Molestie queer

La misoginia è di tutti gli uomini, etero e gay. E così il disgusto invidioso per il nostro corpo. Storia di un trans-stalking
Condividi questo articolo

Vedo ragazze che si chiedono come mai alcuni uomini, quando parlano male di se stessi, usino il femminile. Tipo ‘che sciocchina che sono’ oppure ‘sono stata una porca’.

Proprio questo ho visto fare alla manifestazione transfemminista dell’8 marzo a Firenze.

Lo stesso 8 marzo in cui a Madrid come a Parigi, le femministe che manifestavano contro lo sfruttamento della prostituzione sono state aggredite.

A Firenze un uomo vestito da cane è salito sul palco e ha raccontato ai presenti, parlando di sé al maschile, che lui è una donna perché ha scelto di dare il culo, che è sempre meglio che fare l'operaio.

Ascoltandolo ho ricordato un amico e collega gay. verso la fine della mia gravidanza lui comprò un cane, un bellissimo boxer al quale decise di dare il nome che io avevo scelto per mio figlio.

Avevo sempre creduto che lui stesse fingendo di non capire come mai la cosa mi disturbasse tanto, ma vedendo sul palco l’uomo vestito da cane ho avuto l'illuminazione:  per il mio amico la differenza tra cagna e donna era risibile e il suo comprare un cane era il mio avere un figlio; forse lui avrebbe voluto essere me? Il processo di identificazione si completava assegnando il medesimo nome? Chissà.

Un meccanismo simile si scatenò nel mio stalker. Sì all’epoca della mia prima gravidanza avevo anche uno stalker, del quale avevo rifiutato le avances un anno prima e beh… l'aveva presa malino. Fino ad allora si era ‘limitato’ a masturbarsi alla finestra, eiaculando nel mio giardino e a lanciarmi i peggio insulti. Il motivo per cui sottovalutai il problema è che si trattava di un trans: una persona che a prima vista poteva far sorgere un dubbio riguardo a quale fosse il suo sesso, poiché aveva un seno femminile su un torso maschile.

Nel momento in cui la mia gravidanza divenne evidente la sua rabbia aumentò. Aspettava che uscissi per seguirmi, una volta mi fece lo sgambetto. Per fortuna riuscii a cambiare casa prima di un’ulteriore escalation, ma questa è un’altra storia.

Così la notizia di una donna incinta picchiata da un trans, per un diverbio su un bagno occupato in un treno, ha richiamato vecchie memorie di schemi di comportamento già visti.

Il nostro corpo stupisce, spaventa o disgusta chi non ce l’ha. E ad alcuni vedere una donna incinta fa scattare la molla.

Mi torna in mente il disgusto con cui alcuni amici gay una volta parlarono delle mestruazioni, del fatto che ci fossero anche grumi lì in mezzo. Io non ce le voglio in macchina e se macchiano il sedile?  E il puzzo? Sono disgustose, non so come sia possibile pensare di infilarlo dentro a quella cosa brutta.

Non mi chiesi all'epoca come facessero, questi amici maschi e gay, a sapere dei grumi o che fosse ‘brutta'. Quando e perché avevano, tutti loro, visto il mestruo e la fia?

Solo recentemente ho scoperto che esiste un fetish tutto maschile riguardo alle mestruazioni: alcuni entrano nei bagni per cercare tamponi abbandonati e riutilizzarli. Altri si mettono supposte colorate e assumono lassativi, per simulare il flusso. Altri ‘partoriscono’ bambini di plastica.

Comunque in quell'occasione, mentre gli amici gay si dicevano disgustati dal corpo femminile, la cosa più ridicola fu che alcune delle donne del gruppo assentivano, come se fingersi non affette dalla medesima biologia potesse metterle al riparo dalla morbosità di quelle descrizioni.

È un illudersi di essere meglio delle altre, che quell'atteggiamento, quelle discriminazioni riguardino solo le brutte senza tacchi rossi o le stupide pancine o le cattive terf. Se a loro va il disprezzo maschile, violento o meno, se la sono cercata.

Credere di essere al riparo dalla violenza maschile è come illudersi che solo gli uomini etero siano affetti da misoginia.

Credere di controllare la violenza, di poterla dosare, di poterla usare solo per alcuni scopi, si è dimostrata una pessima scelta da sempre e porta alla cecità selettiva riguardo alle prove che quella stessa violenza esista.

@Ale1000C

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora