Le carceri femminili Californiane prevedono gravidanze di donne costrette ad essere alloggiate con gli uomini.

Nuove risorse per la gravidanza e preservativi gratuiti sono apparsi nel carcere femminile della California centrale (Central California Women's Facility, CCWF) in preparazione all'ondata di trasferimenti di uomini secondo la nuova legge sull'"identità di genere".
Condividi questo articolo

Le donne incarcerate nella più grande prigione femminile della California descrivono la situazione come "il peggiore degli incubi" dopo l'introduzione di nuove risorse per la gravidanza negli ambulatori medici del CCWF. Le nuove risorse sono una tacita ammissione, da parte dei funzionari del carcere, che le donne dovrebbero aspettarsi di essere violentate quando sono alloggiate in prigione con gli uomini, laddove ogni rapporto sessuale che coinvolga detenute è considerato non consensuale per default all'interno del sistema.

Nuovi manifesti apparsi recentemente nell’infermeria delineano le opzioni disponibili per le "persone incinte" in prigione, comprese le cure prenatali, l'aborto e l'adozione. Il poster dichiara anche che le donne hanno il diritto di "consulenza contraccettiva e la scelta dei metodi di controllo delle nascite da parte di un fornitore di assistenza sanitaria autorizzato entro 60-180 giorni prima della data di rilascio prevista". Tuttavia, gli unici metodi disponibili per le donne incarcerate per prevenire la gravidanza sono i preservativi, che sono comparsi poco dopo il trasferimento dei primi uomini, e la pillola del giorno dopo. (Testo completo del manifesto, fornito da una fonte all'interno del carcere).

Prima del passaggio della legge SB 132 (che permette ai detenuti maschi il trasferimento nelle carceri femminili sulla base di una “autoderminazione di genere”, NdT), le gravidanze tra le donne incarcerate erano rarissime nelle prigioni femminili della California. Le donne che entrano nel sistema giudiziario già incinte sono tipicamente detenute nel carcere della contea o in strutture mediche separate finché non partoriscono.

Le prigioni femminili in tutta la California sembrano fare questi ultimi preparativi per una massiccia ondata di trasferimenti di detenuti uomini, dal momento che dall'entrata in vigore della SB 132 nel gennaio di quest'anno sono state avviate quasi 300 richieste. Finora solo una ventina di trasferimenti sono stati elaborati (ed esattamente NESSUNA richiesta di trasferimento è stata negata), lasciando centinaia di uomini – tra cui molti condannati per reati sessuali – in  attesa di entrare nella struttura carceraria per donne.

Altre linee di condotta sono state messe in atto in segreto dalle prigioni femminili che si preparano all'afflusso di uomini violenti. Fonti fidate all'interno del California Institute of Women (CIW) ci dicono che uno dei motivi del ritardo nel trasferimento degli uomini che lo hanno richiesto è che la prigione sta facendo loro seguire un corso su come “affrontare le loro paure di vivere con le donne”. In aprile, il Dipartimento di Correzione e Riabilitazione della California (California Department of Corrections and Rehabilitation, l'agenzia del governo della California responsabile del funzionamento delle prigioni statali e del sistema di libertà vigilata, NdT) ha disposto un nuovo corso obbligatorio di 16 ore come prerequisito per tutti i detenuti che desiderano essere trasferiti. (Hanno anche aggiunto due lezioni che gli uomini devono seguire dopo essere stati trasferiti, ma pare che non ci siano conseguenze per il mancato completamento di questi corsi).

Le strutture stanno anche aumentando le misure di sicurezza in preparazione di centinaia di nuovi uomini pericolosi e violenti che vivono accanto alla vulnerabile popolazione femminile detenuta. Le prigioni femminili sono tradizionalmente di minore sicurezza e fanno più “concessioni” alle detenute, poiché le donne incarcerate sono meno violente degli uomini e rappresentano un rischio minore per le altre detenute e per gli agenti correzionali. Il cortile della prigione del CCWF, per esempio, ha ospitato per oltre tre decenni degli alberi che fornivano ombra dal sole del deserto e una casa per gli uccelli locali. Una volta che gli uomini hanno iniziato ad arrivare, gli alberi sono stati tagliati, poiché erano visti come un rischio per la sicurezza. (Il CCWF nega che ciò sia accaduto, nonostante le testimonianze di prima mano delle donne incarcerate). Il livello di sicurezza dei singoli detenuti maschi è completamente ignorato una volta che entrano nella struttura femminile, dal momento che i funzionari del carcere non prendono misure preventive contro di loro, ma scelgono invece di rimuovere le “concessioni” che in precedenza venivano fatte a tutte le detenute.

Crediamo che tutte queste linee di condotta siano state messe in atto in preparazione all’elaborazione delle oltre 200 richieste di trasferimento rimanenti. Può darsi che i funzionari della prigione stiano facendo del loro meglio per proteggere le donne, nonostante abbiano le mani legate dalla legge; ma come al solito il prezzo di queste nuove misure lo pagano in gran parte le donne.

Gli uomini che desiderano trasferirsi hanno solo bisogno di seguire un ridicolo corso intitolato "Persona giusta, prigione giusta"- che copre argomenti difficili come: "Potrebbero farti delle domande, come le affronterai?", "Le paure dei trans di essere alloggiati con i cis", e "Cosa ci guadagni?". Apparentemente, il Dipartimento di Correzione e Riabilitazione crede che questo sia un modo adeguato di vagliare gli uomini che richiedono il trasferimento, per assicurarsi siano idonei ad essere alloggiati con le donne.

Le donne, nel frattempo, vengono preparate con preservativi gratuiti e una guida su come ottenere un aborto in prigione.

Parlando con Amie Ichikawa, fondatrice di Woman II Woman e attivista per i diritti delle donne incarcerate, una donna attualmente alloggiata nel CCWF ha detto che era come se la prigione avesse "dato l'ok perché ci violentassero, perché ha un piano per occuparsi delle conseguenze".

In una recente riunione degli agenti di custodia del CCWF, una donna ha letto una dichiarazione in cui implorava aiuto e accusava gli agenti di aver ignorato le loro preoccupazioni sull'essere alloggiate con uno stupratore seriale:

"Come possiamo sentirci al sicuro nella nostra comunità? Quando chiediamo aiuto non otteniamo nulla... C'è stata un'aggressione a una donna e veniamo ancora zittite. Ci è stata tolta la speranza ancora una volta. A qualcuno importa che siamo costrette a vivere con uomini di 1 metro e 90, che pesano più di 100 kili e che hanno il pene, che sono qui per violentare brutalmente le donne? Siamo state avvertite dai funzionari di questa prigione che ne arriveranno altri con condanne peggiori. Dov'è la preoccupazione per la nostra incolumità? Siamo noi quelle rinchiuse, se ve lo diciamo noi che abbiamo paura!".

Il Dipartimento di Correzione e Riabilitazione ha affermato di aver considerato il rischio di gravidanza durante la stesura della legge SB 132, che ha permesso ai detenuti di essere alloggiati secondo la loro auto-proclamata "identità di genere", indipendentemente dal loro sesso e dalla loro anatomia. Quando gli uomini hanno iniziato ad arrivare, tuttavia, le strutture sembravano impreparate a gestire la realtà di una prigione “mista”. Anche se gli atti sessuali (compresi quelli cosiddetti "consensuali") sono proibiti e comportano azioni disciplinari se scoperti, il CCWF ha iniziato a fornire preservativi alle detenute. Ci sono però regole severe riguardo al loro uso, tra cui il fatto che i detenuti non possono avere in possesso più di tre preservativi alla volta, e i preservativi non confezionati sono considerati contrabbando.

La prigione non è stata in grado di prevenire o fermare l'attività sessuale tra i detenuti maschi alloggiati con le donne incarcerate. Fonti ci dicono che ci sono stati casi di aggressione sessuale, così come attività sessuale illecita tra i detenuti maschi e donne, mettendo le donne a rischio di gravidanza e malattie, tra cui l'HIV, così come un aumento del rischio di azioni disciplinari che possono influenzare le possibilità di richiedere la libertà vigilata. Naturalmente, evitare le conseguenze negative dei rapporti sessuali tra maschi e femmine è uno dei motivi per cui le prigioni sono innanzitutto divise per sesso.

Con l'arrivo di più uomini nelle strutture femminili, la crisi non potrà che peggiorare. In soli sei mesi dalla promulgazione della legge SB 132, il numero di persone incarcerate che si “auto-identificano” come trans o non-binario (diventando così idonei a richiedere un trasferimento di struttura) è aumentato da 1.088 a 1.237. I quasi 300 trasferimenti in sospeso sono solo l'inizio dell'invasione delle prigioni femminili da parte di detenuti maschi violenti, compresi assassini e stupratori condannati.

"Potreste anche dichiarare che la prigione è mista, e spedirci a Pelican Bay*!" ha detto una donna attualmente incarcerata nel CCWF. *(Pelican Bay State Prison è l'unica prigione di massima sicurezza nello stato della California, NdT)

WoLF (Women’s Liberation Front) lavora a stretto contatto con le donne incarcerate colpite da queste politiche, e ha organizzato una campagna e una petizione per chiedere l’abolizione della legge SB 132.

Articolo originale qui
Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora