Aborto in USA: qualcosa non torna

Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Condividi questo articolo

Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973.

Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché.

Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe redatto la sentenza, Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh, Amy Coney Barrett) per vincere eventuali resistenze al proprio interno: a quanto pare non tutti, tra i repubblicani, sarebbero ugualmente convinti dell'opportunità di affossare la Roe v. Wade. Viceversa la bozza potrebbe essere stata diffusa da uno dei giudici liberal per scatenare in anticipo le reazioni di protesta che stiamo vedendo in queste ore.

Se la sentenza confermerà il contenuto della bozza sarà una vera catastrofe per le donne americane: molti Stati, come il Texas, hanno già fortemente limitato l'accesso all'interruzione di gravidanza, e sarebbe una valanga nei territori governati dai repubblicani. Di fatto, l'aborto potrebbe diventare reato in gran parte degli Stati Uniti, restando legale solo in alcuni Stati, come la California e dando vita a un vero e proprio "turismo abortivo".

Non si deve però dimenticare lo scenario politico generale -le elezioni di midterm a novembre- e il fatto che Biden è dato come seriamente in disgrazia. Una sentenza come questa gli allungherebbe notevolmente la vita, tant'è che Biden ha già cominciato a cavalcare l'onda invitando a sostenere i candidati pro choice. Va anche detto che secondo tutti i sondaggi 7 cittadini americani su 10 sono favorevoli all'aborto legale.

Perché mai i repubblicani dovrebbero pregiudicare una vittoria che hanno già in tasca, alienandosi i consensi della stragrande maggioranza delle donne americane?

La vicenda è tutt'altro che chiara.

Alcuni commentatori liberal, per finire, si stanno lanciando in paragoni azzardati, sostenendo che questa sentenza fa parte a pieno titolo del contrattacco anti-gender in atto, e ne danno la responsabilità anche a femministe gender critical come Abigail Shrier, in prima linea contro le transizioni di bambine e bambini.

Questa lettura va respinta con forza.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
20 Aprile 2022
Università di Barcellona: prof femminista boicottata dagli studenti queer
Un altro caso Stock, questa volta nell'ateneo catalano. Presa di mira la docente e scrittrice femminista Juana Gallego a causa del suo gender criticism. Casi che si moltiplicano in tutte le accademie occidentali, ma le autorità stanno a guardare. L'iniziativa a sostegno della docente lanciata dal femminismo spagnolo
Juana Gallego, scrittrice e docente all'Universitat Autònoma de Barcelona -Master di Genere e Comunicazione- ​​è sotto attacco da parte degli studenti queer che prima dell'inizio del corso hanno annunciato al coordinatore del master che avrebbero boicottato le sue lezioni a causa delle idee che esprime sui media o nel suo blog. Una vicenda che ricorda quella di molte altre docenti -il caso più famoso quello di Kathleen Stock- allontanate dalle università per le loro posizioni gender critical. Della questione della […]
Leggi ora
16 Aprile 2022
New Jersey. Gravidanze in prigione femminile dopo l'arrivo di "detenute" trans
Due detenute incinte nel carcere femminile del New Jersey dopo l’arrivo di prigionieri transgender. A nulla sono servite le denunce di molestie da parte di uomini che "si identificano" come donne e le proteste delle guardie. L’autodeterminazione di genere pesa come un macigno sul sistema carcerario USA
Due detenute sono rimaste incinte dopo aver avuto rapporti con un prigioniero transgender all’interno dell’unico carcere femminile del New Jersey, l’istituto correzionale “Edna Mahan”. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa il responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento delle Correzioni dello stato. Non è chiaro se le detenute abbiano avuto rapporti con lo stesso detenuto trans-identificato e se intendano portare avanti la gravidanza. I responsabili della prigione, da tempo nell’occhio del ciclone per accuse di abusi, hanno specificato che i […]
Leggi ora
10 Aprile 2022
USA: il capitalismo woke minaccia la democrazia
Emblematico il caso della Disney super-gay friendly, in rivolta contro la nuova legge della Florida che ostacola l'insegnamento sull'identità di genere nelle scuole. La gran parte delle aziende americane è pro Lgbtq, e prepara scioperi e rappresaglie contro la volontà popolare che va in un'altra direzione. Una vera e propria lotta di classe di CEO e manager contro la maggioranza dei cittadini: l'illuminante saggio di Darel E. Paul. Imperdibile
Schwa, bagni gender neutral, teorie queer, intersezionalità, “transfemminismo” pro industria dello sfruttamento sessuale, tutti i “problemi da primo mondo” che stanno a cuore al mondo del politicamente corretto vanno al di là della politica della destra/sinistra. Sono le manifestazioni di un nuovo potere economico che gli esperti chiamano “capitalismo woke”. Vi presentiamo la sintesi di “Il capitale woke nel XXI secolo”, un saggio di Darel E. Paul, professore di scienze politiche al prestigioso Williams College, che esamina la questione del […]
Leggi ora