10 Gennaio 2021

Femminismo, sororità, amicizia: la narrativa delle serie tv sulle donne

Condividi questo articolo

Il 2020 è stato per eccellenza l’anno in cui il confronto e la continua riflessione sulle serie televisive è divenuto, da lieta arte del conversare, sicuro terreno di comunicazione e scambio. Non è risultato difficile, grazie al tempo in esubero durante la surreale quarantena primaverile e natalizia, formarsi una personale visione d’insieme di quello che, serie dopo serie, emerge come un valore femminile di ritorno: l’amicizia tra donne connotata con l’immensa potenza dell’irripetibile.

In seguito al cataclisma sociologico scaturito dal #MeToo i rapporti tra donne e tra donne e uomini sembravano aver perso autenticità narrativa  poesia e mordente, rovinati nella retorica rediviva dell’ape regina e nella rigidità della diffidenza. Rapporti femminili più orientati alla sororità, meno audace ma più stabile del sentimento inclusivo della voce maschile, comprensivo di ogni apporto al di là del genere, da non confondersi con la "sorellanza", dal maggiore addentellato con il femminismo radicale.

Se letterariamente, come insegna la regina della sororità narrativa, Louisa May Alcott, la sororità ha il grande pregio di organizzare il vivace disordine espressivo del femminismo da trincea, declinandolo in un rassicurante femminismo della porta accanto del "tutte per una, una per tutte", cinematograficamente e televisivamente si sta tornando alla narrazione d’effetto di un femminismo che sembra crescere in maniera organica da errori ed esperienze. Si pensi ai recenti "The morning show" (2019), serie tv americana con Jennifer Aniston, Reese Witherspoon e Steve Carell, in cui i riverberi del #MeToo sul tessuto sociale sono analizzati con occhio critico e per nulla indulgente verso gli aspetti più controversi delle conseguenze del movimento. Ancora, "The bold types" (2020) serie non ancora interamente tradotta in italiano, infinitamente più cool e spregiudicata del progenitore "Sex and the city", torna ad ampie falcate sulla purezza adamantina dei rapporti d’amicizia tra donne, con il pregio di distendere ciò che è teso fino all’insopportabile in relazione alle storie familiari, talvolta dolorose, talaltra incolore, delle protagoniste.

L’eredità del #MeToo è sviscerato, vissuto, traslato, problematizzato non fino a un’elaborazione che ne neutralizzi stilemi e conseguenze, ma ricondotto a un piano in cui l’amicizia è chiave di volta, luce dirimente di ogni dimensione privata e professionale, che assicura ogni scelta dentro il perimetro inviolabile dei rapporti d’elezione, non di sangue, non solo perlomeno.

Così pure dicasi di "Bombshell" (2019) con Nicole Kidman, vera storia del maxi scandalo sessuale che investì i piani alti della Fox nel 2016. La tessitura narrativa della recentissima e fashionissima "Younger", sitcom americana di Darren Star,  con le magistrali Sutton Foster, Miriam Shor e Debbie Mazar, dinamizzata dalla frizzante millennial Hillary Duff, analizza stavolta l’amicizia femminile come fatto generazionale. Boomer, Millennials e gerazione Z assorbono l’urto casuale tra il desiderio di auto determinazione della donna di ogni età coniugandolo all’urgenza esistenziale di non perdere il fuoco ontologico di sé stesse. La lunga serie – sei stagioni – termina con la messa a fuoco della legittimità dei vicendevoli desideri.

Massimo catalizzatore di ogni fenomeno è l’amicizia tra donne. Alle quattro beniamine di Sex and the city è servito un tempo di incubazione e approfondimento - sospeso dalla prima comparsa dei telefoni cellulari e a un uso quasi esclusivamente professionale delle e mail - al post #MeToo. È voce confermata che l’HBO Max ha dato l’ok alle riprese del reboot della serie. Dall’atmosfera di una Manhattan dei primi anni ’10,  in cui l’estetica era madre dell’etica, fatta salva la granitica amicizia delle quattro storiche amiche di cui mai si è trattata la genesi del rapporto (maggiore cura è dedicata alle vicende nel prequel nei due movies successivi alla serie), rimane da capire che ruolo sarà assegnato all’uomo: se il bel partner occasionale sarà il servo temporaneo dell’ego talvolta ipertrofico talvolta ferito delle protagoniste o degno di uno scambio equo. Ma soprattutto è tanta la curiosità di capire se il punto di partenza cult della mitizzazione dell’amicizia femminile e femminista sarà ormai in grado di superare le perfette e profonde epigoni televisive degli ultimi anni.

Ilaria Muggianu Scano


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
10 Giugno 2022
Madonna mistress sadomaso
Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri. Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, […]
Leggi ora
4 Marzo 2022
Contro la guerra, trovare le parole
Vi invitiamo a mettere in comune i vostri pensieri sulla situazione in Ucraina, sottraendoli al campo di battaglia dei social network. Parole che ci aiutino a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare un senso andato perduto. Mandateci i vostri testi
Guerra è assoluta perdita di senso, sostituzione delle parole con gesti violenti. Tenere vive le parole, investirle di fiducia, farne nascere di nuove è un lavoro preziosissimo che può arginare la distruzione. Non tanto e non solo le parole che servono alla diplomazia e alla negoziazione. Soprattutto le parole che ci aiutano a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare il senso andato perso. Non le parole dei flame sui social network, che ci obbligano a prendere […]
Leggi ora
14 Novembre 2021
Femminismo Radicale per il 21° secolo: un'antologia
Curato da Elizabeth Miller il saggio “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century” raccoglie contributi di donne di tutto il mondo. E delinea mezzi e obiettivi per la definitiva liberazione dall'oppressione patriarcale
“Filare” e “tessere”: il tempo della crisi Covid, rallentando i tempi del quotidiano ci ha offerto questa opportunità preziosa, aprendo spazi inusitati di riflessione e sguardi attenti al presente-futuro. “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century”, curata da Elizabeth Miller, raccoglie contributi di donne di tutto il mondo che delineano il Femminismo Radicale del 21° secolo. Di che cosa parla il testo? Quali risultati emergono? Cosa si dicono le donne nel mondo? Lo chiediamo a Elizabeth Miller che […]
Leggi ora
27 Ottobre 2021
L'identità di genere vista da una giovane donna
In seguito alla pubblicazione di un comunicato ufficiale che si è pubblicato su facebook dalle "femministe" e al rilancio di Alessandro Zan in vista della discussione in aula della sua legge oggi 27 ottobre, mi è sembrato doveroso mettere in chiaro alcune cose per rispetto a tutte le donne che come noi non si sentono parte di questo "femminismo".
Ho deciso di rispondere punto per punto a questo comunicato che ancora una volta non manca nel disinformare. Credo fortemente che le donne firmatarie di questo comunicato non hanno ben chiaro il concetto di "identità di genere" sviluppatosi e diffuso negli ultimi pochi anni nella cultura giovanile e che ha poco a che fare con le tutele verso omosessuali e transessuali. ⁣ Il genere è un costrutto sociale che è applicato a donne e uomini a seconda del loro sesso […]
Leggi ora
23 Settembre 2021
Scopo del velo: ostentare quello che nasconde
Velarsi è pornografico in sé. Perché mette in evidenza quello che occulta: il sesso. E divide le donne tra buone e cattive. I liberal che parlano di "scelta" perpetuano una pratica patriarcale di cui l'identità di genere è l'ultima espressione
C'è una cosa che il Covid ha dimostrato: una società mascherata non funziona.  I sostenitori del velo sono stati subito entusiasti: "Sì, vedi, la mascherina è come il burqa, ma sì, è lo stesso, è divertente sentirti più laïcard (laicista), cosa ne dici?". Ma paragonare mascherina chirurgica/velo integrale è più o meno come confrontare un foulard sul naso in una fredda giornata invernale e un burqa(…) Stesso discorso per la dichiarazione che il burqa afgano protegge le donne dalle molestie sessuali […]
Leggi ora
20 Luglio 2021
Why media, corporations, and advertising support Gender Ideology.
With rare exceptions, the media regularly fails to report anything that doesn’t portray gender ideology and transhumanism in a good light.
There is almost complete global silence on the Keira Bell ruling in the UK, which denied that children under the age of 16 could consent to take puberty blockers. At almost the very same time as the Bell victory, the international media instead chose to celebrate the gender transition of Hollywood star Ellen-Elliot Page. It was a hard struggle to get the news out about the babies born from surrogate wombs and stored like merchandise in hotels in Kyiv, there […]
Leggi ora