il ddl Zan diventerà legge. Battaglia necessaria anche nel caso la legge non passasse. Le transizioni dei minori sono infatti una realtà già consolidata nel nostro Paese -oggi in UK serve una sentenza del tribunale mentre in Svezia e Finlandia, nazioni pioniere in questi trattamenti, così come in Arkansas, i blocker non vengono più somministrati-.

E' necessario rendere noti dati, protocolli applicati, livelli di risk disclosure -ovvero il contenuto del consenso informato-, sapere quante e quali strutture pubbliche italiane diagnosticano e trattano queste bambine e questi bambini. Si devono interpellare i medici che operano in questo settore, psicologi, psichiatri, endocrinologi, chirurghi, più raramente pediatri.

Vogliamo che le bambine e i bambini possano crescere e significare la loro esistenza secondo le proprie inclinazioni e i propri talenti, libere-i dagli stereotipi di genere. Vogliamo un mondo in cui sia finalmente possibile. Sono gli stereotipi che devono essere demoliti, non i corpi sani di bambine e bambini. Nessuna bambina, nessun bambino nasce in un corpo sbagliato.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora