ANCHE LA GERMANIA AVRA’ LA SUA LEY TRANS
Il Bundestag si prepara a votare una proposta sul modello dell’orribile legge spagnola che consente la libera scelta del genere anche ai minori con una semplice autodichiarazione all’anagrafe (oltre alla possibilità di cambiare più volte idea). Anche qui in prima linea una donna di sinistra omologa di Irene Montero: la ministra Verde per gli Affari Femminili Lisa Paus. Ma servirà il parere della Corte Costituzionale Federale che esprime molti dubbi sulla cancellazione della categoria “sesso”

Condividi questo articolo

Che cos’è una donna? La risposta che il ministro della Giustizia Buschmann (FDP, Partito Liberale Democratico) e la ministra per gli Affari Femminili Lisa Paus (Verdi, nella foto) danno a questa domanda è: una donna è chi dichiara di essere una donna. Questo è il fulcro del “progetto di legge sull’autodeterminazione in materia di registrazione di genere” che entrambi i ministeri hanno ora presentato.

Con una semplice dichiarazione all’anagrafe, in futuro tutti potranno cambiare il proprio sesso: da maschio a femmina e viceversa; altre due possibilità sono “diverso” o “nessuna iscrizione di genere”. Prerequisiti: nessuno.

“La persona deve affermare con la sua dichiarazione che la voce di genere scelta o la cancellazione della voce di genere corrisponde al meglio alla sua identità di genere”, recita il § 2. Dopo un periodo di tre mesi, la nuova “voce di genere” entra in vigore e tutti i documenti possono essere cambiati. Dopo un anno, il cambiamento può essere annullato. Dopo un altro anno nuovamente cambiato… e così via.

In questo modo, il governo vuole di fatto abolire giuridicamente la categoria di “sesso”, che è una realtà biologica e sociale. Un tentativo che finirà prevedibilmente davanti alla Corte Costituzionale Federale, che nelle sue sentenze sulla transessualità aveva più volte richiesto la “serietà” e la “permanenza” di un cambiamento di sesso. Inoltre, i giuristi si chiedono già come si possa attuare l’uguaglianza tra donne e uomini postulata dalla Costituzione se ogni uomo può dichiararsi donna.  

L’affermazione di un “genere” che può essere scelto liberamente in qualsiasi momento ha già conseguenze drammatiche per le/i giovani, alle/ai quali non solo gli attivisti trans, ma anche lo stesso Stato spiega ora quanto sia facile cambiare il proprio genere. Già oggi, otto giovani su dieci che arrivano nelle cliniche di genere con un “desiderio di transizione” sono ragazze. È ovvio che sono ad alto rischio di “identificarsi” nell’altro sesso a causa delle imposizioni del ruolo femminile. È anche ovvio che il cambiamento di genere è rapidamente seguito da modifiche per ladattamento del corpo “sbagliato”. Anche se il progetto di legge afferma: “Le misure mediche non sono regolamentate in questa legge”.

Di fatto, in Germania (come peraltro in Italia) i bambini vengono già trattati con bloccanti della pubertà e gli ormoni del sesso opposto possono essere somministrati a partire dai 16 anni. Le cliniche tedesche offrono mastectomie, cioè amputazioni del seno, per le minorenni. Basta dare un’occhiata su Internet. E mentre altri Paesi, come la Svezia, hanno praticamente smesso di trattare bambini e adolescenti con bloccanti della pubertà, ormoni e operazioni e si sono impegnati a fondo nella psicoterapia, la Germania sta per stendere il tappeto rosso agli adolescenti con una legge sugli ormoni e le operazioni, esponendoli così al rischio di danni fisici e psicologici irreversibili.  

Secondo la bozza, i genitori dovrebbero essere in grado di cambiare il nome e il sesso dei loro figli al di sotto dei 14 anni – senza alcun esame psicologico. Anche in questo caso, Karlsruhe [sede della Corte Costituzionale Federale, NdT] dovrà chiedersi: In che modo questo è in linea con i diritti dei bambini?

A partire dai 14 anni, i giovani dovrebbero essere in grado di fare la dichiarazione da soli all’anagrafe. Se i tutori non sono d’accordo, “il tribunale familiare sostituisce il consenso”, si legge nella bozza, “se la modifica dell’indicazione del sesso o del nome non è contraria all’interesse del minore”. I giudici dei tribunali familiari sono davvero qualificati per giudicare questo? E che ne è dei diritti dei genitori nel caso di una decisione così grave?

E poi c’è la questione degli spazi e dei domini femminili protetti. Almeno in questo caso, il ministro della Giustizia Buschmann ha capito che c’è un problema quando gli uomini possono dichiararsi donne con un atto verbale. Ha anche capito che la biologia gioca un ruolo nella questione del genere. Ecco perché la bozza contiene diverse eccezioni in cui conta il sesso biologico e non l’iscrizione nei registri dello stato civile. Ad esempio, nello sport. Negli sport scolastici e nelle prove sportive, la valutazione può essere “regolata indipendentemente dall’attuale iscrizione di genere”. Per i servizi sanitari, conta il sesso biologico. Le donne trans possono quindi partecipare allo screening del cancro alla prostata, ad esempio.

Nel caso di un criminale sessuale che si dichiara donna, “i diritti della personalità e gli interessi di sicurezza degli altri detenuti possono, in alcuni casi, entrare in conflitto con il suo trasferimento in un carcere femminile”, si legge nella bozza. In alcuni casi. Le case di accoglienza per donne possono anche decidere “autonomamente”, caso per caso, se accettare un maschio biologico.

Spogliatoi per donne, docce per donne, saune per donne? Le persone non possono “chiedere l’accesso a spazi specifici per un sesso, ad esempio servizi igienici o spogliatoi, dopo un cambiamento di iscrizione del sesso, semplicemente facendo riferimento all’iscrizione nei registri dello stato civile”, si legge nel disegno di legge. Questo è almeno un riconoscimento del problema, ma non è una soluzione. Perché la legge rende il problema di base – gli uomini biologici che vogliono andare nei bagni delle donne – una decisione caso per caso e lo trasferisce all’addetto alla piscina, alla palestra, al rifugio per le donne. E naturalmente alle donne interessate, che all’inizio si trovano di fronte all’uomo biologico nella doccia, per esempio, e devono lamentarsene.

Se e come il personale responsabile reagirà è discutibile. E già la commissaria antidiscriminazione Ferda Ataman ha posto il veto alla decisione. Quando si tratta di accedere a spazi femminili protetti, “l’aspetto esteriore non dovrebbe essere un fattore”. Dopo tutto, non è un uomo a chiedere l’accesso a uno spazio femminile protetto, “ma una donna”. Se si dispone di una funzionaria antidiscriminazione di questo tipo, non si ha bisogno di altri nemici. E la ministra per gli Affari femminili Paus ha appena liquidato le preoccupazioni delle donne interessate come allarmismo: “Questo alimenta paure che non hanno nulla a che fare con la realtà”.

Il disegno di legge, invece, ha chiaramente riconosciuto un caso di potenziale abuso e vi ha posto prontamente fine: Nel “caso di difesa” [cioè nel caso di reclutamento forzato nell’esercito, NdT], gli uomini non possono dichiararsi improvvisamente donne. Devono andare al fronte.

Cosa succederà ora? Il disegno di legge passa ora agli altri ministeri per la cosiddetta consultazione dipartimentale. Inoltre, le associazioni possono commentare, anche senza essere interpellate. Poi il progetto di legge diventa un disegno di legge che viene sottoposto al Consiglio dei Ministri. Se il Consiglio dei Ministri è d’accordo, il disegno di legge passa al Bundestag. Secondo la ministra per gli Affari Femminili Paus, il processo legislativo dovrebbe essere completato prima della pausa estiva, il 1° luglio. Andrà così? 

Chantal Louis

Traduzione di Maria Celeste

Articolo originale qui


Condividi questo articolo
Torna in alto