Why media, corporations, and advertising support Gender Ideology.

With rare exceptions, the media regularly fails to report anything that doesn’t portray gender ideology and transhumanism in a good light.
Condividi questo articolo

There is almost complete global silence on the Keira Bell ruling in the UK, which denied that children under the age of 16 could consent to take puberty blockers. At almost the very same time as the Bell victory, the international media instead chose to celebrate the gender transition of Hollywood star Ellen-Elliot Page. It was a hard struggle to get the news out about the babies born from surrogate wombs and stored like merchandise in hotels in Kyiv, there was a near-total blackout by the Canadian media about the male convicts who self-id as trans being transferred to women's prisons, and embarrassed silence in the world of sports journalism regarding male athletes who claim to be female and outperform their opponents in the women's categories. And so on.

Alberto Contri teaches Social Communication at IULM in Milan and has worked in the field of communication and advertising all his life. He has been a director of RAI, CEO of Rainet and led Pubblicità Progresso (an organization that produces free public service advertising) for twenty years. He has recently published La Sindrome del Criceto (Hamster Syndrome) and founded the GRU (Human Resistance Group). We asked him why the media are meticulously attentive to the interests of the LGBT+ minority (more precisely, GBTQ+: the L’s get the same inadequate consideration as women ever got).

“Simple,” he replies. Because although that community continues to be a minority of the population, it is no longer a minority in the control rooms of the media, the boards of directors of large companies and multinationals, in international political bodies or wherever significant decisions are made. I would like to talk about lobbies, but I can't, because it always raises a fuss. In any case, these groups have the necessary power to block unwanted news or, vice versa, to disseminate news that is considered useful to the cause, to establish hiring quotas in large companies, to agree on internal codes of conduct, and so on.”

The editor of a newspaper told me that he received the cancellation of advertising contracts from some fashion brands for publishing one of those' unwelcome' news items. Do advertisers count in this media blackout?

“Absolutely! Today’s mainstream panders to the (L)GBTQ+ market. It is the directive to companies from Accenture, which is a big consulting and marketing company, and many other companies of that type. So Procter & Gamble decided to remove the Venus symbol (♀, used to indicate the female sex) from the packaging of menstrual products because it displeased female customers who identify as transmen. After a mail campaign led by transactivists, the company decided to adopt the new packaging: 'We realize that not everyone who has their period and needs to use a tampon identifies as female'. In the beginning, gender equality was understood as equality between women and men, and companies were advised to show sensitivity to the issue. Today, however, the concept of equality and inclusiveness has been extended to the whole cauldron of what is called gender, which has seen the woman-man binary deflagrate into 53 different identities if I am not mistaken. A single undifferentiated gruel in which identity actually disappears. All differences should be valued and respected, but in this way, we arrive at the opposite result, the disappearance of identity in a sort of Babel.”

But the queer target audience is numerically a minority, while women are the majority of humans. How do companies benefit from this investment?

“With extraordinary skill, the idea has been imposed that this is the real trend, while women are an ‘old’ target that is no longer worth pursuing. What's more, if you cause trouble and stand in the way, you are called transphobic, and that's it. This produces conformity and fear: my students think that defending this state of affairs is equivalent to being democratic and progressive. Political correctness has brought us to this result, the fear of saying what you really think. A climate of terror that by now, a little late has also arrived in Italy. But this situation is destined to end: in my book, I report the opinion of Giuseppe Minoia, honorary president of GFK-Eurisko, one of the most authoritative social researchers in the country.”

What does he say?

“The media's objective,” he explains, “is not to mirror reality, but increasingly to put weak signals under a magnifying glass to amaze, surprise, and be the first to report new behaviour and attitudes... But the media are not just storytellers, they are opinion makers, they are influencers. They are capable of transforming a weak signal into a strong one... There is a conviction that what is new, unexplored, and surprising and shocking 'sells' more and better. And this conviction is influencing products, communication, society, politics, ideas, in all vital spheres... This has nothing to do with the defence of the sacrosanct rights of minorities... One wonders why so-called nationalist parties/movements are gaining such wide support: perhaps because parties/movements of the opposite side have identified too much with the weak signals of society, magnified by the media lens for commercial purposes... I advise them to pay attention to the mainstream again.”

And in fact, in the British and American media, the wall of silence is beginning to show signs of breaking, the counter-trend is beginning to manifest itself. To conclude: in Italy, we do not have a great tradition of consumer mobilization, but how do you think women could usefully move in this direction too, for example by indicating women-friendly companies and products?

Above all by boycotting, and making themselves heard with mail campaigns and other protest initiatives against misogynistic companies and media, including TV.

I know of big newspapers that hesitate to publish gender-critical news because they are immediately attacked by teams of organized activists, and the editors don't want any trouble...

“I assure you that if a company or a newspaper receives even just 100 protest emails, the general alarm sounds. The power of these tools should not be underestimated. In Italy, the flood wave is only now arriving, but the so-called peak trans is now behind us. We must have confidence.”

Marina Terragni, March, 29th 2021: read the article here
Translated by Tania Alessandrini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora