Via la misandria dal ddl Zan: una mannaia per madri e bambini, un regalo per i padri abusanti

Parla Antonella Penati, madre di Federico ucciso dal padre durante un incontro "protetto". Il tribunale e anche la Cedu non ritengono responsabili di omessa protezione gli assistenti sociali che dovevano tutelare il bambino. E ora, dopo la Pas, contro donne e bambini si preannuncia il pericolo "misandria"
Condividi questo articolo

Strappare con la forza bambine e bambini terrorizzati dalle loro case, portandoli via alle madri.

Pisa, 15 giugno: prelevamento coatto di un bambino di 8 anni allontanato dalla mamma per ordine del Tribunale ordinario con l’intervento di 11 ufficiali pubblici che lo hanno costretto a un improvviso cambio di residenza, per consegnarlo al padre con cui non ha mai abitato -in Sicilia- in nome del cosiddetto diritto alla bigenitorialità.
Le psicologhe di Protocollo Napoli stigmatizzano l'accaduto, l'Ordine degli Psicologi della Lombardia sembra invece voler ridare forza alla teoria ascientifica della PAS -sindrome di alienazione parentale- fonte di strazi giudiziari ed esistenziali per molte madri e bambine-i vittime di violenza e abusi.

Umbria, pochi giorni fa, un bambino viene tolto dalle braccia della madre e trasferito in casa famiglia, con tanto di intervento dei sanitari. Qui il racconto straziante del giornalista - padre di due bambine/i - che ha assistito ai fatti.

Laura Massaro sta attendendo l'esecuzione del decreto che la separerà per sempre dal suo bambino. Insieme a lei altre madri e altre bambine-i vivono questo supplizio quotidiano. E non a causa di abusi, maltrattamenti o inadeguatezza genitoriale, ma in seguito ad accuse di PAS e ad azioni legali intentate dagli ex-mariti o compagni, padri dei loro figli.

Antonella Penati -suo malgrado- è la memoria storica di questi orrori.

Il 25 febbraio 2009 il suo bambino, Federico Barakat, 8 anni, è stato ucciso dal padre Mohamed durante un incontro "protetto" disposto dal giudice e dai servizi sociali nel consultorio ASL di San Donato Milanese. Un colpo di pistola e 37 coltellate. Antonella era stata giudicata una madre "alienante" che ostacolava i rapporti tra padre e figlio, nonostante un tentato omicidio e anni di stalking da parte dell'uomo. “Vuole ucciderlo" aveva segnalato il pericolo. "Non fategli incontrare suo figlio”. Federico aveva paura di suo padre. Aveva ragione di temerlo.

Dopo tre gradi di giudizio i due assistenti sociali e l’educatore incaricati di proteggere il bambino sono stati assolti, perché ritenuti non responsabili. Rivoltasi alla Corte Europea per i Diritti Umani, nemmeno lì Penati ha ottenuto giustizia. La Corte ha aggirato la domanda dei legali: chi aveva l’obbligo di tutelare la vita del bambino affidato ad un ente dello Stato? Quello di Federico è l'unico caso in Occidente di bambino ucciso in ambito protetto. La Cedu si è limitata ad affermare la regolarità del processo. La memoria difensiva dello Stato italiano, che Antonella definisce scandalosa, è stata scritta dalla stessa giudice Maria Grazia Civinini che in questi giorni ha ordinato il prelevamento forzato del bambino di Pisa.

Ma il silenzio stampa sulla sentenza Cedu emessa l' 11 maggio scorso è assoluto.

"Questa sentenza" dice Penati "segnerà il punto di non ritorno rispetto alla convenzione di Instanbul e più in generale riguardo ai diritti delle donne e dei minori. Di fatto afferma che lo Stato non aveva il dovere di difendere Federico. Ma il diritto alla vita deve essere certo e indisponibile. Quindi chi protegge i bambini nel corso degli incontri "protetti"? Ammettere la mancanza di protezione di un bambino affidato all’ente pubblico avrebbe messo in discussione tutto il sistema”.

Quale sistema?

"Quello delle case-famiglia, delle cooperative, dei centri antiviolenza, dei servizi sociali che lavorano sulla sottrazione di minori. Tutti zitti. Come se questa sentenza Cedu non fosse un problema che riguarda i diritti di migliaia di bambini italiani ed europei. Solo in Italia, almeno 70 mila bambini affidati ai servizi sociali e territoriali. Mio figlio fu ucciso proprio nel momento in cui la Pas cominciava a entrare nei tribunali italiani".

