Madonna mistress sadomaso

Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Condividi questo articolo

Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri.

Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, ristora gli assetati, ridona la vista ai ciechi e la salute ai malati. Gli autori fondono in questo canto il Magnificat e il Vangelo di Matteo, a indicare che la salvezza – non solo in termini spirituali, ma di giustizia umana e sociale – si attua grazie al “sì” di Maria; la quale “sgorga dalla sorgente ruscelli sempre vivi”.

Anche in Occidente la Madonna “femmina” (incinta, puerpera, persino in atto di leggere il testo sacro mentre Giuseppe si prende amorevolmente cura del Bambino) è stata un’immagine ricorrente: si pensi alla Madonna del Parto di Piero della Francesca.

Maria insomma ha, o ha avuto, un corpo – unico, totale e totalizzante –, però non si è mai ridotta a esso, tantomeno a sue parti smembrate. Senza il suo assenso la ri-creazione non avrebbe avuto luogo. Lo rammenta in due folgoranti pagine Luisa Muraro (L’anima del corpo, La Scuola 2016): Maria non equivale certo a un utero in affitto! Basterebbe conoscere il già menzionato Magnificat, uno dei cantici più “rivoluzionari” della Bibbia, per rendersi conto che in Maria non c’è nulla di passivo. Teresa Forcades chiosa:  “Maria è una donna veramente libera.  È stata capace di relazionarsi a Dio da una posizione di parità. Quando Dio le chiede se vuole avere un figlio da Lui,  la sua prima reazione è di stupore… Dio le dice: ‘Io non sono Dio perché detto le regole, perché ti dico cosa devi e cosa è giusto fare, perché sono l’adulto; ma semplicemente perché sono la vita stessa. Tu e io possiamo interagire solo se lo desideriamo, se lo desideri’... Dio non s’impone a lei con la forza. Dio chiede, Maria acconsente e rimane incinta perché si amano” (Siamo tutti diversi! Per una teologia queer, Castelvecchi 2016). È lo stesso motivo per cui, nei secoli, molti autori hanno visto nell’erotismo del Cantico dei Cantici un’allegoria dell’amore di Dio per l’umanità.

Madonna mistress sadomaso

Naturalmente esiste anche una mariologia sessuofoba e spiritualizzante. Generazioni di maschi celibi in paramenti sacri hanno trasformato la giovane giudea “irregolare” nell’emblema della reazione e della misoginia. Ma la Scrittura cresce con l’umanità; e, soprattutto grazie all’apporto intellettuale di tante teologhe e mistiche, Maria è stata da tempo restituita alla sua dignità di donna. Fenomeno “recente”? Non proprio. Per Ildegarda di Bingen, filosofa, mistica, musicista, dottora della Chiesa (sec. XII), che paragonava l’universo a una grande forza femminile e vedeva nell’orgasmo il ricordo della dolcezza del Paradiso terrestre, Maria era la“fiammeggiante aurora”; e siamo costrette a sorvolare su Teresa d’Avila, Giuliana di Norwich, Brigida di Svezia e altre, d’Oriente e d’Occidente…

Il corpo di Maria pertanto, alluso o esplicito, ha attraversato i millenni, non ancora pienamente valorizzato, è ben certo, ma egualmente vivo e concreto. La sua fisicità quindi non scandalizza più nessuno; almeno in teoria. Perché, allora, la Madonna spogliata e in catene di certe manifestazioni “laiche” e “libertarie” ha disgustato anche tanti non credenti, progressisti, donne e uomini?

Per la nudità? No. Quella Madonna “nuda” non è un “mistero buffo”.

È soltanto, banalmente, insopportabilmente, un manichino volgare, sintetico. Veicola una sterilità malata – o maligna. È glabra ed esangue. I seni sono piccoli e vizzi, ovviamente da essi non sgorga nulla. Quella “Madonna” aggrondata, così simile a una modella cocainomane, non è, non sarà mai madre. E la madre, un determinato tipo di madre – l’unicoinsindacabilmente donna, scevra da asterischi e schwa, secondo talune vulgate, non risulta “glamour”.

Il sesso, in quest’ottica, va declinato solamente se eccessivo, stravagante, non-binary, non-cis ecc. Detto in soldoni: “famolo strano”. Siamo consapevoli che tali trovate hanno come primo scopo quello di far parlare di sé, bene o male non importa, soprattutto quando non si ha nessun argomento valido da proporre; ciò nondimeno, trasmettono un messaggio non trascurabile. L’identificazione del sesso con la pornografia, sempre più spinta, sempre più esagerata (ché, essendo ripetitiva, stanca presto); e, in ultima analisi, come droga.

In un panorama dove non esiste la regola ma soltanto l’eccezione, anzi, l’eccezione diventa la regola stessa, tutto quanto può, anzi deve, essere accettato; il cristianesimo – e la Madonna come femmina madre moglie vergine – va respinto e/o irriso in quanto emblema dell’odiata società "sessuofoba eteronormativa bianca occidentale" ecc. E, si badi bene: soltanto il cristianesimo. Altre religioni no (anche perché si correrebbe qualche rischio di troppo…). Abbiamo assistito a “burqa queen” in salsa arcobaleno, e non si trattava di parodie ma di manifestazioni “solidali” verso le “tradizioni” delle “minoranze” vessate dai soliti bianchi cattivi cisgender cristiani e via discorrendo. Il tutto mentre, in diverse parti del mondo, uomini e specialmente donne/bambine subivano persecuzioni, tortura e assassinii per la loro fede. Perché sì, in alcune contrade, sono soltanto i cristiani/e a difendere i più emarginati, deboli, dalit, disabili destinati altrimenti all’annientamento.

Per la pachistana Asia Bibi, rimasta in carcere dieci anni a causa d’una falsa accusa di blasfemia dopo essere stata tanagliata, picchiata, stuprata e infine rocambolescamente costretta a fuggire non s’è levato un fiato; non lo si è sentito per le bambine Huma Younus, Aleeza Naeem, Mahnoor Ashraf e miriadi di altre rapite, convertite a forza e costrette a sposare quarantenni (e più); non una parola in difesa di Deborah Samuel, nigeriana, 19 anni, uccisa e bruciata sempre a causa della famigerata “blasfemia”; tutte donne, donne e basta. E, vergognosamente, non è quasi giunta notizia della strage di Pentecoste a Owo, ancora in Nigeria. Anche in tal caso la maggior parte delle vittime erano donne e bambini/e.

Non bianche. Non occidentali. Se fossero queer o no lo ignoriamo, qualcuno/a magari lo sarà stato. Oppure no. Sappiamo però che li hanno sgozzati/e come capretti.

Ma alla gauche-caviar queste vittime non paiono abbastanza esotiche. E allora tornano a essere “nere” qualsiasi, chi se ne importa.

Molto meglio le Madonne sadomaso. Un po’ di paccottiglia e Frank Zappa ti fa un baffo.

Daniela Tuscano.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Corsi-pubblicità per la transizione nelle scuole medie del New Jersey
Mentre grandi testate come The New York Times e The Times pubblicano articoli sempre più preoccupati sulla transizione dei minori -e in Italia assordante silenzio stampa- nelle scuole dello stato americano si proietta "Ten Years of Testosterone" di Aydian Dowling, influencer FtM che fa propaganda alla vendita online di ormoni, fasce schiaccia-seno e peni di gomma. I trans-spot prendono esplicitamente il posto dell'educazione sessuale
Quasi contemporaneamente al New York Times, anche The Times dedica due lunghi articoli allo scandalo della transizione dei minori (potevano anche svegliarsi prima che migliaia di ragazzine e ragazzini venissero rovinati con farmaci e ormoni, e invece hanno taciuto fino all'ultimo). Titoli Che cosa si è sbagliato alla Tavistock Clinic per teenager trans? e La mia pubertà è stata chimicamente ritardata: sono stato la loro cavia. Attendiamo che si sveglino anche i media italiani, dal Corriere della Sera a La […]
Leggi ora
15 Giugno 2022
Le madri non vanno lasciate sole
In attesa che si definiscano i dettagli del terribile figlicidio di Mascalucia, una cosa che vale per tutte: la maternità non può essere vissuta in solitudine. In mancanza di quel "villaggio" che serve a crescere ogni creatura che viene al mondo, servono luoghi di incontro e libera condivisione di esperienze e vissuti per le neo-mamme. Per massimizzare la gioia e dare corso alla sapienza femminile e materna, fondamento di civiltà
Il quadro del figlicidio di Mascalucia non è ancora del tutto chiaro: se il delitto sia stato premeditato (straziante l'ultimo abbraccio tra madre e figlia all'uscita dall'asilo), se la ragazza fosse capace di intendere e di volere, se abbia agito da sola e via dicendo. Gli inquirenti faranno il loro lavoro, il tribunale stabilirà responsabilità e pena, anche se nessuna pena potrà essere più grande di quella che la madre si è auto-inflitta con il suo terribile gesto. Ma una […]
Leggi ora
11 Giugno 2022
Una lettera al direttore di Repubblica. Per spiegargli che cos'è una donna
Si moltiplicano le reazioni di lettrici -e anche lettori - all'inaccettabile testo di Michela Marzano secondo la quale chiunque è titolato a dirsi donna, e se una donna ha qualcosa da obiettare è una TERF. Qui la lettera aperta di Alessia Teani a Maurizio Molinari
Gentilissimo Direttore Maurizio Molinari mi permetto di scriverle direttamente perché Lei si è permesso di darmi della TERF dalle pagine del suo giornale. L'ha detto a me, a mia madre, alle mie nonne buonanima. Lei ha dato della TERF alle mie nipoti, alle mie alunne, alle mie amiche. Lei, signor Molinari, sta dando della TERF  a tutte le donne che entrando nello spogliatoio femminile non si aspettano di vedere un uomo nudo, con tutta l'arroganza che il Suo beneplacito gli […]
Leggi ora
10 Giugno 2022
L'ipocrisia di Michela Marzano
Riprendendo il surreale dibattito che agita il partito laburista inglese (chi è una donna?) Marzano rivolge con assoluta disinvoltura l'insulto misogino Terf al femminismo gender critical, anche se molti media l'hanno da tempo bandito. E perora ideologicamente la causa delle "donne con il pene", senza menzionare i problemi per le donne reali
Michela Marzano riprende su La Repubblica il dibattito in corso nel partito laburista britannico -e in tutta la sinistra liberal occidentale: ormai c'è solo quella- sul tema surreale "chi una donna?", a fronte del quale perfino il patriarca Sigmund Freud, che dalle donne -le isteriche- aveva tratto il più della sua scienza e del suo linguaggio, si era mostrato più giusto e rispettoso. La questione che agita il Labour riguarda le cosiddette donne trans, ovvero persone nate uomini che hanno […]
Leggi ora