Anche l'America frena sugli ormoni ai bambini "trans"

Partono negli USA le prime cause da parte di giovani trattati con bloccanti della pubertà e ormoni che hanno visto peggiorare la loro condizione. E l’AAP -associazione dei pediatri americani- annuncia la revisione delle proprie linee guida fino a oggi favorevoli a questi trattamenti. Intanto una ricerca dimostra che la cosiddetta “terapia affermativa” non migliora affatto la situazione delle/dei giovani con disforia. Che anzi si sentono meglio quando la sospendono
Condividi questo articolo

In tutto il mondo occidentale la cosiddetta terapia affermativa di genere per i minori (puberty blocker a cui seguono ormoni cross sex e chirurgia) è da tempo oggetto delle pesanti critiche di medici ed esperti, anche pentiti di averla prescritta, che ne segnalano la pericolosità e l'inefficacia: qualcuno ha detto che in futuro ne parleremo come di uno dei più grandi scandali della storia della medicina, paragonabile al ricorso alla lobotomia su 50 mila pazienti psichiatrici a metà del secolo scorso negli USA. Dopo l'UK, la Svezia e tutto il Grande Nord, l'Australia, si frena sui trans-trattamenti per i minori anche negli USA, dove una nuova ricerca dimostra che la terapia affermativa non migliora -anzi, peggiora- lo stato psicologico e fisico dei minori trattati e dove stanno partendo le prime cause di giovani detransitioner contro i medici che hanno prescritto loro queste "terapie" e perfino contro l'AAP, associazione dei pediatri americani, che probabilmente proprio per questa ragione ha deciso di rinviare la pubblicazione di un libro sulle transizioni pediatriche per poter avere il tempo di revisionare le proprie linee guida. E in Italia? Niente di niente, a parte la presa di posizione contraria da parte della Società Psicoanalitica Italiana e il vivace dibattito che si è aperto nella società degli psicoterapeuti cognitivo-comportamentali. Al momento nessun segnale critico dalla società di Pediatria e da quella di Endocrinologia, che anzi hanno espresso il loro favore alla terapia affermativa (a parte alcune prese di posizioni contrarie individuali): vedere qui e qui. Nulla si sa del numero di minori trattati né dei protocolli effettivamente applicati. L'auspicio è che le notizie che oggi arrivano anche dagli USA costituiscano lo spunto per l'apertura di una riflessione critica, in particolare tra i pediatri italiani.

Marina Terragni

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Chi detransiziona o desiste dalla transizione si sente meglio di prima, quando assumeva ormoni cross sex o si dichiarava trans: migliore benessere e anche minore disforia di genere.

È quanto ha rilevato uno studio menzionato da Bernard Lane su Gender Clinic News condotto dalla ricercatrice Lisa Littman insieme alla psicoterapeuta Stella O’Malley, alla detransitioner Helena Kerschner e al sessuologo J Michael Bailey e pubblicato su Archives of Sexual Behavior.

Lo studio si è svolto su un campione di 71 donne e 7 uomini americani di età compresa tra i 18 e i 33 anni. I giovani - che si erano identificati nel sesso opposto per 5 anni- hanno sperimentato un netto miglioramento della loro salute psicologica dopo aver interrotto le cure o aver rinunciato alla loro identità transgender. Visto il tema controverso, solo da poco i detransitioner si rendono visibili e questo è il primo studio sull’argomento. 

Nello studio tutti i maschi e la maggior parte delle femmine avevano preso ormoni cross sex (testosterone per le donne, estrogeni per i maschi) e quasi un terzo delle femmine aveva fatto una doppia mastectomia, mentre un piccolo numero aveva subito anche l'asportazione di utero e ovaie, investimento piuttosto importante nella nuova identità in termini di tempo e protocolli medici . Il ripensamento è avvenuto più per questioni interiori -riflessioni, cambiamento nella definizione di maschio e femmina oltre al fatto di avere capito di essere più a proprio agio nel sesso di nascita- che per fattori esteriori, come la discriminazione.

Un altro fattore determinante è stato avere scambiato problemi di salute mentale e traumi per disforia di genere. È interessante il fatto che poco più della metà del gruppo abbia dichiarato di riconoscersi nella disforia di genere a insorgenza rapida (RODG) con esordio durante o dopo la pubertà. La ROGD, descritta per la prima volta da Littman, descrive l’epidemia internazionale a partire dal 2010 tra gruppi di adolescenti - soprattutto ragazze - influenzati socialmente che abbracciano improvvisamente identità trans. Ma si tratta di un’ipotesi che gli attivisti tentano in tutti i modi di screditare. 

Tra i punti chiave del documento il fatto che la maggior parte di quelli che hanno assunto ormoni cross sex li ha ottenuti attraverso un modello di consenso informato rapido. Due terzi del campione ritiene di non essere stata adeguatamente informato sui rischi e sulle conseguenze a lungo termine. Quasi la metà delle donne ha dichiarato di essere attratta esclusivamente da donne e per molte si è trattato del desiderio di sfuggire maltrattamenti e alla sessualizzazione. Più di un terzo del gruppo ha dichiarato che la maggior parte degli amici si identificavano come trans, anzi era comune prendere in giro chi non lo era. Prima della transizione le diagnosi psichiatriche più comuni erano state depressione (63%), disturbo da deficit di attenzione (24%), disturbo alimentare (23%), disturbo ossessivo compulsivo (18%), disturbo da stress post-traumatico (15%), disturbo bipolare (12%), tricotillomania (10%), disturbo dello spettro autistico (9%). Molte/i hanno avuto esperienze traumatiche durante l’infanzia come abusi in famiglia. La maggior parte del campione ha idee politiche liberali e sostiene i matrimoni gay e diritti trans. 

Gli autori dichiarano che i risultati dello studio sono necessariamente provvisori e riconoscono quindi i limiti della ricerca. Non si può ancora dimostrare quanto la detransizione o la “desistenza” siano comuni né se il gruppo esaminato fosse particolarmente a rischio. Una ricerca imperfetta tuttavia è meglio di nessuna e gli autori credono che sia diventato urgente un follow up dei pazienti, pratica che al momento negli Usa non ha corso. 

Intanto da un’inchiesta di Benjamin Ryan su The New York Sun si apprende che due detransitioner hanno fatto causa per negligenza ai loro medici, Jason Rafferty e Michelle Forcier e anche alla AAP, società americana di pediatria. Una di loro, Isabelle Ayala, 20 anni (foto in apertura) sopravvissuta a abusi sessuali con una lunga storia di depressione, ADHD, autolesionismo, tentati suicidi, aveva 14 anni quando ha iniziato il protocollo di transizione e adesso è pentita. Il dottore Rafferty aveva detto a sua madre che non prescrivere il testosterone avrebbe potuto portare la ragazzina al suicidio. Purtroppo dopo solo 8 mesi di trattamento Ayala ha tentato di suicidarsi ed è stata ospedalizzata. La causa di Ayala, parte di un movimento crescente di contenziosi, potrebbe far luce sul perché un’Accademia così importante come quella di pediatria abbia appoggiato il modello di affermazione a dispetto delle critiche crescenti soprattutto in Europa. Non è un caso che dopo l’inchiesta l’AAP abbia deciso di ritardare l’uscita di un libro sulle transizioni pediatriche "a causa di una review delle linee guida”.

Il gigante dai piedi di argilla del business delle transizioni inizia a sbriciolarsi. 

Mara Accettura


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora
29 Febbraio 2024
Una nuova AGEDO?
La storica Associazione Genitori di Omosessuali ha molto lavorato per l’accettazione e la non discriminazione di gay e lesbiche e oggi dedica molte delle sue iniziative ai minori con disforia di genere. Con un approccio sostanzialmente affermativo cioè di supporto alla transizione. In un recente webinar è stato detto forse si dovrebbe interrompere la relazione con i familiari che si oppongono e che ragionare sugli effetti dei puberty blocker è fuori tema. Per menzionare solo alcune delle più sorprendenti affermazioni
AGEDO (Associazione Genitori Di Omosessuali) è stata una realtà importante nata nel 1993 per iniziativa di Paola Dall'Orto, fondatrice e presidente fino al 2007 e insignita nel 2009 del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica per la sua attività: "Lo scopo" aveva spiegato "era quello di aiutare quei genitori che si fossero trovati nella nostra stessa situazione: in uno stato di disagio, spesso di disperazione, e quasi sempre nell’ignoranza sull’argomento […] Abbiamo pensato di aiutare questi genitori a conoscere cosa non […]
Leggi ora
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora