31 Marzo 2021

Sul sessismo (profondo)della lingua italiana

Condividi questo articolo

LA TERRA 

Se qualche settimana fa avesse dovuto sorbirsi Sanremo 2021, la linguista Alma Sabatini si sarebbe rammaricata per molte cose, non ultima l’insistenza con cui una direttrice d’orchestra ha chiesto di essere chiamata direttore. Non credo però che si sarebbe costernata o disperata.

Da fine sociolinguista Sabatini sapeva quanto a fondo si ponga, nella lingua che ci è data, un principio androcentrico che organizza l’universo linguistico attorno a un parlante maschio. Sapeva quanto truccato sia il dimorfismo della lingua trecentesca/ barocca che parliamo, con le sue dissimmetrie grammaticali e semantiche. Conosceva dunque, palmo a palmo, il senso di immanenza e minorità a cui il femminile è destinato nel sistema della lingua, e conosceva le coloriture irridenti e prosaiche che gli agentivi femminili portano spesso in dote - giacché direttrice, ahinoi, fa rima con nutrice e con meretrice - non certo con procuratore. Ma Alma Sabatini sapeva anche che il potere delle pratiche discorsive che ci marginalizzano risiede nel loro passare inosservate, perché questo consente loro di produrre un effetto cumulativo a livello inconscio. E dunque Sabatini avrebbe forse persino ringraziato il direttore Venezi per aver tanto candidamente - e a reti unificate - messo a nudo gli effetti di quei costrutti, e per aver avventatamente risollevato la questione.  Certo, perché bisogna sollevarla la polvere se vogliamo toglierla da sotto al tappeto. Architetta, ingegnera, ministra probabilmente suonano male e fanno ridere. C’è asimmetria semantica, lo sappiamo.

La storia della semantica la conosciamo per forza, l’abbiamo vissuta sulla nostra pelle. E adesso, secondo voi, dopo millenni a incensarvi e a farci piccole dovremmo stare qua ad aspettare il vostro pregiato “riconoscimento semantico” e nel frattempo rispettare lusingate i vostri titoli nobiliari per linea patrilineare? Scordatevelo! Non collaboreremo! Non ci atterremo al vostro beneplacito! Noi vi accendiamo sotto al naso arricciato la miccia della sovversione femminista che no, non sta al suo posto. Storpieremo i vostri adorati agentivi maschili e vi inventeremo sotto al naso parole nuove che sarete costretti a trascrivere con malcelato disprezzo mentre noi ce la ridiamo. Io sarò poeta, e lei sarà architetta, avvocata, e se non vi basta una direttrice io sarò pure direttora. E poi sarò anche muratora e ingegnera e tutto ciò che vi punge lo sentirete all’infinito. E ve le spiattelleremo in faccia queste parole mentre storcete il naso soppesando come riconoscerci e come no. Perché sono agli sgoccioli i secoli in cui ci avete cancellato e ridotte al silenzio dietro al vostro maschile universale. Le desinenze le avete usate per metterci all’angolo: tanto peggio per voi, adesso i suffissi ce li inventiamo, finché sarete costretti a fare i conti con le parole con cui ci avete sommerse di nullismo e affogato di ridicolezze.  

W la poeta! W chiunque scoppi di fastidio! Noi qui rivendichiamo l’uso delle nostre armi sintattiche e il gioco insolente delle parole stonate, storpiate, irriverenti e incuranti del vostro riconoscimento.  Il suono di una discordanza vi sommergerà!  

PPPPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR  (citando liberamente una meravigliosa Alessandra Pi.) 

IL CIELO 

C’è altro, ovviamente. Non c’è solo la terra, c’è anche il cielo. Non è solo questione di linguaggio inclusivo, come in una cartolina che deve ritrarre per benino tutti/e/*. La lingua rende una visione del mondo, certo, ma non è una riduzione in scala - perché una lingua non funziona semplicemente come una vetrina o una fiera dell’est. Una lingua fa anche un’altra cosa, assai più esoterica: innerva il contatto col sé, in chi parla. La lotta è sui corpi delle donne e ciò significa, precisamente, che essa comincia con alcuni atti di aggressione sulle loro psiche. "Proprio perché in italiano ogni nome deve avere un genere grammaticale, cioè deve essere maschile o femminile, questa caratteristica ha perso la sua funzione semantica o referenziale. Il maschile non marcato non ha alcuna relazione con la categoria extra-linguistica del genere sessuale, essendo una struttura puramente formale” tranquillizzava Giulio Lepschy nel 1988, per sedare il seme gettato da Sabatini - e spiace vedere un professorone che la fa così semplice.  Certo, alla desinenza maschile è conferita una valenza marcatamente neutra e puramente formale e tutta una serie di strutture morfologiche della lingua si mobilitano allo scopo. Ma niente di simile accade per la desinenza al femminile. E non è questione solo di maschile sovra-esteso (tra sostantivi), è qualcosa che accade più in profondità, in zone più protette e decisive della lingua, laddove operano i suoi elementi di maggior peso specifico: accade nella morfologia dei verbi. “Ieri ho lavorata tanto”. “Perché ieri sera non hai cantata?” “Per quante ore hai camminata?” 

Come vi suonano? È’ chiara la valenza puramente grammaticale di queste desinenze al femminile, vero? Ma, nella lingua che ci è data, la desinenza al femminile questa trascendenza se la può sognare, è appannaggio di altri. Per la desinenza al femminile resta, fondamentalmente, la funzione di segnalare il sesso femminile di chi parla. Oltre alla luna, le stelle e le maree, beninteso. E soltanto se non vi sono di mezzo ruoli di prestigio.  Così ridotta ad anomalia nella lingua, la desinenziazione al femminile è perfetta per ottenere una inesorabile estromissione della femminilità dal sé di chi, femmina, parla. E così la lingua registra, e nel contempo agisce, l’interdizione seminale che il dominio maschile ci rivolge, l’interdizione più profonda e nefasta, quella che le femministe della prima ondata, senza tanti discorsi, individuarono subito, con fiuto esatto e tempestivo: l’interdizione al “partire da sé”.  Perché, certo, è possibile, ma è più ardimentoso, partire da sé se la lingua con cui pensi, parli, scrivi e sogni derubrica a particolarità e/o a nota distintiva un tuo aspetto inerente e intrinseco.

Gli effetti di questa estromissione linguistica sono quelli precisamente voluti, psichici e comportamentali, amplificati dal suo accumularsi nell’inconscio (e nel corso delle generazioni.)  Abituate mediante l’uso linguistico a estromettere dal sé la propria sessuatezza le donne perdono la capacità e l’abitudine a disporne e a trascenderla, cioè a combinarla con il resto di sé, vivendola quindi più come un elemento normante, greve di precisi obblighi, piuttosto che come una risorsa e una libertà.  

Non ho mai potuto sopportare il pensiero di essere compresa sotto un concetto. Mi tiro indietro davanti agli atti che ricadono nell’essenza, non mi lascio definire. Io non voglio essere qualcosa, perché sono una donna, e voglio il cielo”.

È un pensiero tratto dai Cahiers notturni di Paul Valery, ma qui mi piace proporlo declinato al femminile, perché riecheggia l’atto alla base della pratica di autocoscienza. 

Elena Urru

La gran parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
10 Giugno 2022
Madonna mistress sadomaso
Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri. Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, […]
Leggi ora
4 Marzo 2022
Contro la guerra, trovare le parole
Vi invitiamo a mettere in comune i vostri pensieri sulla situazione in Ucraina, sottraendoli al campo di battaglia dei social network. Parole che ci aiutino a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare un senso andato perduto. Mandateci i vostri testi
Guerra è assoluta perdita di senso, sostituzione delle parole con gesti violenti. Tenere vive le parole, investirle di fiducia, farne nascere di nuove è un lavoro preziosissimo che può arginare la distruzione. Non tanto e non solo le parole che servono alla diplomazia e alla negoziazione. Soprattutto le parole che ci aiutano a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare il senso andato perso. Non le parole dei flame sui social network, che ci obbligano a prendere […]
Leggi ora
14 Novembre 2021
Femminismo Radicale per il 21° secolo: un'antologia
Curato da Elizabeth Miller il saggio “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century” raccoglie contributi di donne di tutto il mondo. E delinea mezzi e obiettivi per la definitiva liberazione dall'oppressione patriarcale
“Filare” e “tessere”: il tempo della crisi Covid, rallentando i tempi del quotidiano ci ha offerto questa opportunità preziosa, aprendo spazi inusitati di riflessione e sguardi attenti al presente-futuro. “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century”, curata da Elizabeth Miller, raccoglie contributi di donne di tutto il mondo che delineano il Femminismo Radicale del 21° secolo. Di che cosa parla il testo? Quali risultati emergono? Cosa si dicono le donne nel mondo? Lo chiediamo a Elizabeth Miller che […]
Leggi ora
27 Ottobre 2021
L'identità di genere vista da una giovane donna
In seguito alla pubblicazione di un comunicato ufficiale che si è pubblicato su facebook dalle "femministe" e al rilancio di Alessandro Zan in vista della discussione in aula della sua legge oggi 27 ottobre, mi è sembrato doveroso mettere in chiaro alcune cose per rispetto a tutte le donne che come noi non si sentono parte di questo "femminismo".
Ho deciso di rispondere punto per punto a questo comunicato che ancora una volta non manca nel disinformare. Credo fortemente che le donne firmatarie di questo comunicato non hanno ben chiaro il concetto di "identità di genere" sviluppatosi e diffuso negli ultimi pochi anni nella cultura giovanile e che ha poco a che fare con le tutele verso omosessuali e transessuali. ⁣ Il genere è un costrutto sociale che è applicato a donne e uomini a seconda del loro sesso […]
Leggi ora
23 Settembre 2021
Scopo del velo: ostentare quello che nasconde
Velarsi è pornografico in sé. Perché mette in evidenza quello che occulta: il sesso. E divide le donne tra buone e cattive. I liberal che parlano di "scelta" perpetuano una pratica patriarcale di cui l'identità di genere è l'ultima espressione
C'è una cosa che il Covid ha dimostrato: una società mascherata non funziona.  I sostenitori del velo sono stati subito entusiasti: "Sì, vedi, la mascherina è come il burqa, ma sì, è lo stesso, è divertente sentirti più laïcard (laicista), cosa ne dici?". Ma paragonare mascherina chirurgica/velo integrale è più o meno come confrontare un foulard sul naso in una fredda giornata invernale e un burqa(…) Stesso discorso per la dichiarazione che il burqa afgano protegge le donne dalle molestie sessuali […]
Leggi ora
20 Luglio 2021
Why media, corporations, and advertising support Gender Ideology.
With rare exceptions, the media regularly fails to report anything that doesn’t portray gender ideology and transhumanism in a good light.
There is almost complete global silence on the Keira Bell ruling in the UK, which denied that children under the age of 16 could consent to take puberty blockers. At almost the very same time as the Bell victory, the international media instead chose to celebrate the gender transition of Hollywood star Ellen-Elliot Page. It was a hard struggle to get the news out about the babies born from surrogate wombs and stored like merchandise in hotels in Kyiv, there […]
Leggi ora