Femminismo Radicale per il 21° secolo: un'antologia

Curato da Elizabeth Miller il saggio “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century” raccoglie contributi di donne di tutto il mondo. E delinea mezzi e obiettivi per la definitiva liberazione dall'oppressione patriarcale
Condividi questo articolo

“Filare” e “tessere”: il tempo della crisi Covid, rallentando i tempi del quotidiano ci ha offerto questa opportunità preziosa, aprendo spazi inusitati di riflessione e sguardi attenti al presente-futuro.

“Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century”, curata da Elizabeth Miller, raccoglie contributi di donne di tutto il mondo che delineano il Femminismo Radicale del 21° secolo.

Di che cosa parla il testo? Quali risultati emergono? Cosa si dicono le donne nel mondo?
Lo chiediamo a Elizabeth Miller che ci racconta genesi dell'antologia, tematiche e obiettivi

Come nasce l’idea del libro?
Il testo è un mosaico di contributi provenienti da donne di tutto il mondo. I libri sono importanti, appunto
perché sono una collezione di idee che possono essere lette da altre persone e che quindi possono
utilizzare quelle idee per ispirarsi e cambiare la propria vita. Le donne hanno bisogno di liberarsi del
patriarcato, e abbiamo bisogno delle voci di altre donne per aiutarci a riconoscere il modo in cui il
patriarcato condiziona le nostre vite.
I gruppi di autocoscienza delle donne sono un modo magnifico
per farlo. Così come possono svolgere un ruolo positivo gli scambi attraverso i social media, anche se in
questo modo, purtroppo, non è possibile raccogliere e organizzare idee importanti in un unico luogo. Io
stessa ho intavolato confronti online con molte donne sul Femminismo Radicale e ho potuto ascoltare
molte idee brillanti al riguardo. Volevo quindi raccogliere queste idee e renderle disponibili in un unico
luogo, in modo che altre donne abbiano l’opportunità di leggerle, rileggerle e trarne ispirazione.
Da molti anni mancava una significativa raccolta collettanea di scritti di femministe radicali. Così ho
deciso di farne una io. Ho contattato oltre 100 femministe radicali in tutto il mondo e 37 di loro hanno
scritto altrettanti capitoli del libro. Questo libro è il mio regalo alle sorelle femministe radicali e a tutte le
donne e alle bambine del mondo.
È un progetto per le donne e le bambine, affinché prendano coscienza
della necessità di liberarsi e di farlo loro stesse.

Quali sono gli argomenti trattati nel testo?
Il libro comprende otto sezioni, organizzate intorno a otto temi: “I fondamenti del Femminismo Radicale del
21° secolo”, “Il Femminismo Intersezionale”, “La pornografia e la prostituzione come forme di oppressione
delle donne”, “Il Femminismo Radicale Lesbico”, “La sessualità delle donne come tema del Femminismo
Radicale”, “L’oppressione e lo sfruttamento delle donne online”, “Le politiche Transgender e il Movimento
dei Diritti Sessuali degli Uomini”, “Narrativa, Poesia, Memorie e Analisi Letteraria Femminista Radicale”. 44 capitoli, scritti da 37 femministe radicali di diverse nazionalità, età, etnia, estrazione, orientamento sessuale ed esperienze di vita.

Quali sono i punti principali emersi dai vari contributi?
Le donne in tutto il mondo devono affrontare il patriarcato, che spesso si manifesta nello stesso modo. Il
patriarcato è organizzato sul controllo, lo sfruttamento, il silenziamento e la soppressione della libertà delle donne
operata da parte dei maschi. In tutti i Paesi gli uomini controllano le donne minacciando di usare la forza
fisica contro di loro
(violenza domestica, assalti sessuali, molestie e omicidio) e controllando l’economia e i
sistemi legali e politici,
ostacolando la possibilità per le donne di governarsi politicamente, di emanare
norme che proteggano e accrescano l’empowerment femminile e di avere risorse economiche e un tenore
di vita che non sia di mera sussistenza o di schiavitù. In quasi tutti i Paesi gli uomini controllano le capacità riproduttive delle donne (il nostro accesso ai sistemi di aborto e di controllo delle nascite). In quasi tutti i
Paesi con l’uso della forza gli uomini dispongono dei corpi delle donne per sfruttarli. Donne e bambine
(che non sono ancora diventate donne) sono costrette alla prostituzione e alla pornografia. Gli uomini
acquistano le bambine come “spose”, le donne sono rapite e ingravidate con la violenza, le donne sono
costrette, attraverso la violenza o la disperazione economica, a diventare “madri surrogate”. Alle donne
e alle bambine, in molte parti del mondo, viene negato l’accesso all’istruzione, di lasciare la propria casa e
di vivere in modo indipendente, di avere le risorse per poterlo fare.
Tutte le donne, a diverse latitudini, vengono indottrinate a una eterosessualità compulsiva: a sposarsi ed
essere sessualmente accessibili agli uomini. Questo aspetto viene presentato come “naturale” e inevitabile.
Alle donne e alle bambine non viene data l’opportunità di decidere per proprio conto se vogliono avere una
partner del proprio stesso sesso o anche di non avere rapporti sessuali con nessuna/o. Ci viene inculcato
fin da bambine il fatto che il ruolo delle donne è quello di essere una proprietà degli uomini, di
badare alla loro casa, di mettere al mondo figli per loro. In ogni Paese, le donne hanno bisogno di rendersi conto del modo in cui vengono oppresse, di imparare a contattare altre donne per stringere alleanze, proteggere(si), sollevarsi e per raggiungere una comune liberazione.

Che tipo di Femminismo Radicale emerge da questi scritti?
Quello che emerge è dato dalla voce di queste donne e di queste ragazze. La voce che impara a dire “No”. Il Femminismo Radicale analizza la realtà, insiste nel vedere il mondo nel modo in cui esso è realmente e non nel modo in cui gli uomini ci dicono che sia. Queste voci dicono che il Femminismo Radicale sa che i sessi sono due -femmine e maschi - e che il sesso maschile opprime il sesso femminile attraverso il controllo e il possesso. Il Femminismo Radicale sa che gli uomini non sono donne, che non potranno mai diventare donne e che gli esseri umani non possono mai cambiare sesso. Il Femminismo Radicale riconosce che la prima cosa che devono fare le donne è vedere se stesse come esseri umani completi, che hanno il diritto di esistere separatamente dagli uomini e
senza chiedere il loro permesso. La seconda cosa che le donne devono imparare a fare è riconoscere il
proprio diritto di dire “No” agli uomini e rafforzare quel “No”. Possiamo dire di “No” che si tratti delle
richieste degli uomini quando si hanno con loro relazioni eterosessuali, no alla prostituzione, alla pornografia, no alla rinuncia alla carriera per dare alla luce e far crescere i figli, a vivere per prenderci cura degli uomini, per consolarli, no a tacere della nostra natura biologica e delle nostre esperienze di vita, al dover desiderare quello che loro vogliono che noi desideriamo, facendo finta di niente o facendoci da parte di fronte alle loro pretese di accedere ai nostri sport, ai nostri spogliatoi, alle prigioni, ai gruppi di donne. Il Femminismo Radicale incoraggia le donne a mettere sé stesse al centro della propria vita e di chiedersi cosa vogliano effettivamente per loro stesse.

Come si sta organizza il Femminismo Radicale in questi anni?
Come movimento politico internazionale di liberazione delle donne e delle bambine dal patriarcato. La parola “Radicale” significa “radici”, per indica il nucleo fondativo di qualcosa. Femminismo Radicale è Femminismo delle Radici, va oltre l’apparenza delle cose. La radice dell’oppressione delle donne è il loro sesso. I maschi opprimono le donne a causa del loro sesso biologico, pretendendo la disponibilità, lo sfruttamento e la distruzione dei nostri corpi. Ci utilizzano come strumenti sessuali e riproduttivi. Tutti gli altri mezzi che i maschi adoperano per opprimerci
(economici, politici, sociali) si radicano nell’oppressione primigenia basata sul sesso biologico e sulle capacità riproduttive. Il Femminismo Radicale è il vero Femminismo – l’unico Femminismo in grado di liberare le donne e le bambine perché possano vivere liberamente e in maniera autodeterminata la propria vita.
Il Femminismo Radicale si pone in contrasto con il “Femminismo Liberale”, detto anche “Femminismo Egualitario”, che non intende cambiare o smantellare il sistema ma soltanto consentire a un numero maggiore di donne di accedere al potere politico ed economico all’interno di questo sistema corrotto. Questo conferirebbe dei privilegi ad alcune donne, ma non servirebbe a liberale la gran parte delle donne e delle bambine nel mondo, poiché non tutte
le donne avrebbero accesso alle risorse economiche o alla possibilità di ricoprire incarichi pubblici.

Perché abbiamo ancora bisogno di Femminismo Radicale?
Perché ognuna possa vedere come realmente vanno le cose nel mondo. In questo modo, ognuna potrà prendere coscienza di che cosa sia davvero il patriarcato a livello planetario e del modo in cui funziona per opprimere le donne. Solo allora potrà liberarsene. Per questo, le femministe radicali devono continuare a scrivere e a diffondere il proprio pensiero e renderlo accessibile alle donne e alle bambine in tutto il mondo. Un modo in cui il patriarcato perpetua il proprio potere è quello di nascondere alle donne e alle bambine le modalità attraverso le quali le opprime. Il patriarcato rigira ogni cosa, convincendo le donne e le bambine perché leggano come occasione di “empowerment”, di "divertimento" o di "libera scelta" quello che in realtà determina loro danno e sofferenza. Sottrae alle parole il loro vero significato. Lo fa per rendere le donne collaborative rispetto alla loro stessa oppressione. Per questo, abbiamo bisogno di scrivere e di diffondere le teorie del Femminismo Radicale: per deprogrammare le donne dal culto dell’indottrinamento patriarcale. La teoria politica del Femminismo Radicale appartiene a ogni donna e può essere scritta da ogni donna.

Depotenziare, disincantare, destare le donne e le bambine dal trompe l’oeil creato dall’indottrinamento
patriarcale.

Tiziana Luise


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora