Accademici britannici contro la cancel culture

Il prossimo 20 novembre sarà presentato il London Universities Council for Academic Freedom, ente che riunisce un centinaio di docenti delle maggiori università inglesi con l’intento di lottare contro la censura e il pensiero unico che negli ultimi anni hanno impedito il confronto e la libertà accademica compromettendo la formazione di migliaia di studenti. Nel mirino soprattutto realtà Lgbtq+ come Stonewall che hanno pesantemente influenzato l’istruzione universitaria e superiore. Era ora, and go on!
Condividi questo articolo

Come riportato dal The Telegraph oltre un centinaio di accademici provenienti dalle migliori università britanniche hanno unito le forze per fronteggiare la crescente minaccia della cancel culture attraverso la creazione di un nuovo ente dedicato alla libertà accademica.

In una pionieristica iniziativa gli studiosi hanno dato vita al "London Universities Council for Academic Freedom" (Consiglio delle università londinesi per la libertà accademica), che coinvolge tutte le istituzioni accademiche della capitale tra cui l'University College London (UCL), il King's College London, l'Imperial College London e la London School of Economics (LSE).

L'obiettivo primario di questa iniziativa è la difesa dei principi fondamentali della ricerca libera, della diversità intellettuale e del dialogo civile. Questo sforzo nasce in risposta alle numerose controversie che negli ultimi anni hanno messo a repentaglio la libertà di espressione all'interno degli ambienti accademici, inclusa la crescente polarizzazione nel dibattito sul conflitto tra Hamas e Israele.

Il gruppo si è ispirato all'Harvard Council on Academic Freedom, lanciato all'inizio dell'anno, e ha già radunato oltre 100 accademici di cui 70 ricoprono la carica di professori. Questi studiosi provengono principalmente dalle "quattro grandi" università londinesi che fanno parte del prestigioso Russell Group.

Principale obiettivo del Consiglio è prevenire scandali legati alla libertà di espressione, dimostrando ai dirigenti delle università la forza del supporto alla libertà accademica e sviluppando risorse atte a contrastare le politiche e le pratiche istituzionali che minano la libertà di parola.

Accademici britannici contro la cancel culture
Alice Sullivan, John Armstrong e Lucinda Platt, membri fondatori del London Universities' Council for Academic Freedom, davanti all'University College London (UCL).

John Armstrong, co-fondatore e professore di matematica finanziaria al King's College di Londra, ha sottolineato l'importanza di combattere la cultura della cancellazione affermando: "Non è solo una questione di destra o sinistra; accademici di qualsiasi orientamento politico devono sentirsi liberi di esplorare idee controverse senza temere ripercussioni sulla propria carriera."

La professoressa Alice Sullivan, altra co-fondatrice esperta di sociologia presso l'UCL, ha ribadito l'importanza di questa iniziativa, affermando che gli accademici devono essere i primi a difendere la libertà di espressione.

Negli ultimi anni, le preoccupazioni sulla libertà accademica sono cresciute ed è fondamentale che l'istruzione superiore dia voce a questi timori, specialmente alla luce delle recenti leggi in materia. Il Consiglio sostiene che la libertà accademica è cruciale per la ricerca della conoscenza e della verità, pilastri fondamentali della missione delle università all'interno di una democrazia.

Il comunicato di lancio del Consiglio afferma chiaramente che le università non dovrebbero adottare posizioni ufficiali su questioni controverse e che si incoraggia un dialogo aperto, onesto, coraggioso e basato sulla ragionata discussione di idee in contrasto sia all'interno che all'esterno delle aule, sempre con rispetto per le persone anche quando si dissentirà dalle loro convinzioni.

Il Consiglio si schiera a favore della discussione aperta, della libertà di protesta e di critica, ma si oppone a qualsiasi tentativo di impedire la libertà di espressione di altri individui indipendentemente dalle loro opinioni lecite.

In un evento di lancio previsto per il 20 novembre presso la London School of Economics prenderà la parola anche Akua Reindorf KC avvocato di spicco noto per aver contrastato la grande influenza della controversa associazione Lgbtqai+ Stonewall nell'istruzione superiore,

Le università londinesi hanno affrontato recenti controversie legate alla libertà di espressione: è il caso degli accademici del King's College London di sinistra che si sono rifiutati di condannare Hamas; dell'università che ha escluso il personale bianco dalle lezioni di tai chi; del professor John Armstrong che ha lottato contro i piani per "decolonizzare" la matematica. L'Imperial College di Londra ha incoraggiato gli studenti ad affrontare "conversazioni difficili" sull'argomento del "privilegio bianco" nella formazione sulla diversità.

Alla London School of Economics termini come "Quaresima" e "Pasqua" sono stati sostituiti con termini non religiosi, e nel 2021 l'ambasciatrice israeliana Tzipi Hotovely è stata costretta a fuggire dal campus a causa di proteste di studenti filo-palestinesi che hanno impedito il suo intervento. L'anno scorso gli accademici dell'LSE hanno chiesto scuse ufficiali alla dirigenza per un "ambiente ostile" nei confronti del personale con opinioni critiche di genere, attribuendo questa situazione a una "cabala ideologica" che gestisce il dipartimento di studi di genere.

traduzione e adattamento di Angela Tacchini



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora