Sul sessismo (profondo)della lingua italiana

Condividi questo articolo

LA TERRA 

Se qualche settimana fa avesse dovuto sorbirsi Sanremo 2021, la linguista Alma Sabatini si sarebbe rammaricata per molte cose, non ultima l’insistenza con cui una direttrice d’orchestra ha chiesto di essere chiamata direttore. Non credo però che si sarebbe costernata o disperata.

Da fine sociolinguista Sabatini sapeva quanto a fondo si ponga, nella lingua che ci è data, un principio androcentrico che organizza l’universo linguistico attorno a un parlante maschio. Sapeva quanto truccato sia il dimorfismo della lingua trecentesca/ barocca che parliamo, con le sue dissimmetrie grammaticali e semantiche. Conosceva dunque, palmo a palmo, il senso di immanenza e minorità a cui il femminile è destinato nel sistema della lingua, e conosceva le coloriture irridenti e prosaiche che gli agentivi femminili portano spesso in dote - giacché direttrice, ahinoi, fa rima con nutrice e con meretrice - non certo con procuratore. Ma Alma Sabatini sapeva anche che il potere delle pratiche discorsive che ci marginalizzano risiede nel loro passare inosservate, perché questo consente loro di produrre un effetto cumulativo a livello inconscio. E dunque Sabatini avrebbe forse persino ringraziato il direttore Venezi per aver tanto candidamente - e a reti unificate - messo a nudo gli effetti di quei costrutti, e per aver avventatamente risollevato la questione.  Certo, perché bisogna sollevarla la polvere se vogliamo toglierla da sotto al tappeto. Architetta, ingegnera, ministra probabilmente suonano male e fanno ridere. C’è asimmetria semantica, lo sappiamo.

La storia della semantica la conosciamo per forza, l’abbiamo vissuta sulla nostra pelle. E adesso, secondo voi, dopo millenni a incensarvi e a farci piccole dovremmo stare qua ad aspettare il vostro pregiato “riconoscimento semantico” e nel frattempo rispettare lusingate i vostri titoli nobiliari per linea patrilineare? Scordatevelo! Non collaboreremo! Non ci atterremo al vostro beneplacito! Noi vi accendiamo sotto al naso arricciato la miccia della sovversione femminista che no, non sta al suo posto. Storpieremo i vostri adorati agentivi maschili e vi inventeremo sotto al naso parole nuove che sarete costretti a trascrivere con malcelato disprezzo mentre noi ce la ridiamo. Io sarò poeta, e lei sarà architetta, avvocata, e se non vi basta una direttrice io sarò pure direttora. E poi sarò anche muratora e ingegnera e tutto ciò che vi punge lo sentirete all’infinito. E ve le spiattelleremo in faccia queste parole mentre storcete il naso soppesando come riconoscerci e come no. Perché sono agli sgoccioli i secoli in cui ci avete cancellato e ridotte al silenzio dietro al vostro maschile universale. Le desinenze le avete usate per metterci all’angolo: tanto peggio per voi, adesso i suffissi ce li inventiamo, finché sarete costretti a fare i conti con le parole con cui ci avete sommerse di nullismo e affogato di ridicolezze.  

W la poeta! W chiunque scoppi di fastidio! Noi qui rivendichiamo l’uso delle nostre armi sintattiche e il gioco insolente delle parole stonate, storpiate, irriverenti e incuranti del vostro riconoscimento.  Il suono di una discordanza vi sommergerà!  

PPPPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR  (citando liberamente una meravigliosa Alessandra Pi.) 

IL CIELO 

C’è altro, ovviamente. Non c’è solo la terra, c’è anche il cielo. Non è solo questione di linguaggio inclusivo, come in una cartolina che deve ritrarre per benino tutti/e/*. La lingua rende una visione del mondo, certo, ma non è una riduzione in scala - perché una lingua non funziona semplicemente come una vetrina o una fiera dell’est. Una lingua fa anche un’altra cosa, assai più esoterica: innerva il contatto col sé, in chi parla. La lotta è sui corpi delle donne e ciò significa, precisamente, che essa comincia con alcuni atti di aggressione sulle loro psiche. "Proprio perché in italiano ogni nome deve avere un genere grammaticale, cioè deve essere maschile o femminile, questa caratteristica ha perso la sua funzione semantica o referenziale. Il maschile non marcato non ha alcuna relazione con la categoria extra-linguistica del genere sessuale, essendo una struttura puramente formale” tranquillizzava Giulio Lepschy nel 1988, per sedare il seme gettato da Sabatini - e spiace vedere un professorone che la fa così semplice.  Certo, alla desinenza maschile è conferita una valenza marcatamente neutra e puramente formale e tutta una serie di strutture morfologiche della lingua si mobilitano allo scopo. Ma niente di simile accade per la desinenza al femminile. E non è questione solo di maschile sovra-esteso (tra sostantivi), è qualcosa che accade più in profondità, in zone più protette e decisive della lingua, laddove operano i suoi elementi di maggior peso specifico: accade nella morfologia dei verbi. “Ieri ho lavorata tanto”. “Perché ieri sera non hai cantata?” “Per quante ore hai camminata?” 

Come vi suonano? È’ chiara la valenza puramente grammaticale di queste desinenze al femminile, vero? Ma, nella lingua che ci è data, la desinenza al femminile questa trascendenza se la può sognare, è appannaggio di altri. Per la desinenza al femminile resta, fondamentalmente, la funzione di segnalare il sesso femminile di chi parla. Oltre alla luna, le stelle e le maree, beninteso. E soltanto se non vi sono di mezzo ruoli di prestigio.  Così ridotta ad anomalia nella lingua, la desinenziazione al femminile è perfetta per ottenere una inesorabile estromissione della femminilità dal sé di chi, femmina, parla. E così la lingua registra, e nel contempo agisce, l’interdizione seminale che il dominio maschile ci rivolge, l’interdizione più profonda e nefasta, quella che le femministe della prima ondata, senza tanti discorsi, individuarono subito, con fiuto esatto e tempestivo: l’interdizione al “partire da sé”.  Perché, certo, è possibile, ma è più ardimentoso, partire da sé se la lingua con cui pensi, parli, scrivi e sogni derubrica a particolarità e/o a nota distintiva un tuo aspetto inerente e intrinseco.

Gli effetti di questa estromissione linguistica sono quelli precisamente voluti, psichici e comportamentali, amplificati dal suo accumularsi nell’inconscio (e nel corso delle generazioni.)  Abituate mediante l’uso linguistico a estromettere dal sé la propria sessuatezza le donne perdono la capacità e l’abitudine a disporne e a trascenderla, cioè a combinarla con il resto di sé, vivendola quindi più come un elemento normante, greve di precisi obblighi, piuttosto che come una risorsa e una libertà.  

Non ho mai potuto sopportare il pensiero di essere compresa sotto un concetto. Mi tiro indietro davanti agli atti che ricadono nell’essenza, non mi lascio definire. Io non voglio essere qualcosa, perché sono una donna, e voglio il cielo”.

È un pensiero tratto dai Cahiers notturni di Paul Valery, ma qui mi piace proporlo declinato al femminile, perché riecheggia l’atto alla base della pratica di autocoscienza. 

Elena Urru

La gran parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora