Mettere in guardia le figlie è politica

Contro violenza sessuale e stupri si continua a invocare l’educazione dei giovani uomini. Mentre insegnare alle giovani donne come proteggersi e dare l’allarme sulla sessualizzazione precoce e sui rischi legati all’abuso di sostanze è giudicato discriminatorio e rivittimizzante. Ogni madre sente di doverlo fare ma viene colpevolizzata per questo
Condividi questo articolo

Se femminismo è “partire da sé” è da me che voglio partire, da quello che ho provato dopo l'orribile uccisione della giovane Michelle a Primavalle (nella foto) vedendo due donne inalberare cartelli (fatti a regola d’arte in qualche tipografia professionale, non a pennarello su cartoncino bristol) dove si ribadiva in modo perentorio, che non sono le ragazze a dover essere protette, ma i maschi a dover essere educati. Mantra che ci viene ripetuto in ogni caso di stupro, l'appello a una fantomatica educazione dei maschi che non si sa esattamente cosa sia, e tutto questo mi provoca sempre più un senso di dissonanza cognitiva. Ne ho scritto in questi giorni sui social e ho riscontrato un senso di liberazione da parte di tante altre donne: finalmente una che aveva avuto il coraggio di rompere un muro di paura. Altre invece hanno criticato rinviando a un piano politico -che non è dato sapere esattamente cosa sia-: se aspettiamo i tempi delle istituzioni il massacro delle nostre figlie e sorelle continuerà senza fine.

Cosa c’è del resto di più “politico” del farsi carico delle donne più giovani, delle ragazze e delle bambine? Perché non spostare sul piano dell’interesse collettivo le preoccupazioni materne che tante sentono il bisogno e (oserei dire) anche il dovere di esprimere?

Mi colpisce la faciloneria e l’ingenuità con cui molte inneggiano alle Gulabi Gang indiane, le bande di donne vestite di rosa che percorrono le campagne poverissime dell’India armate di bastone, pronte a difendere le povere sorelle costrette a uscire di casa nel cuore della notte per i propri bisogni corporali. Ebbene, a casa nostra cambia la musica: le ronde hanno un’aria destrorsa, chiedere un controllo del territorio fa ancora più paura e dunque ci si limita a passeggiate naif per “riprendersi le strade”. Anche perché poi le violenze sulle donne si verificano ovunque: in casa, in strada e nella discoteca di lusso, sul lavoro e a scuola.

La soluzione sarebbe un'educazione maschile di cui sfuggono contorni e contenuti.

Quindi la nostra incolumità dipende dagli umori, dal controllo e dalla consapevolezza raggiunta dai maschi? Il problema è che io dei maschi non mi fido, e non mi fido perché li conosco. Perché affermare che voglio difendermi, devo difendermi, significherebbe rivittimizzare le donne? Chi lo dice e perché, a chi giovano queste affermazioni? La gran parte dei giovani maschi è cresciuta a pane, violenza e pornografia: quanto può incidere una sia pur doverosa educazione all’affettività e a una sana sessualità rispetto a questa pedagogia al contrario, a questa continua desensibilizzazione? E a chi spetterebbe questo onere? Alle famiglie? Alla scuola? E sulla base di quali contenuti? Perché chi ripete come un mantra la necessità di non reprimere ma educare sostiene a spada tratta la “libera” pornografia e il “libero” sex work?

Assisto sgomenta all'ingenuità, anche qui a mio avviso indotta ed eterodiretta, di tante ragazzine precocemente erotizzate, con un abbigliamento ammiccante fin da bambine, atteggiamenti adultizzati in contesti inadeguati, un uso smodato di alcol (binge drinking) che un tempo si verificava solo in contesti particolarmente marginali e disagiati, senza una necessaria presa di coscienza dei rischi e delle conseguenze che tutto questo può avere. Segnali inequivocabili a uso e consumo di quei maschi che a parole si vorrebbero educare. Testate giornalistiche autorevoli (allineate sulla storia dei maschi da educare) che inducono le ragazzine a lasciar perdere prospettive di lavoro ed economiche precarie e poco redditizie per gettarsi a capofitto nel nuovo Eldorado di Only Fans e piattaforme simili.

Mentre qualcun altro fa accademia io cosa posso fare? Perché devo tacere, perché non devo mettere in guardia una figlia e ricordarle che in teoria sì, lei ha diritto di vestirsi come vuole, bere quanto desidera, girare liberamente anche a notte fonda e sola e che nessuno deve farle del male per questo. Ma anche qui -dissonanza cognitiva- sappiamo bene che non è così, che è solo una pietosa bugia e a me è stato insegnato che le bugie non si dicono specialmente ai più giovani. E dunque, da donna e da femminista voglio poter dire a una figlia, reale o simbolica, che deve proteggersi, valutare i contesti per capire che cosa non dire o non fare per tornare a casa incolume; voglio dirle che uno stupratore o un assassino può essere ovunque, il senza fissa dimora ma anche il professionista, il figlio di papà, l’amico, l’insegnante, il medico, il sacerdote. Deve saper vivere in questo mondo e viverlo pienamente ma sempre con gli occhi aperti; voglio dirle che se assume alcol e sostanze compromettono la sua lucidità rischia di finire in balìa di uomini che non le sono amici; che se brucia le tappe, come tutte abbiamo desiderato fare, deve essere sveglia e pronta a gestire i rischi che questo comporta.

E siccome non devo e non posso proteggere questa figlia ovunque voglio che impari a picchiare duro, come le donne indiane che a parole ci piacciono tanto, a scappare e assestare il colpo giusto per liberarsi da una stretta fatale. Ma poiché non tutte sanno tirare calci e pugni, voglio che oltre a impartire questa fantomatica educazione le istituzioni agiscano anche in modo duro e severo, senza sconti per nessuno, con pene adeguate alle devastazioni fisiche e psicologiche che una violenza procura a chi la subisce. Ma facciamo fatica anche a chiedere questo, il tintinnare delle manette ci spaventa e fa scattare meccanismi di autocensura.

Ho voluto partire da me, da quello che sento come madre e che (ne sono convinta) ogni madre pensa per le propria figlia o per le ragazze con cui è in relazione. Ma forse è proprio parlare da madri che ci inibisce, la madre è fuori moda di questi tempi. E se invece partissimo proprio da qui, se usassimo la nostra esperienza di vita, la nostra autorevolezza e i nostri sentimenti per fare il grande salto, per alzarci da qui al piano della politica intesa come regolazione della vita nella città?

Le città sono abitate da donne e ragazze che vogliono vivere felici. Chi è che gestisce, protegge, sostiene e si prende cura delle generazioni più giovani? Nominarci come madri è politica.

Valeria Damiani


In risposta e in dialogo, al precedente scritto sul ruolo delle madri rispetto alla violenza maschile.

Che serva una riflessione condivisa, femminile e femminista sulla violenza maschile e sulle azioni da intraprendere come donne e madri, siamo perfettamente d’accordo con voi.
Cogliamo anzi l’occasione per avviare un dialogo. Perché serve ampliarlo, condividerlo e renderlo aperto. Ognuna è invitata a intervenire. Con attenzione, possibilmente, a non scadere nella dinamica pro o contro, polarizzante, tipica dei social. E della tendenza pseudo politica attuale. Con la semplicità della conversazione tra donne.

Tutte le donne. E proprio questa, è una pratica necessaria, da recuperare, secondo noi. Ed in quanto tale, femminista. Essere femminista è rivoluzionario, coraggioso, scomodo. Il femminismo non è un movimento di pancia, una moda, ne’ una campagna elettorale o di marketing. Noi non siamo in vendita e non lo è la nostra vita e quella delle nostre figlie.
Il femminismo riguarda le donne. In primis. E difendere, parlare, ragionare sulla nostra vita, diritti e sicurezza, è femminista.
Come donne e madri di MaternaMente, sappiamo bene cosa significhi la violenza maschile, lo sappiamo sulla nostra pelle e su quella delle nostre figlie e sorelle vicine e lontane, presenti e passate. Questo è un punto su cui “purtroppo e finalmente”, abbiamo aperto gli occhi. Ora, qui, il problema è, come e cosa fare al riguardo. Come trasmettere alle nostre figlie questa consapevolezza che è anche una forza.
La nostra analisi ci dice che la violenza è sistemica e istituzionale, cioè “fondante” della società patriarcale, fatta di regole e linguaggio e pensiero, maschio-centrico, entro cui globalmente e storicamente siamo immerse. Rese fragili e ricattabili, dall’aver introiettato noi stesse i disvalori del patriarcato, siamo diventate chi più chi meno, serve di questo sistema di dis-valori. Per questo crediamo di dover recuperare i nostri saperi, la nostra coscienza di “classe” come donne e come madri. Riconoscerci e nominarci. Come pratica quotidiana e politica.
Unico modo per sentirsi ed essere più sicure. E no. Non è contro i maschi unirsi tra donne. Recuperare spazi fisici e metaforici solo per noi. È necessario ed urgente. E fa bene a tutti.
Il sistema patriarcale per quanto prospero e forte, è un fallimento epocale, proprio per essere nemico delle donne e del pianeta. Ha costruito una società non a misura nostra, dei bambini, della nostra salute, dei nostri diritti. È spudoratamente sotto gli occhi di tutte e tutti noi.
Ed è nostra responsabilità oltre che verso noi stesse, verso i nostri figli e figlie in primis, riprendere più forti che mai, il nostro cammino in tal senso, svolgendo il ruolo che ci spetta: di esseri umani adulti di sesso femminile. E questo è “materno”. Che si abbia un figlio nostro oppure no.
Materno è infatti anche il prendersi cura ed il farsi carico, sentire e accettare la responsabilità. Con amore. Il quale non è un sentimento romantico (patriarcale) ma una facoltà e forma di intelligenza. E se necessario, che si usi anche la forza. Avete presente la mamma lupa col cucciolo o col maschio di turno? A volte serve un ringhio ben assestato.
Genevieve Vaughan ci dice poi, che il Materno è il Sistema su cui si fonda la società. Anche quella patriarcale. E che quest’ultima è come un parassita del Materno. Femminista.

Quindi, serve un enorme lavoro su noi stesse. Perché bisogna imparare a saperle riconoscere le forme di deviazione e manipolazione millenaria. I meccanismi. Le dipendenze malsane. Fino a riconoscere appunto la violenza. Perché questa è talmente inglobata in ogni cellula del nostro vivere corpo-mente personale e politico, da risultare invisibile. E noi stesse quindi diventiamo e siamo invisibili. Cancellate. Tanto che addirittura, come un sistema immunitario impazzito, difendiamo il patologico e non il sano. I violenti e non le vittime. Questa nostra cancellazione millenaria è ed è stata messa in atto perché siamo quella parte della popolazione umana, depositaria di quel potere creativo e generativo. E su questo rimandiamo a letture e riflessioni ampie. Le conseguenze sono evidenti. Le cose non funzionano. Quando le ragazze si sentono invisibili per ciò che realmente sono, quando si cancella la relazione materna, e la si patologizza e criminalizza come accade ogni giorno, anche nei tribunali, grazie a leggi ad hoc come la 54/2006 e le teorie gardneriane salva-pedofili e violenti della ex-pas (sindrome della alienazione parentale, ora della madre controllante, malevola, adesiva, ostativa, ecc....) accadono cose. Questo è un richiamo al senso di responsabilità e allo “stare sui fatti”. Le conseguenze sono drammatiche. Ne sono esempio una serie di comportamenti e problematiche relazionali e psico-sociali tipiche del nostro tempo. Pensiamo ai disturbi alimentari ad esempio. Pensiamo alle dipendenze. Pensiamo alla violenza in ambito sessuale. Il porno come modello educativo e guai a porsi un dubbio o fare una critica, che sei di nuovo cancellata e demonizzata. Questo è il meccanismo. Patologizzare e demonizzare la madre. La sana risposta immunitaria.

La tecnologia e la scienza non sono al servizio, funzionali al bene-reale di tutte e tutti in un’ottica “in-divenire” tipica del senso di responsabilità ma solo strumenti di mantenimento del potere e controllo, dell’oggi-come-ieri, di nuovo, per pochissimi, tipico del comportamento infantile- irresponsibile. Cioè sono solo, così come vengono utilizzate, una versione “riciclata”, in decomposizione di una volontà marcia e tossica ormai. Che se pure abbia avuto un senso in un passato contesto ipotetico, ristretto nel tempo-spazio, oggi ci costringe a mangiare la nostra stessa merda. E Scusate il linguaggio ma questo è.

Facendo noi, in primis, uno sforzo di consapevolezza e responsabilità dunque, diamo un esempio. E quindi un aiuto alle nostre figlie.
Bisogna parlarci con loro. Bisogna farlo con delicatezza e garbo. Giorno dopo giorno.
Leggere insieme storie e racconti e commentarle insieme. Commentare eventuali accadimenti ed esperienze. Cogliendo le occasioni che loro stesse e la vita ci metteranno di fronte. Non dobbiamo ferirle. Perché giovani e innocenti hanno ancora quella curiosità e fiducia nel mondo e nelle persone, che serve per crescere e diventare future donne forti e future madri (sempre inteso in senso biologico e non solo). Ma serve anche dir loro cose scomode a volte. Senza drammi e senza paura. Perché prima o poi, se sono fortunate a non avere un violento già dentro casa, dovranno farci i conti. È un fatto anche questo.

Laddove la violenza maschile viene banalizzata, cancellata e ridotta a conflitto anche nei nostri tribunali, laddove lo stupratore o il femminicida sono sempre “giustificati” e la donna o la ragazza, ridotta a “responsabile della violenza maschile”, ebbene, serve assolutamente assumere il ruolo “materno” del discernimento. Del giudizio in senso sano. Questo è sbagliato. Questo è male. Per questo motivo e quest’altro. E questo è bene, sano, per questo motivo e per quest’altro.

Per non parlare della strumentalizzazione che la politica istituzionale fa della violenza, della violenza sessuale, dello stupro, dei femminicidi ( sappiamo bene che lo stupro è storicamente uno strumento di controllo e potere, anche nelle guerre). Se lo stupratore o il femminicida è un personaggio dello spettacolo la violenza si spettacolarizza se è agita dal figlio di un politico di destra, la sinistra leva alto il suo sdegno dimenticando quante volte è accaduto il contrario. In un eterno teatrino che si auto alimenta, che a noi onestamente ha piuttosto stancato. Una noia infinita. E intanto la violenza prospera. Noi moriamo. Il patriarcato prospera con essa.
Detto questo, cosa fare!? Come già detto, non ci fidiamo delle soluzioni propagandistiche elaborate sempre dall’interno del sistema. Crediamo nella forza delle donne, tra le donne, per le donne. Esse di per se’ stesse, non rappresentanti, il sistema patriarcale. A condizione però, appunto, che abbiamo smascherato il patriarcato fuori e dentro di loro. Questa la prima cosa da fare.
E si ritorna al discorso della responsabilità. Perché se da un lato la violenza è storicamente e contestualmente maschile. Su tutti i fronti. Dall’altro, mentre che cerchiamo di scoperchiare questo vaso di Pandora, serve tutelarle queste nostre figlie. Biologiche e non. E serve farlo per bene e subito.
Strumento è, dire, nominare, la violenza insita in ogni ambito della vita. Nominare la violenza maschile. Ma questo riguarda noi adulti in primis. Parliamo del mondo degli adulti e ammettiamolo, fa abbastanza schifo da questo punto di vista. Questo soltanto è violento. Irresponsabile. Misogino. E le nostre figlie devono riuscire a non andar là fuori senza un minimo di protezione, attenzione, che nasca dalla consapevolezza e non dalla paura. Anche se una giusta dose di paura, non è male e a volte ci può salvare la vita.
Come donne e madri dunque, sappiamo anche che servono leggi a nostra misura. E che lungi dal volere giustizialismi, un apparato punitivo che sia al nostro servizio è necessario. Poi potremo parlare di rieducazione ecc....Puntiamo a che non serva. Non vogliamo pene esemplari ma pene giuste. E vogliamo che le nostre figlie lo sappiano esse stesse.
Siamo la metà del genere umano. Votiamo. La politica patriarcale ci vuole zitte o serve.
No grazie.
Come donne e madri di MaternaMente sappiamo bene che l'attacco al materno nasconde ben più che singoli casi di malagiustizia o violenza. Quello che accade fuori dai tribunali nel silenzio assordante collettivo, è lo stesso di quello che accade dentro ad essi. Il risultato è sempre lo stesso.
Per una donna che denuncia ce ne sono cento volte tante che non lo fanno. Perché se denunciamo subiamo una infame e feroce rivittimizzazione. Se siamo madri, quindi ricattabili doppiamente, per i nostri figli, le cose peggiorano assai. Veniamo cancellate insieme alla violenza che subiamo. Veniamo ridicolizzate, svilite, umiliate. Rese povere. Denunciare costa. La violenza economica è una delle prime. E la violenza costa a tutti noi.

Impossibilitate a svolgere il ruolo materno. Di normale e sana protezione di fronte alla violenza domestica. Ci vengono strappati via i figli se denunci. L’Italia è un paese in netta retrocessione riguardo ai diritti veri. E che dire delle propagande di mercificazione della “maternità’”. Doppia oggettificazione, quella della madre e quella del figlio-a.

Ebbene questo è un altro dei travestimenti imbellettati da progressismo, attraverso cui agisce il patriarcato. Ancora indisturbato da sempre. Il metodo sempre lo stesso. Ti riduco a oggetto. E anche simbolicamente e inconsciamente ho creato una cancellazione disumanizzante, a livello collettivo.

E tutto questo indebolisce ancora ed ancora la nostra voce e la nostra autorevolezza.

Cosa possiamo fare come donne e madri dunque?
Preparare le nostre figlie. Si. Ma non prima di essere preparate noi stesse. Loro imparano da noi. Madri. Donne adulte del genere umano. Non dobbiamo dar loro contenuti pre-confezionati. Anche quando ci vedono affrontare le difficoltà. Quando appunto diamo loro ascolto e amore. Già così facendo stiamo costruendo un modello di società diversa. Partiamo da noi, oppure non produrremo nessun cambiamento. Riprendiamo in mano con forza la partecipazione condivisa, attiva e politica. Nominiamo la differenza che ci rende forti ma anche fragili di fronte al sistema patriarcale.
La nostra voce si deve levare alta. Questa si. A colmare quel vuoto di senso.
Per questo non crediamo nelle propagande di sistema rivolte ai cosiddetti giovani. Quanto piuttosto al lavoro e allo svolgere il naturale ruolo di “madri”.
È il modello adulto il problema. Prendiamoci le nostre responsabilità. Lasciamo liberi i bambini e le bambine. Diamo l’esempio. Non apriamo (o almeno cerchiamo di chiudere) le porte all’indottrinamento.
Non so se sono riuscita ad inserire almeno un aspetto utile alla riflessione.

Paola Pieri per MaternaMente


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Maggio 2024
La festa della non-mamma
La maternità naturale è di destra, quella biotech è di sinistra perché pensata come un diritto e non subita come destino: la diatriba su questo tema tra femminismo radicale e transfemminismo si potrebbe sintetizzare in questo modo. E' tutt'altro che nuova ma si è radicalizzata. Anche perché il contesto è molto cambiato: un conto è il baby boom, un altro le nascite al minimo storico
L'altro giorno alla ministra Eugenia Roccella è stato impedito di dire quello che aveva da dire, giusto o sbagliato che fosse, agli Stati Generali della Natalità. Gli studenti che la contestavano hanno potuto esprimere le proprie istanze -una loro delegata è salita sul palco, e ha infilato anche Gaza nel suo discorso, giusto o sbagliato che fosse- ma questo evidentemente non è bastato perché alla ministra è stato comunque impedito di intervenire. Forse sbaglio, ma se io fossi convinta del […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora