28 Marzo 2021

La prostituzione riguarda tutti e tutte: convegno promosso da Donne Evangeliche e Osservatorio Interreligioso

Condividi questo articolo

La prostituzione, sistema di riduzione delle donne a merce, riguarda tutta la società in tutti i suoi organismi, compresi quelli religiosi; è in quest’ottica che la FDEI (Federazione delle Donne Evangeliche) e l’Osservatorio Interreligioso contro la Violenza alle Donne composto da cattoliche, evangeliche, ebree, musulmane, buddiste ed induiste, hanno promosso degli incontri a carattere decisamente abolizionista sul tema. Ecco un resoconto.

Al primo incontro, 18 marzo, introdotto dalle presidenti dell’OVID Paola Cavallari e Gabriela Lio della FDEI dal titolo: “Prostituzione e Pornografia ci riguarda tutti e tutte” ha partecipato più di un centinaio di persone; con l’accompagnamento della storica Liviana Gazzetta e dall’avvocata Grazia Villa si è ripercorso il sistema prostituente nella sua dimensione storica, legale e sanitaria cercando d’indagare come questo si intrecci con le culture religiose.

Il ricorso alla prostituzione è sempre stato vissuto dalle religioni come un male minore. Tutto il discorso è stato centrato sulla donna, ma la figura del cliente è sempre rimasta fuori scena. Le chiese si sono mosse in un’ottica assistenziale, dedicando molta attenzione alla tratta e alle vittime, senza però interrogarsi sulle vere radici del fenomeno; sarebbe invece necessario che le comunità di fede si interrogassero, oltre che sugli effetti, sulle cause che risiedono nel privilegio sessuale maschile, perché lo scambio sessuale che muove una gran massa di “clienti” nasconde un ruolo di potere.

Le testimonianze delle sopravvissute alla prostituzione, dicono le organizzatrici, hanno avuto il merito di svelare al femminismo che la prostituzione è stupro a pagamento. Liviana Gazzetta, attraverso un excursus storico, ha illustrato il sorgere dei diversi approcci al fenomeno che nei paesi a prevalenza cattolica si è sviluppato attraverso strategie regolamentaristiche volte ad affrontare il problema sotto il profilo sanitario e di ordine pubblico, mentre nei paesi protestanti si è diffuso quello tedesco di regolamentazione attenuata.

A fare scuola è stato il modello francese che prevedeva il controllo poliziesco, amministrativo e sanitario delle prostitute, poi diventato egemone in Europa. Il modello abolizionista si è sviluppato in prevalenza in Paesi a maggioranza protestante ed è strettamente legato al nascente movimento femminista.

L’adozione in Inghilterra del modello francese di regolamentazione della prostituzione attraverso   il Contagious Diseases Act incontrerà  l’opposizione  di un movimento di donne: la Ladies National Association fondata nel 1869 da Elizabeth Wolstenholme e Josephine Butler, di cui si ricorda il celebre detto: «Dio e una donna fanno una maggioranza». Il movimento rifiutava la legge che, legalizzando la prostituzione, metteva le donne coinvolte sotto il controllo medico e della polizia, riuscendo ad ottenerne l’abolizione.

Nell’Italia ottocentesca la lotta contro la prostituzione è frammentaria, ma vede l’impegno di Anna Maria Mozzoni e Gualberta Alaide Beccari.

Grazia Villa nel suo intervento ha fatto notare quanto sia diffusa l’idea che la prostituzione non solo non sia eliminabile, ma che non faccia male o addirittura che possa essere utile a persone quali i portatori di handicap, come altrettanto diffusa è anche l’idea che sia necessario distinguere tra prostituzione coatta e tratta, dove vi è presunzione di violenza, e il "libero sex work" presentato come attività lavorativa e espressione di autodeterminazione da tutelare. Tale distinzione però non permette di riconoscere la violenza insita nella prostituzione in sé, limitandosi alla sola gestione criminale del fenomeno.

L’offerta di prestazioni sessuali in cambio di un corrispettivo economico non rappresenta uno strumento di sviluppo umano e a testimoniarcelo sono le parole delle sopravvissute che si riconoscono come giocattoli nelle mani dei clienti, indotte a comportarsi ogni giorno secondo i loro capricci fino a sentirsi usate e sporche e alla fatica a riconoscere possibile un altro tipo di vita.

Sotto il profilo legislativo fino ad oggi sono state presentate 22 proposte di legge  per la regolamentazione della prostituzione caratterizzate dal proseguimento di una politica sanitaria e  di controllo delle donne, con uno sguardo non lontano dalle concezioni regolamentaristiche precedenti alla legge Merlin. Emerge una convergenza tra i gruppi politici nell’attacco alla Merlin a cui si imputa  addirittura un aggravamento del fenomeno prostitutivo, mentre tale  legge si è dimostrata capace di comprendere l’ampiezza e la complessità  del fenomeno e di fornire gli strumenti per intervenire anche in situazioni di più recente diffusione.

È fondamentale non smettere mai di “desiderare, sognare, lavorare per un mondo in cui il corpo sessuato sia un luogo per vivere relazioni libere”.

In programma altri incontri su Zoom: per partecipare scrivere a: incontrizoom@cdbitalia.it

Maria Alessandra


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
10 Giugno 2022
Madonna mistress sadomaso
Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri. Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
28 Marzo 2022
La sorella di Saviano
Cosa ne penserebbe lo scrittore, che chiede di rottamare vecchia legge Merlin per "regolarizzare" il "sex work", se a prostituirsi fosse una donna a lui cara? Non sa che la prostituzione è quasi solo tratta e la regolarizzazione è una manna per papponi e mafiosi? Non conosce il modello abolizionista,già in vigore in molti Paesi civili? Non sa che quello che lui chiama "lavoro" è enorme sofferenza femminile? Perché riconosce agli uomini il diritto di stuprare a pagamento? Perché non studia e non ascolta le donne prima di parlare? Da dove gli viene tanta misoginia?
Una volta ero in uno studio di registrazione per un dibattito sulla prostituzione. Naturalmente lo si definiva -non io- sex work, il che rendeva tutto più accettabile e moderno. C'era una nota e bellissima prostituta bolognese, una tale che si prostituiva online, si parlava di "assistenza sessuale agli invalidi". Loro così libere e up to date, a me avevano affidato il compito di rappresentare il triste contraltare del moralismo bigotto. Non gli era venuto per niente bene, sono riuscita e […]
Leggi ora
24 Marzo 2022
Cassazione: status di rifugiata una vittima di tratta
Ribaltate le sentenze precedenti che attribuivano alla donna prostituita un tacito consenso: che va escluso, quando c'è violenza fisica e psicologica. Pur se tradotto nel linguaggio neutro del diritto, il lavoro delle donne apre dei varchi
La sentenza 676/2022 della Cassazione ha riconosciuto lo status di rifugiata a una donna vittima di tratta (e prostituita). Nel terzo grado di giudizio è stato ribaltato l’impianto delle sentenze precedenti che attribuivano alla donna un consenso tacito all’esercizio della prostituzione, quindi l’inesistenza di quello stato di necessità che prelude alla concessione dello status di rifugiata (temporaneo, va sottolineato). Si dice infatti che il consenso non può essere considerato tale in una condizione di violenza fisica e psicologica insita nelle […]
Leggi ora
8 Marzo 2022
8 marzo 2022 - 8 marzo 2023: agenda per un anno di femminismo
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica: sono i temi su cui ci impegneremo nei prossimi mesi, raccontati in un incontro che potrete vedere qui. Per prendere parte al lavoro, scrivete a radfemitaliarfi@gmail.com
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica. Questi alcuni dei temi affrontati nel corso dell'incontro a cui hanno preso parte Alessandra Bocchetti, Monica Ricci Sargentini, Veronica Tamborini, Manuela Ulivi, Ilaria Baldini, Luana Zanella, Daniela Dioguardi, Marina Terragni, Assuntina Morresi, Elvira Reale. Sono gli obiettivi del lavoro politico dei prossimi mesi: se qualcuna fosse interessata a prendere parte a questo lavoro, scegliendo uno […]
Leggi ora
4 Marzo 2022
Contro la guerra, trovare le parole
Vi invitiamo a mettere in comune i vostri pensieri sulla situazione in Ucraina, sottraendoli al campo di battaglia dei social network. Parole che ci aiutino a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare un senso andato perduto. Mandateci i vostri testi
Guerra è assoluta perdita di senso, sostituzione delle parole con gesti violenti. Tenere vive le parole, investirle di fiducia, farne nascere di nuove è un lavoro preziosissimo che può arginare la distruzione. Non tanto e non solo le parole che servono alla diplomazia e alla negoziazione. Soprattutto le parole che ci aiutano a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare il senso andato perso. Non le parole dei flame sui social network, che ci obbligano a prendere […]
Leggi ora