Madonna mistress sadomaso

Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Condividi questo articolo

Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri.

Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, ristora gli assetati, ridona la vista ai ciechi e la salute ai malati. Gli autori fondono in questo canto il Magnificat e il Vangelo di Matteo, a indicare che la salvezza – non solo in termini spirituali, ma di giustizia umana e sociale – si attua grazie al “sì” di Maria; la quale “sgorga dalla sorgente ruscelli sempre vivi”.

Anche in Occidente la Madonna “femmina” (incinta, puerpera, persino in atto di leggere il testo sacro mentre Giuseppe si prende amorevolmente cura del Bambino) è stata un’immagine ricorrente: si pensi alla Madonna del Parto di Piero della Francesca.

Maria insomma ha, o ha avuto, un corpo – unico, totale e totalizzante –, però non si è mai ridotta a esso, tantomeno a sue parti smembrate. Senza il suo assenso la ri-creazione non avrebbe avuto luogo. Lo rammenta in due folgoranti pagine Luisa Muraro (L’anima del corpo, La Scuola 2016): Maria non equivale certo a un utero in affitto! Basterebbe conoscere il già menzionato Magnificat, uno dei cantici più “rivoluzionari” della Bibbia, per rendersi conto che in Maria non c’è nulla di passivo. Teresa Forcades chiosa:  “Maria è una donna veramente libera.  È stata capace di relazionarsi a Dio da una posizione di parità. Quando Dio le chiede se vuole avere un figlio da Lui,  la sua prima reazione è di stupore… Dio le dice: ‘Io non sono Dio perché detto le regole, perché ti dico cosa devi e cosa è giusto fare, perché sono l’adulto; ma semplicemente perché sono la vita stessa. Tu e io possiamo interagire solo se lo desideriamo, se lo desideri’... Dio non s’impone a lei con la forza. Dio chiede, Maria acconsente e rimane incinta perché si amano” (Siamo tutti diversi! Per una teologia queer, Castelvecchi 2016). È lo stesso motivo per cui, nei secoli, molti autori hanno visto nell’erotismo del Cantico dei Cantici un’allegoria dell’amore di Dio per l’umanità.

Madonna mistress sadomaso

Naturalmente esiste anche una mariologia sessuofoba e spiritualizzante. Generazioni di maschi celibi in paramenti sacri hanno trasformato la giovane giudea “irregolare” nell’emblema della reazione e della misoginia. Ma la Scrittura cresce con l’umanità; e, soprattutto grazie all’apporto intellettuale di tante teologhe e mistiche, Maria è stata da tempo restituita alla sua dignità di donna. Fenomeno “recente”? Non proprio. Per Ildegarda di Bingen, filosofa, mistica, musicista, dottora della Chiesa (sec. XII), che paragonava l’universo a una grande forza femminile e vedeva nell’orgasmo il ricordo della dolcezza del Paradiso terrestre, Maria era la“fiammeggiante aurora”; e siamo costrette a sorvolare su Teresa d’Avila, Giuliana di Norwich, Brigida di Svezia e altre, d’Oriente e d’Occidente…

Il corpo di Maria pertanto, alluso o esplicito, ha attraversato i millenni, non ancora pienamente valorizzato, è ben certo, ma egualmente vivo e concreto. La sua fisicità quindi non scandalizza più nessuno; almeno in teoria. Perché, allora, la Madonna spogliata e in catene di certe manifestazioni “laiche” e “libertarie” ha disgustato anche tanti non credenti, progressisti, donne e uomini?

Per la nudità? No. Quella Madonna “nuda” non è un “mistero buffo”.

È soltanto, banalmente, insopportabilmente, un manichino volgare, sintetico. Veicola una sterilità malata – o maligna. È glabra ed esangue. I seni sono piccoli e vizzi, ovviamente da essi non sgorga nulla. Quella “Madonna” aggrondata, così simile a una modella cocainomane, non è, non sarà mai madre. E la madre, un determinato tipo di madre – l’unicoinsindacabilmente donna, scevra da asterischi e schwa, secondo talune vulgate, non risulta “glamour”.

Il sesso, in quest’ottica, va declinato solamente se eccessivo, stravagante, non-binary, non-cis ecc. Detto in soldoni: “famolo strano”. Siamo consapevoli che tali trovate hanno come primo scopo quello di far parlare di sé, bene o male non importa, soprattutto quando non si ha nessun argomento valido da proporre; ciò nondimeno, trasmettono un messaggio non trascurabile. L’identificazione del sesso con la pornografia, sempre più spinta, sempre più esagerata (ché, essendo ripetitiva, stanca presto); e, in ultima analisi, come droga.

In un panorama dove non esiste la regola ma soltanto l’eccezione, anzi, l’eccezione diventa la regola stessa, tutto quanto può, anzi deve, essere accettato; il cristianesimo – e la Madonna come femmina madre moglie vergine – va respinto e/o irriso in quanto emblema dell’odiata società "sessuofoba eteronormativa bianca occidentale" ecc. E, si badi bene: soltanto il cristianesimo. Altre religioni no (anche perché si correrebbe qualche rischio di troppo…). Abbiamo assistito a “burqa queen” in salsa arcobaleno, e non si trattava di parodie ma di manifestazioni “solidali” verso le “tradizioni” delle “minoranze” vessate dai soliti bianchi cattivi cisgender cristiani e via discorrendo. Il tutto mentre, in diverse parti del mondo, uomini e specialmente donne/bambine subivano persecuzioni, tortura e assassinii per la loro fede. Perché sì, in alcune contrade, sono soltanto i cristiani/e a difendere i più emarginati, deboli, dalit, disabili destinati altrimenti all’annientamento.

Per la pachistana Asia Bibi, rimasta in carcere dieci anni a causa d’una falsa accusa di blasfemia dopo essere stata tanagliata, picchiata, stuprata e infine rocambolescamente costretta a fuggire non s’è levato un fiato; non lo si è sentito per le bambine Huma Younus, Aleeza Naeem, Mahnoor Ashraf e miriadi di altre rapite, convertite a forza e costrette a sposare quarantenni (e più); non una parola in difesa di Deborah Samuel, nigeriana, 19 anni, uccisa e bruciata sempre a causa della famigerata “blasfemia”; tutte donne, donne e basta. E, vergognosamente, non è quasi giunta notizia della strage di Pentecoste a Owo, ancora in Nigeria. Anche in tal caso la maggior parte delle vittime erano donne e bambini/e.

Non bianche. Non occidentali. Se fossero queer o no lo ignoriamo, qualcuno/a magari lo sarà stato. Oppure no. Sappiamo però che li hanno sgozzati/e come capretti.

Ma alla gauche-caviar queste vittime non paiono abbastanza esotiche. E allora tornano a essere “nere” qualsiasi, chi se ne importa.

Molto meglio le Madonne sadomaso. Un po’ di paccottiglia e Frank Zappa ti fa un baffo.

Daniela Tuscano.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora