22 Settembre 2023

Il vero mondo al contrario

Non c’è un mondo dritto -la tradizione- contro un mondo storto -il trans-progressismo-. I due mondi che si fronteggiano perpetuano il patriarcato in modi diversi ma con lo stesso obiettivo: mantenere il dominio sulle donne. Una stortura millenaria: l’usurpazione maschile di spazi fisici e metafisici femminili
Condividi questo articolo

Il dibattito politico e sociale vede scontrarsi i sostenitori di due modelli di mondo, uno scontro metafisico e filosofico più che strettamente politico. Polemica che da donne osserviamo con perplessità: due modelli contrapposti e apparentemente inconciliabili, tradizione contro modernità, valori antichi e sacri a fronte di una fluidità ubiquitaria, la famiglia di un tempo contro quella queer…. Da una parte e dall'altra campioni del mondo patriarcale che parlano il linguaggio delle ideologie del “secolo breve”.

Tutti affermano di stare dalla parte delle donne- ridotte a bottino di guerra-, interessati ai loro problemi, parlano a loro nome, trattandole da minoranza oppressa quando invece costituiscono più della metà dell'umanità,

Ma questo mondo non è si è messo improvvisamente ad andare “al contrario”, e comunque non per responsabilità delle “fattucchiere” femministe: il mondo viaggia al contrario da 5 o 6 millenni, fondato su una stortura originaria su cui ha prosperato.

Il peccato originale del Patriarcato può essere rappresentato dall’immagine tradizionale del Tao, Yin e Yang simmetrici e complementari che si intrecciano e si compenetrano. A chi sostiene che il mondo non è binario, si può replicare che a un certo punto della Storia quell’equilibrio fra maschile e femminile si è rotto, gli uomini hanno usurpato territori sottraendo alle donne spazi fisici e metafisici. Il naturale amore che i maschi dovrebbero provare per le donne, dai cui corpi sono venuti al mondo, si è trasformato in invidia e rancore per la loro naturale capacità di dare la vita, principio di divinità femminile. Invidia e rancore che si sono espressi nel dominio delle donne, nell'invenzione di padri creatori in spirito; nell'edificazione civiltà basate sulla forza e sul possesso. Ne è nato un mondo storto, sbilenco, zoppo, che si è retto proprio su uno squilibrio originario e sull’infelicità delle donne. Una bulimia senza limiti che può essere raffigurata come un maschile che lentamente e progressivamente divora e cannibalizza la controparte, fino alla sua cancellazione.

Oggi i patriarchi -quanto meno in Occidente- hanno dismesso barbe e abiti talari, sono ben rasati, anzi truccati e depilati, rubano alle donne gli abiti, gli sport, gli spazi riservati, e usano violenza contro chi resiste.

La contrapposizione tra le due visioni del mondo appare sempre più netta, ma le donne non hanno amici né nell'uno né nell'altro fronte. Dritto o al contrario questo mondo è stato pensato, pianificato, organizzato dagli uomini a misura di loro stessi. Un mondo in cui le donne non possono più nemmeno dirsi donne, perché altri soggetti (con corpo sessuato maschile) chiedono di nominarsi tali; in cui il corpo femminile, denudato, pornificato e sovraesposto a livello mediatico e pubblicitario, paradossalmente deve scomparire e non può essere nominato. Un corpo desiderato e temuto da un maschile sempre più inquieto e problematico, figlio di un patriarcato ormai multiforme e multifocale, antico e moderno, ateo e devoto;

Il mondo al contrario è un mondo in cui le ragazze fuggono dal femminile “come da una casa in fiamme” mutilandolo e distruggendone le caratteristiche fisiche.

Il mondo al contrario è un mondo in cui le donne odiano talmente il proprio corpo da distruggerlo in ogni modo, più o meno consapevole.

Il mondo al contrario è un mondo che ancora teme il sangue delle donne fertili, sangue di vita e non di corpi che muoiono.

Il mondo al contrario è un mondo che dice di amare le donne ma in realtà ne fa oggetto di un odio millenario, ne invidia il corpo sessuato e generativo, vuole sostituirsi a loro a livello fisico e metafisico e grazie alle nuove tecnologie ci riuscirà presto.

Il mondo al contrario è un mondo che ha immaginato Dei maschi creatori da sé, stupratori e ingannatori delle donne, mortali e divine.

Il mondo al contrario è un mondo in cui la “famiglia tradizionale” solo di recente si è liberata da fardelli giuridici per cui l’uomo era il capo-famiglia; una famiglia che nel migliore dei casi si è retta e ha prosperato sul sacrificio e l’oblatività di donne e bambine verso mariti e fratelli che invece hanno potuto studiare, lavorare e fare carriera perché le donne di casa vi avevano rinunciato.

Il mondo al contrario è un mondo in cui questo modello familiare rilegge tradizioni arcaiche in chiave post-moderna, con il sostegno dei media e da una società civile sedicente moderna e progressista.

Il mondo al contrario è un mondo dove l’Eros, la forma più bella e profonda di incontro fra un uomo e una donna, perde il suo significato etimologico di “amore” e si trasforma in un campo di battaglia e una macelleria.

Il mondo al contrario è un mondo in cui una donna deve avere paura che gli uomini che incontra possano farle del male perché incapaci di gestire il desiderio che provano verso di lei.

Il mondo al contrario è un mondo in cui si incontrano mondi diversi, ma la costante, a prescindere dalla differenze, è sempre l’odio e l’umiliazione della donna.

Il mondo al contrario è un mondo che si dice moderno ed inclusivo ma riduce il corpo della donna a merce-veicolo per vendere altre merci.

Il mondo al contrario è un mondo in cui le donne faticano ad avere un controllo della propria capacità riproduttiva; sul loro corpo battaglie campali fra resti di ideologie novecentesche e nuovi fondamentalismi.

Il mondo al contrario è un mondo in cui la potenza materna è incompatibile con le leggi del mercato, e dunque lasciato indietro e penalizzato nelle sue funzioni biologiche.

Il mondo al contrario è un mondo in cui si è costrette ad aderire a stereotipi irrealistici di perfezione ai quali si reagisce smettendo di prendersi cura di sé e facendo la guerra alla propria immagine.

Il mondo al contrario è un mondo che ha reso tossica e pericolosa perfino la bellezza.

Il mondo al contrario è un mondo che ci ha reso difficile e dolorosa la maternità, la vera famiglia naturale.

Il mondo al contrario è un mondo in cui la maternità, con tutto il suo portato materiale e simbolico, è relegata a status subalterno, cancellata e messa in vendita come un qualsiasi prodotto.

Il mondo al contrario è un mondo in cui la scienza investe tempo e risorse per permettere a maschi che si autoidentificano come donne di ricorrere a un utero artificiale.

Il mondo al contrario è un mondo in cui una donna che abbia dedicato la propria vita alla famiglia, che abbia completamente assunto su di sé il lavoro di cura, senza ferie né interruzione, non abbia diritto ad una pensione sociale ma si trovi nella condizione di essere “mantenuta” dal marito.

Il mondo al contrario è un mondo in cui i figli non portano il cognome di colei che li ha portati in grembo, nutriti e partoriti.

Il mondo al contrario è un mondo in cui una madre che protegge i propri figli e figlie da un padre violento viene trattata come una bugiarda e una manipolatrice in base a teorie farneticanti create da uomini; viene giudicata in tribunale in base a leggi create da uomini e congegnate per favorirli (per esempio la mostruosa legge 54/2006).

Il mondo al contrario è un mondo in cui maternità e paternità sono equiparate, e se un bambino vuole stare con la mamma perché il papà è cattivo con lui viene prelevato dalla forza pubblica e “resettato” da professionisti pagati per farlo.

Il mondo al contrario è un mondo in cui le donne che denunciano violenze non sono credute o vengono abbandonate al loro destino, perché la violenza va "provata" e le donne sono mediamente "poco credibili".

Il mondo al contrario è un mondo che qualche tempo si è scoperto “paritario” ma in cui gli uomini sono “un po’ più uguali” delle donne.

Il mondo al contrario è un mondo in cui perfino le battaglie femministe sono state invase e usurpate dagli uomini che ne decidono obiettivi e strategie, sempre e solo a vantaggio maschile.

Il mondo al contrario è un mondo in cui gli uomini ci rubano tutto: la vita, l'immaginario, il simbolico, i soldi, gli spazi protetti, perfino gli sport, divorandoci.

Il mondo al contrario è un mondo che crede di essere dritto e che non lo è, e che vede i guasti in un altro mondo simmetricamente storto e ingiusto. Due mondi, due paradigmi ciascuno dei quali non vede i propri errori ma li proietta nell’altro. Ma un mondo che va al contrario è un mondo storto destinato ad arrivare al capolinea: un mondo che fa guerra alla “sua metà” - in primis la propria madre- è un mondo profondamente stupido, ormai dovrebbe essere chiaro a tutti. Un bel mondo in cui gli uomini escogitano sempre nuove strategie per mantenere le donne ai margini e sostituirsi a loro. Un deserto a cui danno il nome di civiltà.

Valeria Damiani e Paola Pieri


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora