Australia: stop ormoni ai bambini senza l'ok di un tribunale?

Anche se la legge consente la transizione dei minori sulla base della semplice valutazione medica -come in Italia, del resto- una clinica frena e richiede il consenso del giudice per "trattare" una ragazza, nonostante l'ok dei genitori. Segnale di un cambio di rotta per paura di contenziosi dopo che la detransitioner Keira Bell ha vinto la sua causa contro il sistema sanitario britannico
Condividi questo articolo

Aumenta il timore di contenziosi legali sui trattamenti per la transizioni di genere nei minori: le “gender clinics” specializzate, che in questi ultimi anni hanno visto crescere a dismisura i loro profitti, iniziano a cautelarsi e a prendere provvedimenti per evitare possibili dissesti finanziari futuri.

L’allarme è suonato nella lontana Australia lo scorso gennaio ma è venuto alla luce solo adesso, grazie a un contenzioso anomalo che ha rivelato una preoccupazione importante da parte degli addetti ai lavori, nonostante la silenziosa serenità ostentata pubblicamente.

“G2” è la sigla con cui la Family Court of Western Australia indica il minore al centro della vicenda; il tribunale australiano lo scorso giugno ha riconosciuto valido il suo consenso informato a proseguire la transizione di genere, che la corte descrive in tre stadi, a seguito di una diagnosi di disforia: nel primo si somministrano i bloccanti della pubertà, nel secondo gli ormoni cross-sex (testosterone, estrogeni) e nel terzo si può accedere alla chirurgia.

G2 deve iniziare il secondo stadio, e dopo questa sentenza può iniziare con il testosterone.

G2 nasce femmina nel 2005 e all’età di 13 anni si dichiara transgender: si taglia i capelli corti, vuole schiacciare il “petto” (chest, nel testo originale, anziché breast, cioè seno).  I genitori, separati quando G2 aveva 8 anni, parlano di un “maschiaccio” e ne sostengono la richiesta di transizionare, così come gli esperti (due psicologi clinici e un endocrinologo) interpellati per valutarne la capacità di esprimere un valido consenso informato.

Ma non c’erano conflitti fra le parti neppure prima dell’iter giudiziario ed è qui che emerge l’anomalia del procedimento, avviato per iniziativa autonoma della clinica che segue la transizione di G2: alla fine del gennaio 2021 i genitori si sono visti arrivare una lettera da parte della clinica stessa nella quale si spiega che il servizio dedicato alle transizioni di genere nei minori sta facendo una revisione delle proprie procedure, e se ne illustrano i cambiamenti in riferimento al percorso medico “gender affirming”.

Nello specifico di G2, in lista di attesa, “come risultato dei possibili cambiamenti della legge, può essere considerato appropriato e necessario ottenere l'approvazione della Corte prima dell'inizio di qualsiasi trattamento di questo tipo”.

La clinica chiede cioè, sostanzialmente – ed è questa la novità - che un tribunale autorizzi la transizione anche quando tutte le parti sono concordi e anche se G2 ha superato i 16 anni di età; in queste condizioni la clinica, nelle sue nuove procedure “non consente né si oppone alla transizione”. Una posizione di “medicina difensiva” manifestatamente finalizzata a sottrarsi a qualsiasi responsabilità a fronte di ricorsi giudiziari, un’eventualità che evidentemente la clinica ha preso in seria considerazione: è la prima volta che in Australia una “gender clinic” trasferisce volontariamente a un tribunale la responsabilità di stabilire la validità del consenso del minore ai trattamenti proposti.

Australia: stop ormoni ai bambini senza l'ok di un tribunale?
Keira Bell, simbolo delle destransitioner

La richiesta dell’intervento del tribunale è infatti motivata dalla sentenza dell’Alta Corte UK del mese precedente, dicembre 2020, riferita a Keira Bell, la ragazza inglese che dopo aver effettuato i tre stadi della transizione di genere se ne è pentita, è voluta tornare al genere di nascita e ha fatto causa alla clinica Tavistock, specializzata per minori “gender-non-conforming”, contestando la validità del proprio consenso informato ai trattamenti che pure aveva richiesto, ma, col senno di poi, senza avere la consapevolezza della portata e delle conseguenze del percorso intrapreso. Keira Bell ha vinto, e adesso in UK un minore può transizionare dai 16 anni in su e solo dopo l’autorizzazione di un tribunale.

Una sentenza importante anche per l’assetto giuridico australiano sul consenso dei minori ai trattamenti sanitari, centrato sulla “Gillick competence”, cioè sulla possibilità che un minore con meno di 16 anni di età possa accedere a trattamenti sanitari senza l’autorizzazione dei genitori purché se ne riconosca la “competenza” a farlo, in altre parole la capacità sia di comprendere le informazioni ricevute sulle cure proposte che di compiere scelte in base al proprio interesse.

La giurisprudenza australiana a riguardo è disegnata su una serie di sentenze, anche sulle transizioni di genere, che in sintesi andavano nella direzione di escludere l’intervento delle corti in caso di riconosciuta competenza del minore e accordo fra le parti.

I giornali australiani nel commentare il caso hanno sottolineato come questo ultimo pronunciamento contrasti, di fatto, la campagna condotta dal Royal Children’s Hospital a Melbourne, tutta tesa a convincere i tribunali che per le transizioni di genere dei minori fosse sufficiente la sola valutazione clinica.

Assuntina Morresi


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora