Why media, corporations, and advertising support Gender Ideology.

With rare exceptions, the media regularly fails to report anything that doesn’t portray gender ideology and transhumanism in a good light.
Condividi questo articolo

There is almost complete global silence on the Keira Bell ruling in the UK, which denied that children under the age of 16 could consent to take puberty blockers. At almost the very same time as the Bell victory, the international media instead chose to celebrate the gender transition of Hollywood star Ellen-Elliot Page. It was a hard struggle to get the news out about the babies born from surrogate wombs and stored like merchandise in hotels in Kyiv, there was a near-total blackout by the Canadian media about the male convicts who self-id as trans being transferred to women's prisons, and embarrassed silence in the world of sports journalism regarding male athletes who claim to be female and outperform their opponents in the women's categories. And so on.

Alberto Contri teaches Social Communication at IULM in Milan and has worked in the field of communication and advertising all his life. He has been a director of RAI, CEO of Rainet and led Pubblicità Progresso (an organization that produces free public service advertising) for twenty years. He has recently published La Sindrome del Criceto (Hamster Syndrome) and founded the GRU (Human Resistance Group). We asked him why the media are meticulously attentive to the interests of the LGBT+ minority (more precisely, GBTQ+: the L’s get the same inadequate consideration as women ever got).

“Simple,” he replies. Because although that community continues to be a minority of the population, it is no longer a minority in the control rooms of the media, the boards of directors of large companies and multinationals, in international political bodies or wherever significant decisions are made. I would like to talk about lobbies, but I can't, because it always raises a fuss. In any case, these groups have the necessary power to block unwanted news or, vice versa, to disseminate news that is considered useful to the cause, to establish hiring quotas in large companies, to agree on internal codes of conduct, and so on.”

The editor of a newspaper told me that he received the cancellation of advertising contracts from some fashion brands for publishing one of those' unwelcome' news items. Do advertisers count in this media blackout?

“Absolutely! Today’s mainstream panders to the (L)GBTQ+ market. It is the directive to companies from Accenture, which is a big consulting and marketing company, and many other companies of that type. So Procter & Gamble decided to remove the Venus symbol (♀, used to indicate the female sex) from the packaging of menstrual products because it displeased female customers who identify as transmen. After a mail campaign led by transactivists, the company decided to adopt the new packaging: 'We realize that not everyone who has their period and needs to use a tampon identifies as female'. In the beginning, gender equality was understood as equality between women and men, and companies were advised to show sensitivity to the issue. Today, however, the concept of equality and inclusiveness has been extended to the whole cauldron of what is called gender, which has seen the woman-man binary deflagrate into 53 different identities if I am not mistaken. A single undifferentiated gruel in which identity actually disappears. All differences should be valued and respected, but in this way, we arrive at the opposite result, the disappearance of identity in a sort of Babel.”

But the queer target audience is numerically a minority, while women are the majority of humans. How do companies benefit from this investment?

“With extraordinary skill, the idea has been imposed that this is the real trend, while women are an ‘old’ target that is no longer worth pursuing. What's more, if you cause trouble and stand in the way, you are called transphobic, and that's it. This produces conformity and fear: my students think that defending this state of affairs is equivalent to being democratic and progressive. Political correctness has brought us to this result, the fear of saying what you really think. A climate of terror that by now, a little late has also arrived in Italy. But this situation is destined to end: in my book, I report the opinion of Giuseppe Minoia, honorary president of GFK-Eurisko, one of the most authoritative social researchers in the country.”

What does he say?

“The media's objective,” he explains, “is not to mirror reality, but increasingly to put weak signals under a magnifying glass to amaze, surprise, and be the first to report new behaviour and attitudes... But the media are not just storytellers, they are opinion makers, they are influencers. They are capable of transforming a weak signal into a strong one... There is a conviction that what is new, unexplored, and surprising and shocking 'sells' more and better. And this conviction is influencing products, communication, society, politics, ideas, in all vital spheres... This has nothing to do with the defence of the sacrosanct rights of minorities... One wonders why so-called nationalist parties/movements are gaining such wide support: perhaps because parties/movements of the opposite side have identified too much with the weak signals of society, magnified by the media lens for commercial purposes... I advise them to pay attention to the mainstream again.”

And in fact, in the British and American media, the wall of silence is beginning to show signs of breaking, the counter-trend is beginning to manifest itself. To conclude: in Italy, we do not have a great tradition of consumer mobilization, but how do you think women could usefully move in this direction too, for example by indicating women-friendly companies and products?

Above all by boycotting, and making themselves heard with mail campaigns and other protest initiatives against misogynistic companies and media, including TV.

I know of big newspapers that hesitate to publish gender-critical news because they are immediately attacked by teams of organized activists, and the editors don't want any trouble...

“I assure you that if a company or a newspaper receives even just 100 protest emails, the general alarm sounds. The power of these tools should not be underestimated. In Italy, the flood wave is only now arriving, but the so-called peak trans is now behind us. We must have confidence.”

Marina Terragni, March, 29th 2021: read the article here
Translated by Tania Alessandrini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora