Kathleen Stock, docente di filosofia all'Università del Sussex, Uk

Basta censura nelle università! Prof gender critical in lotta per la libertà di parola

Condividi questo articolo

"Vi è un'ostinazione in me che non tollera di lasciarsi intimidire dalla volontà altrui.

Il mio coraggio insorge a ogni tentativo di farmi paura".

Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio, 1813

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Un terremoto sta scuotendo le università anglosassoni. A provocarlo professoresse gender critical che denunciano, rischiando la carriera, la perdita di libertà accademica e il clima intimidatorio nel discutere sesso, genere e identità di genere.

«Il movimento dell’identità di genere sta cancellando la libertà di parola delle persone e la libertà accademica di chiunque non sia in linea, si opponga apertamente o si appelli al diritto a dibattere». A sostenerlo è Donna Hughes, docente di Gender Studies all’Università di Rhode Island, Stati Uniti, che ha scritto un saggio incendiario per il sito femminista 4W, Fourth Wave.

Nel saggio Hughes va giù pesante. Scrive: “Credere che si possa cambiare il genere è una fantasia transessuale” e che “ i giovani sono guidati verso orrori ormonali e chirurgici che rimuovono il sesso". Non solo. Hughes denuncia il fatto che molte persone hanno iniziato a pagare il misgendering - l’attribuzione sbagliata del genere - con la perdita del proprio social account o addirittura con il proprio posto di lavoro. Quindi si spinge a paragonare le persone la cui identità di genere è diversa dal sesso registrato alla nascita ai seguaci di Qanon e critica la sinistra che si è tuffata di testa in un mondo di bugie. Boom!

Basta censura nelle università! Prof gender critical in lotta per la libertà di parola

I suoi commenti sono stati immediatamente stigmatizzati dalla direttrice del Gender and Sexuality Center dell’Università, Annie Russel, che li ha definiti “inaccettabili". L'Università ha preso le distanze con un comunicato dichiarando di non supportare dichiarazioni che espongono punti di vista antitransgender. È seguita una campagna online di denigrazione.

Hughes non è l’unica a trovarsi in disaccordo con l’ortodossia della propria istituzione. Nel Regno Unito Kathleen Stock, docente di Filosofia all’University of Sussex, insignita di recente con un OBE per la sua campagna per la libertà accademica - e in particolare quella di esaminare le richieste di gruppi di pressione come Stonewall - ha ricevuto a gennaio una lettera aperta firmata da 600 persone “sgomente" per la sua onorificenza. Motivo? La sua retorica nefasta. La email accusa Stock di allarmismo transfobico, di voler limitare l’accesso delle persone a trattamenti medici salvavita e di incoraggiare le molestie di persone di genere non conforme. «È stato incredibilmente stressante vedere bugie spudorate presentate come fatti. Ma la lettera dimostra anche in che casino mostruoso siamo finiti quando parliamo di sesso e genere», ribatte Stock. E continua: «Aborro la discriminazione contro il mondo trans ma credo anche nella libertà di esaminare le conseguenze dei cambiamenti, inclusi i costi per le donne, i diritti dei gay e la salute dei bambini che vogliono cambiare genere. Come lesbica con figli teenager questi argomenti mi sono molto vicini. E lo sono ancora di più come accademica e filosofa il cui compito è investigare la verità. Dobbiamo essere liberi di discutere queste cose in pubblico. Eppure quando ci ho provato ho ricevuto lamentele, inchieste disciplinari, proteste da parte degli studenti, e costante diffamazione da parte dei colleghi».

Stock è stata isolata. «Ho smesso di partecipare a conferenze di filosofia perché non riesco più a sopportare l’ostracismo e le occhiatacce. Cammino nel mio dipartimento all’Università del Sussex con un senso di terrore. Due anni fa il security manager del campus mi scioccò mostrandomi il sistema telefonico di emergenza e mi fece istallare uno spioncino sulla porta. In seguito, quando a una seduta si laurea venni raggiunta dalla security che mi mostrò la strada più veloce per abbandonare il palco durante un’emergenza, non ero più scioccata - l’esperienza era diventata normale».

Rimossa da Twitter, Stock ha rilasciato un’intervista molto discussa a Charlie Hebdo dove ha accusato il femminismo liberal delle studentesse universitarie della classe media di essersi arreso al movimento trans militante allontanandosi dalla working class.

Per chi lavora all’Università il messaggio è chiaro: o ti conformi alla narrazione dominante o fai una brutta fine. Non è un caso che altre accademiche come Selina Todd, storica di Oxford, abbia un servizio di sicurezza per le sue conferenze e Alice Sullivan, professoressa di sociologia all’University College London sia stata rimossa - no platforming - da un evento sulle linee guida per la raccolta dati del censimento. Si tratta di una nuova caccia alle streghe? Il silenzio è violenza.

Basta censura nelle università! Prof gender critical in lotta per la libertà di parola
La storica di Oxford Selina Todd

Per ribellarsi a questa cultura è nato GCAcademia Network un sito dove docenti e studenti gender critical denunciano sotto anonimato il clima intimidatorio, il bullismo, le minacce e sostanzialmente la morte del dibattito accademico. Testimonianze agghiaccianti che misurano ancora una volta il clima soffocante e la perdita di libertà nelle università. Una docente: «Ci spingono a dichiarare e usare pronomi e a confessare se siamo cis o trans. Insegnare Women e Gender Studies è diventato un incubo di cui nessuno vuole più parlare. Ovunque domina la Queer Theory». Uno studente che studia Letteratura Inglese: «Di recente mi hanno corretto una tesina dove hanno sostituito tutte le volte che ho scritto “ femmina" o “ sesso" con “ genere" e "identità di genere". Alcune frasi non hanno più nemmeno senso. Pensavo che il punto di fare l'università era supportare la libertà di espressione e promuovere discussione e dibattito. Ho voglia di lasciare».

Basta censura nelle università! Prof gender critical in lotta per la libertà di parola
Alice Sullivan Professor of Sociology UCL

Un'altra studentessa dall’Università di Edimburgo: «Ci viene richiesto di usare la terminologia approvata da Stonewall e di parlare di sesso assegnato alla nascita e del vero genere delle persone». Nemmeno i gruppi femministi universitari sono al riparo. «Sono una studentessa di Belle Arti in una Università del Regno Unito. Ho aderito alla Feminist Society pensando di trovare uno spazio dove dibattere liberamente di femminismo. La prima sessione su Zoom è stata aperta da un uomo che usava i pronomi She/Her. Parlava al posto delle donne come se fosse una donna sebbene ovviamente non avesse mai sperimentato il sessismo sulla sua pelle perché era chiaramente un uomo con i pronomi femminili. Ero scioccata ma se fossi intervenuta sarei stata tacciata di transfobia e terfismo».  

Nina Wess 30 marzo 2021

anche la rivista Micromega ospita un testo su questi temi

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La gran parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora