La violenza è strutturale al transfemminismo?

Paola Pieri, del gruppo MaternaMente, racconta la violenza che ha subito a Firenze da parte di trans attivisti
Condividi questo articolo

Testo di Paola Pieri, del gruppo MaternaMente.

La violenza è strutturale al transfemminismo?

Giovedì scorso, 23 marzo, mi reco di fronte all’ospedale di Careggi, qui a Firenze, dove si teneva un piccolo presidio indetto da “Resistenze al nanomondo”, presente Silvia Guerini, autrice del libro “Dal corpo neutro al cyborg postumano, riflessioni critiche all’ideologia gender”. Presidio indetto in tal luogo perché è dove vengono gestiti, nel reparto di endocrinologia, decine di minorenni e non, con “disforia di genere”, trattati con bloccanti della pubertà, ormoni e altro previsto dall’attuale protocollo medico. Protocollo di cui si è discusso anche ultimamente, in alcuni servizi televisivi, tra gli altri, il più recente di Nicola Porro, Quarta Repubblica, con ospiti preparati ed esperti.

In breve il fatto: arrivo al presidio e mi accoglie una ragazza con in mano dei volantini, che ovviamente prendo e leggo. Un istante dopo arriva Silvia, che ancora non avevo mai incontrato di persona e che quindi non avevo riconosciuto. Subito l’atteggiamento della ragazza cambia. Modalità “schieramento”. Vengo immediatamente incasellata/identificata come “il nemico”. Di fronte all’ospedale c’erano, in sintesi, quattro persone, tre uomini e una donna, con uno striscione che diceva “no alla medicalizzazione dei bambini e ai bloccanti della pubertà” che tentavano di consegnare un volantino. E una ventina di persone, che li contestavano.

Fin qui niente di grave. Peccato che questi ultimi (i contestatori) nonostante fosse stato ottenuto il permesso della questura per il presidio e volantinaggio (i contestati), avessero strappato i volantini dalle mani dei passanti cui erano stati consegnati e ne avessero sottratti/rubati altri per impedire che fossero consegnati. Peccato, che con i loro striscioni, occultassero quello dei primi. Mi domando fra l’altro se ci fosse un permesso da parte della questura di Firenze anche per loro, visto che a noi come donne ci viene chiesto di spostarci dai luoghi “transfemministi”. Peccato infine, che io stessa, sia stata aggredita in modo assolutamente violento, verbalmente, da una di loro in particolare. Dopo un’ora di orologio che stavamo parlando, o tentando di farlo.

Improvvisamente, per un fraintendimento, di nuovo e di nuovo e di nuovo sono stata nell’ordine definita: fascista, pro-vita, transfobica, violenta, brutta merda schifosa ed altri epiteti in un crescendo di aggressività, passibili certamente di denuncia. In breve, di me non avevano ne’ ascoltato, ne’ capito niente. Peccato che avessi anche chiesto un loro recapito per poter fare uno scambio di materiali e riflessioni al di fuori del contesto di piazza ma mi sia stato negato, tanto per cambiare. Il mio atteggiamento per altro, chi mi conosce lo sa, era pacifico a dir poco. Sono stata due ore e mezza a parlare e confrontarmi. Prima con la trans violenta poi con un’altro ragazzo trans gentilissimo (FtoM).

Certo, sia chiaro, è l’ultima volta. La prossima aggressione, verrà denunciata come merita. In quanto donna, sarei anche stanca di subire violenza da chi si erige a paladino dei diritti (ed arrivare a dire questo è per me una grandissima sconfitta, perché denunciare ad un sistema che rivittimizza le donne è rischioso oltre che un controsenso).

Ma la cosa forse ancor più grave è stato il comportamento del personale medico presente. Alcune infermiere e/o medici di passaggio e non, infatti si sono risentiti del semplice fatto che una collega fosse nominata sul volantino consegnato (citazione da fonte pubblica), mentre altre prendevano parte all’aggressione che io stavo subendo, ribadendomi che ero io la violenta, “perché ci sono molti modi di essere violenti” e dando appoggio e conferma alla ragazza trans (MtoF) che stava davvero per mettermi le mani addosso. In sostanza io ero la violenta per il semplice fatto che così venivo definita. Non perché avessi avuto un comportamento violento. Venivo accusata violentemente di non pensarla come loro. Come se ciò fosse di per se’ un reato. Questo è.

Ritengo la cosa molto grave. Direi inaccettabile. E credo che sia necessario un confronto su questo, anche con la dirigenza dell’azienda ospedaliera.

In quelle due ore e mezza, ho tentato di rispondere e spiegare. Di ascoltare e capire.

Devo dire che è stato doloroso. Ma anche importante. Guardarsi negli occhi. Incontrarsi. E credo sia assolutamente necessario e urgente, serve e bisogna almeno provare ad uscire dalla narrazione di sistema. È un meccanismo pericolosissimo questo del calare dall’alto e preconfezionare idee dividenti. Su cui costruire schieramenti. Idee ma anche pratiche spesso non attinenti alla realtà né discusse democraticamente su larga scala. Che si vogliono far diventare leggi. Teorie non scientifiche o perlomeno non condivise da molta parte del mondo scientifico. Le cose vanno veloci oggi come oggi. E per lo più su base propagandistica. Si perde il valore e la sostanza. Si semplifica e si limita. Invece di stare nella complessità e nella riflessione. Anche politica. Ma sono questi, temi che ci riguardano tutte e tutti, nella nostra quotidianità, sul piano pratico, etico, legislativo, politico, storico, sociale.
Inoltre lo dico tranquillamente, io stessa fino a una certa età, volevo essere un maschio. Non volevo che mi crescesse il seno. So di cosa si parla. E ringrazio i miei genitori su questo perché mi hanno accolta senza definirmi. E senza forzarmi in nessun senso, lasciandomi esprimere fino a quando piano piano ho preso la mia strada, che prosegue in un continuo definirmi e ridefinirmi... libero e fruttuoso.

Per questo mi sono recata al presidio. Fisicamente.

E perché l’otto marzo, alcune donne co-autrici del libro “Sex work is not work”, fra cui la stessa Guerini, avevano subito, presso la Casa internazionale delle donne di Roma, un altro pesante attacco e censura (annullamento della presentazione del libro a seguito di mailbombing delle sostenitrici del sex work) ho voluto esserci, per dare solidarietà e sostegno femminile-umano e femminista. Per dire no alle censure e alle aggressioni. Per testimoniare una pratica di confronto e accettazione del conflitto sano e civile. Ma anche perché non accetto che a prescindere dalle posizioni differenti, si utilizzino tali metodi, là dove persino le piazze dell’otto marzo sono diventate off-limit per le donne non allineate strettamente al pensiero transfemminista.

Sono andata insomma perché credo si debba uscire day questo meccanismo di ghettizzazione e di schieramenti. Voluto da una politica/mercato, che deve solo controllare e vendere prodotti/pensiero precostituiti che non disturbino troppo il sistema e che anzi lo confermino e rinforzino. Tutto ciò è non democratico e non costituzionale dal mio punto di vista. Sono andata perché non accetto che mi si definisca incasellandomi ancora ed ancora, cancellandomi, come donna e madre. Un linguaggio imposto, deciso a tavolino, che cancella e criminalizza le donne e chi non si allinea schierandosi, tanto per cambiare (e’ lo stesso meccanismo della pas). È oltretutto gravissimo tutto ciò. Una pericolosa deriva: un tema complesso che non si può pretendere di affrontare a colpi di accetta. Sulla stessa pelle dei ragazzi e ragazze lgbtq.

Infine perché sono stanca della polarizzazione dove come donne e madri siamo definite fasciste dal mainstream di “sinistra” e nazifemministe dalle destre. Salvo essere dagli uni e dagli altri cancellate e mercificate nei vari e diversi modi.

Per altro, probabilmente, abbiamo approcci ed elaborazioni differenti con la stessa Guerini, che era la prima volta che incontravo, pur condividendo in generale la critica e la riflessine all’approccio interventista dei bloccanti della pubertà per i bambini. Ma questo appunto, non mi impedisce di condividere e contribuire alla riflessione che è di tutte e tutti e portarle solidarietà di fronte alla violenza, alle minacce, alla censura ed allo stesso tempo, udite udite, essere contro la discriminazione che ancora subiscono, in alcuni ambiti, le persone lgbtq.

Purché però, non diventi il contrario, e cioè che siamo noi donne, tanto per cambiare, le discriminate. Penso ai paesi anglosassoni dove rischi minacce di morte e licenziamento se non ti allinei. Penso alla Ley Trans spagnola, dove se fossimo state lì per il presidio sarei stata io denunciata per transfobia senza neppure essere transfobica, perché è diventato reato, e la prova è a carico dell’accusata-o.


Da tempo mi occupo, insieme a donne e madri in una rete nazionale, del tema della violenza misogina contro madri e figli e della violenza istituzionale che subiamo a causa di leggi patriarcali e pesantemente lesive dei nostri diritti fondamentali. Nello specifico, la legge 54/2006 e pratiche definite dalla cassazione “naziste”, legate alla pas (sindrome dell’alienazione parentale, adesso chiamata in molti modi: della madre malevola, adesiva, ostativa, escludente, ecc.).
Su questo è aperto un dibattito fra e delle donne, femministe storiche e non, giovani donne e madri di ogni provenienza politica, culturale, sociale. Legge 54 voluta dalle pseudo-sinistre/paritariste e pas voluta dalle destre. Ma anche di questo non possiamo parlare, non riceviamo solidarietà, veniamo censurate dal sistema come dal transfemminismo, è scomodo là dove si vuole che i nostri corpi siano oggetti e i nostri figli pacchi postali da resettare qui e ordinare su comodi depliant lì.

In sintesi quello che a me sembra e che lungi dal fare una rivoluzione che libera e destruttura le cause della violenza e discriminazione (a partire dalla violenza misogina millenaria) si stia passando dalla padella alla brace. Da uno sfruttamento all’altro. Da una censura all’altra. Da una condanna all’altra. Da una struttura di controllo all’altra. Ma alla fine a ben guardare è sempre uno di fatto il sistema. Quello patriarcale, mercificatore e oggettificante.

Stiamo buttando via il bambino con l’acqua sporca. Vorrei argomentare ed esporre le tante contraddizioni che ha in sé il transfemminismo dal mio punto di vista. Finché sarà possibile. Una per tutte: essere per i diritti delle donne e contro la violenza e i femminicidi salvo promuovere il sex work o l’utero in affitto. Nuove frontiere della mercificazione delle donne e oggettificazione dei bambini. Cancellazione della storia e del percorso femminista. Umano. Ma anche la nuova definizione di eco-transfemminismo. Che francamente è un po’ come dire che sono per l’agricoltura eco-transgenica. Ma d’altra parte la riflessione è vista come un nemico. E il ragionamento un tabù. E tu diventi una criminale violenta solo perché ritieni che una bambina di nove anni, sviluppata, è e resta una bambina o se dici che come donna e madre ti senti discriminata e cancellata da un linguaggio e da leggi che potenziano il cosiddetto “maschile neutro”.

Questo è autoritarismo bello e buono. È oscurantismo al contrario. La gente ha paura di esprimersi. Di dire. Di porre domande e dubbi. Di chiedere e argomentare. I nostri figli si trovano imbottigliati sui social fra un porno e un video di tik tok. Ma mi veniva detto che non vi è alcuna propaganda transfemminista. No, certo.

Nel frattempo, a noi madri vengono strappati i figli, veniamo ammazzate, stuprate, vendute, torturate, sposate bambine, cancellate dai libri e dalla storia e dalla medicina su base maschile; e no, non credo che col transfemminismo i nostri diritti stiano acquisendo valore. Anzi. A partire dalla nostra parola.

Io onestamente penso che il transfemminismo sia il frutto di secoli di patriarcato, e di capitalismo sfrenato. Un linguaggio e un sistema che definirei, con le parole di Genevieve Vaughan, un’ulteriore forma parassita del sistema del “materno” originario. Con tutto ciò che implica. E che non stia facendo i veri interessi delle persone lgbtq.

Paola Pieri.



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora