Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"

Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Condividi questo articolo

Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, uno dei maggiori quotidiani olandesi.

La triptorelina è un farmaco utilizzato soprattutto nel trattamento di tumori ormone-sensibili, come il cancro alla prostata e il tumore al seno, nel trattamento della pubertà precoce, dell'endometriosi, di fibromi uterini e nella riproduzione assistita. L’uso come bloccante della pubertà è off-label, ma è stato autorizzato in molti paesi anche su pressione del transattivismo. L’AIFA lo autorizza in Italia da alcuni anni.

Gli autori del reportage denunciano che "i fondamenti scientifici del protocollo olandese si rivelano piuttosto traballanti". Come si legge nell'articolo, lo studio è stato più volte screditato a causa della mancanza di un gruppo di controllo, del breve periodo di follow-up, del numero di partecipanti che si sono persi nel follow-up e di altri difetti metodologici fondamentali. Inoltre uno dei partecipanti a questo storico studio è addirittura morto a causa delle complicazioni della cosiddetta chirurgia di "conferma del genere", com’è chiamata nel gergo dei transattivisti.

Ma tutto questo non ha impedito che il protocollo di soppressione della pubertà venisse adottato ciecamente nel mondo internazionale della “medicina di genere” senza che si pensasse agli ovvi rischi per la salute derivanti dall'arresto dello sviluppo in bambine e bambini.

È stato osservato da tempo che quasi tutti i bambini a cui vengono somministrati i bloccanti della pubertà passano all'assunzione di ormoni del sesso opposto e spesso anche a interventi chirurgici ai genitali e al seno. I bloccanti della pubertà non sarebbero dunque un "pulsante di pausa" per dare tempo ai teenager disforici di decidere il loro genere, come sostengono i loro promotori, ma sarebbero invece “una profezia che si autoavvera”, scrivono Kuitenbrouwer e Vasterman.

A ciò si aggiunge il crescente elenco di effetti collaterali di questi farmaci, dall'alterazione della formazione ossea all'infertilità e alla perdita della funzione sessuale. Recentemente la Food and Drug Administration statunitense ha aggiunto l’obbligo di scrivere sull’etichetta l’avvertenza che i bloccanti della pubertà possono causare edema al cervello.

Il reportage registra anche i cambiamenti del fenomeno a partire dalla data di pubblicazione dello studio: nel 2006 il numero di bambini che soffrivano di disforia di genere e cercavano un trattamento medico era irrisorio, e quasi tutti erano maschi. In seguito si è registrato un forte aumento dei casi e il numero di bambine con disforia di genere è cresciuto fino a superare di molto quello dei maschi: le ragazze in età adolescenziale costituiscono adesso la maggioranza dei casi trattati nelle cliniche di genere, in Olanda come in altri paesi. Il punto di svolta si può individuare attorno al 2013, in coincidenza con la maggiore diffusione di smartphone e social media e l'aumento della popolarità del movimento per i “diritti trans”.

Kuitenbrouwer e Vasterman si interrogano sul motivo per cui questo fenomeno riguarderebbe solo le ragazze adolescenti, la fascia demografica notoriamente più suscettibile ai contagi sociali, e auspicano anche in Olanda inchieste indipendenti come quelle condotte in Svezia, Finlandia e Inghilterra che hanno portato i governi di questi paesi ad abbandonare il modello “affermativo” per tornare a un approccio psicoterapeutico al trattamento di queste-i giovani vulnerabili.

Qui il testo del reportage olandese.

Qui la notizia in inglese.

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
20 Settembre 2023
UK, non si può più dire "donna" o "madre": le disposizioni woke del General Medical Council
Decisione di inaudita violenza del registro dei medici britannici: la parola donna va cancellata a ogni livello. Non può essere nominata nemmeno quando si parla di maternità, di parto, di allattamento, di menopausa. Perfino il 999, numero delle emergenze, non può più chiedere di che sesso è la persona che chiede aiuto. I woke sanno benissimo che il corpo femminile è il principale ostacolo al progetto transumano. E vogliono cancellarlo perfino nel linguaggio
Continua a succedere: le donne e le madri vanno cancellate anche dal vocabolario, a ogni livello. Non si arrendono perché il simbolico materno è l'ostacolo più resistente al progetto transumano. Non ci arrenderemo neanche noi. Se lo scordino Il General Medical Council -ente pubblico che conserva il registro ufficiale dei medici nel Regno Unito- ha sostituito la parola "madre" con termini neutri nella sua guida alla maternità per il personale. La guida aggiornata per le dipendenti che rimangono incinte omette […]
Leggi ora
11 Settembre 2023
Uteri femminili in corpi maschili
Il sogno invidioso di sempre -poter fare figli senza le donne, cancellare le madri, insomma il Graal- è sempre più vicino a realizzarsi: nel giro di 5-10 anni anche le persone trans MtF, biologicamente uomini, potranno ricevere un trapianto di utero e condurre una gestazione. Desiderio-diritto “inclusivo” che migliorerebbe la qualità della loro vita e attenuerebbe i sintomi della disforia. Mentre la vita e la salute di bambine e bambini nati da queste pratiche non preoccupano i bioetici
Euronews dà conto dei rapidi progressi della ricerca sul fronte del trapianto di utero, con particolare riferimento alla richiesta delle persone trans MtF il cui corpo resta biologicamente maschile, mentre le persone FtM, se conservano il loro apparto genitale femminile, possono intraprendere una gravidanza come qualunque altra donna: i "padri incinti" di cui la stampa mainstream ama dare notizia non sono altro che donne che si autoidentificano come uomini. Nell'articolo, che qui traduciamo, le donne vengono definite donne cis-, suffisso […]
Leggi ora
7 Settembre 2023
Appello alla FDA: basta tacere sui farmaci che bloccano la pubertà
Una petizione chiede all’ente americano del farmaco -che non ha mai autorizzato l’uso off label di queste sostanze per bambine e bambini con disforia- di contrastare la disinformazione che propaganda questi trattamenti come efficaci e sicuri e di pretendere studi che lo dimostrino.Tra il 207 e il 2021 il numero dei minori trattati è più che raddoppiato e l’FDA non può più fingere di non vedere
Nel suo sito Gender Clinic News Bernard Lane dà notizia di un importante petizione rivolta alla FDA (Food and Drug Administration, ente regolatore dei farmaci negli Stati Uniti) perché intraprenda un'azione urgente sull'uso non approvato (off label) di farmaci soppressori ormonali per bloccare la pubertà di bambine e bambini che si identificano come transgender. Sebbene quest'uso non sia mai stato approvato dalla FDA, non è possibile che l'ente ignori il possibile danno per i minori che vengono sottoposti a questi […]
Leggi ora
29 Agosto 2023
Grecia, traffico di uteri e di bambini: neonati "sequestrati", coppie bloccate in attesa
Arrestata l’equipe del Mediterranean Fertility Institute di Creta per sospetto mercato di esseri umani e di gameti, frode e falsificazione. Molte decine di donne povere dell’Europa dell’Est convinte a lasciarsi sfruttare per fornire bambini ai committenti in gran parte australiani
Il Mediterranean Fertility Institute, clinica della maternità surrogata di Creta, è stata perquisita dalla polizia per sospetto traffico di esseri umani e frode e l'intera equipe medica è stata arrestata e condotta in carcere con l'accusa di traffico di bambini. Secondo la polizia greca un gruppo di trafficanti avrebbe cooptato 160 donne povere -ucraine, rumene, moldave, albanesi e georgiane- convincendole a fornire ovociti e a prestarsi come uteri in affitto per poche decine di euro al mese, alloggiandole in modo […]
Leggi ora
15 Agosto 2023
Danimarca: basta ormoni ai bambini! Lo dicono perfino i trans
Dopo Uk, Svezia, Finlandia, Norvegia e Olanda anche la Danimarca dice stop ai bloccanti della pubertà per ragazze-i non conformi al genere: quei farmaci sono sperimentali e non ci sono prove scientifiche che funzionino. Ma qui l’iniziativa del governo è sostenuta da importanti associazioni LGBT: è la prima volta che succede. E in Italia? Non si riesce nemmeno a sapere quanti sono i minori trattati
Anche la Danimarca fa marcia indietro sui bloccanti della pubertà a bambine/i confusi sul loro sesso: il sistema sanitario danese d’ora in poi offrirà terapie psicologiche e non più farmaci alle/agli adolescenti che non abbiano segnalato disagio nel loro sesso di nascita fin dall’infanzia. Lo ha annunciato la ministra della salute Sophie Løhde nel corso di un dibattito parlamentare che ha bocciato la proposta di vietare totalmente la transizione di genere ai minori presentata dal partito populista Nye Borgerlige (Nuova […]
Leggi ora
9 Agosto 2023
Spagna: detenuta incinta di compagno di cella trans
L’uomo -corpo maschile intatto e nessuna terapia ormonale- aveva chiesto e ottenuto di essere spostato nel carcere femminile di Alicante perché si “autopercepiva” donna (self-id). La gravidanza di una compagna di cella è il risultato. E la nuova Ley Trans, in vigore dal dicembre 2022, renderà più facili e frequenti questi trasferimenti
Nel Centro Penitenziario di Alicante Cumplimiento, noto come carcere di Fontcalent, un detenuto che si identifica come donna ha messo incinta una compagna di cella. Secondo il racconto confermato da diverse fonti penitenziarie, il detenuto stava scontando da diversi anni una pena nel modulo maschile del carcere, ma durante la sua permanenza ha iniziato a identificarsi come donna. Sui documenti continua a comparire come uomo e non si è mai sottoposto a trattamenti ormonali né tanto meno a interventi chirurgici. […]
Leggi ora