Spieghiamo ancora che cos'è la Pas.

"E' una mostruosa teoria elaborata dallo psichiatra forense americano Richard Gardner, misogino violento e pedofilo, che prima di approdare in Europa aveva già prodotto effetti devastanti negli Stati Uniti determinando la morte civile, psichica e spesso anche fisica di migliaia di bambini sottratti alle madri, bambini che in molti casi hanno tentato il suicidio e ci sono riusciti, in altri sono stati vittime di pedofilia. Finché i tribunali americani non dissero basta, avendo dovuto contatare che questa ideologia faceva vincere pedofili, abusanti, maltrattanti e violenti. Gardner arrivò a teorizzare che una madre che denunciava il padre per abusi sessuali sui figli era semplicemente un'isterica incapace di capire che questi contatti fisici avevano la funzione di preparare i bambini alla futura sessualità".

Tramontata negli Usa, la Pas cominciò a dilagare nei tribunali di tutta Europa.

"Con un aumento esponenziale dei casi. Non è mai passata l'idea che c'è un preciso collegamento tra figlicidi e violenze sulla madre, al punto che si può arrivare ad affermare che il figlicidio è un femminicidio. Solo pochi anni fa anche in Europa è stata dichiarata l'assoluta infondatezza scientifica della teoria di Gardner. Gli unici Paesi occidentali che non smettono di ricorrere alla Pas sono Italia e Brasile. Da noi non esiste formazione per chi è preposto alla tutela delle donne e dei bambini, che renda capaci di riconoscere i fattori di rischio. A questo si aggiunge una cultura misogina radicata e diffusa, che nutre una teoria spazzatura basata sulla malevolenza femminile. E la legge 54 sulla bigenitorialità "paritaria" non tiene conto della violenza domestica e/o assistita. Soprattutto non riconosce bambine e bambini come titolari di diritti".

Però qualche settimana fa anche la nostra Corte di Cassazione ha dichiarato l'assoluta infondatezza scientifica della Pas...

"Ma come vedi nei tribunali non si rinuncia a utilizzarla. Il sistema della Pas, lo dicevamo prima, fa comodo a troppi. Perfino ai centri antiviolenza, alle case rifugio, al giro delle famiglie affidatarie. C'è anche la paura di mettersi contro i servizi sociali, di perdere i finanziamenti pubblici... L'avvocata che ha difeso le tre persone coinvolte nel caso di mio figlio era l'avvocata di riferimento di un centro antiviolenza. Il CISMAI -Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'Abuso all'Infanzia- raduna avvocati, giudici, psicologi, terzo settore, centri antiviolenza. Quando mio figlio venne ucciso tra le persone coinvolte c'era anche un membro del cda del CISMAI. E' questo che intendo per sistema".

Quindi il pronunciamento della Cassazione non cambierà le cose?

"Probabilmente cambierà solo il nome della cosa. Per salvare la cosa. Da Pas, per esempio, si potrà passare a misandria, il nuovo capo di accusa contro le donne sarà questo".

Il ddl Zan contro l'omobitransfobia è anche contro la misandria. L'ha ribadito più volte il suo primo firmatario (ne avevamo parlato qui).

"E' una cosa sconcertante. Una decisione pericolosissima, una mannaia per le donne. Li vedo già, questi padri violenti, che accusano le madri di odio misandrico. Anche più semplice che accusarle di Pas! Questa cosa non può assolutamente passare. Non sono affatto contraria a una legge che punisca l'odio omotransfobico, ci mancherebbe. Ma non c'entra nulla. Si lasci fuori la misandria! Si lascino stare le donne! Mi auguro che si tratti solo di inconsapevolezza e non invece di voler strizzare l'occhio alle potenti associazioni dei padri separati. Il pericolo è lo stesso dei primi anni 2000, quando non si vollero ascoltare gli allarmi sulla Pas: che oggi non si veda il rischio della misandria. Tutte le donne dovrebbero mobilitarsi contro questa cosa".

Con l'associazione Federico nel cuore Antonella Penati continua nel suo lavoro contro la violenza istituzionale sulle madri e su bambine-i e ha chiesto un pronunciamento al Presidente Mattarella e alla ministra Marta Cartabia.



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora