12 Gennaio 2021

Cronaca di una vaccinazione

Condividi questo articolo

Un primo giorno di scuola, anzi il primo in assoluto. Stesse emozioni e ansie, un sogno notturno anticipatorio di segno negativo. Ho sognato che la mattina andando a vaccinarmi non avevo la mascherina e lungo il percorso mi saliva l’agitazione perché non sapevo se mi avrebbero fatta entrare in ospedale e quindi permesso di vaccinarmi. Cercavo di coprirmi il volto con una sciarpa, che però continuava a scivolare non rispondendo alla sua mission.

La mattina al risveglio mi sono dedicata con cura alla scelta di un abbigliamento compatibile con il ruolo di vaccinanda che di lì a poco sarei andata a sostenere. Ho scelto come mise di base uno smanicato che mi avrebbe permesso di non offrire, in uno scenario che non sapevo quanto protetto dalla privacy,  uno spettacolo poco decoroso fatto di bretelle e di body. Ne avevo solo uno adatto allo scopo, non lo trovavo, mi sono attardata nella ricerca e come al solito mi sono fatta prendere dall’ansia di arrivare tardi. Ho preso una Mascherina FFP2 nuova per affrontare le insidie di un ospedale in cui il Covid circola ancora e alla grande. Mi sono avviata.

Mancavo dall’ospedale giusto da nove mesi, era il 6 marzo quando avevo fatto il mio ultimo turno in presenza per il centro Dafne (dedicato all’accoglienza e all’ascolto delle donne vittime di violenza e situato presso l'ospedale Cardarelli a Napoli). Poi mi ero ritirata e avevo organizzato l’attività di refertazione psicologica da remoto con un numero di reperibilità regionale. Sapevo che non avrei potuto parcheggiare dentro l’ospedale: nel parcheggio era stata installata una grande tensostruttura per l’accesso dei pazienti al PS. Ma non mi aspettavo lo spettacolo inusuale che mi si è parato davanti. Il parcheggio era completamente deserto e ho provato un senso di smarrimento. Lo ricordavo sempre gremito di macchine. Ora, le ho contate, ce n'erano solo 4. Un vero shock.

Entro in ospedale e mi dirigo alla tensostruttura centrale adibita alle vaccinazioni. Atmosfera inusuale ma molto piacevole. Nessuna fila per entrare. Il senso di trovarsi in un’oasi, di fronte a quella tenda rassicurante. Dentro, uno spazio ampio con tre postazioni vaccinali e tante poltrone blu reclinabili ben distanziate e confortevoli per il relax post-vaccinazione. La tenda piena di tanti giovani medici, ragazzi e ragazze, professionali e ben organizzati. Del centro Dafne eravamo in 3. Dopo la somministrazione abbiamo appuntato sugli abiti le spillette con la scritta  "mi sono vaccinato" ( non esiste con declinazione al femminile!), come se fosse una medaglia al merito in battaglia, e ci siamo scattate una quantità di foto. Eravamo contente. Ci sentivamo finalmente liberate da un peso che anch'io avevo portato quasi senza rendermene conto per 9 mesi di lockdown nel computer, e anche di splendido isolamento. Beh ci hanno dovuto cortesemente dire -essendo trascorsi i 15 minuti- che potevamo andare. In effetti non avevamo alcuna fretta di allontanarci. Poi di nuovo quel parcheggio vuoto, il tragitto in auto verso casa.

Traffico intenso come al solito, era giorno di zona gialla. Di diverso c’era il mio stato d'animo: il ritrovato desiderio di guardare le vetrine, se i negozi non fossero stati chiusi la pausa pranzo mi sarei fiondata dentro a fare il mio primo shopping in presenza. Ecco: bisogna evitare di fare errori  per troppo entusiasmo. Con la prima dose non si è immuni, non sei ancora corazzata contro il virus. Servono altri 20 giorni per la seconda dose, e poi devono passare altri 10 giorni. Quisquilie! Già la prima dose mi dà un grande senso di benessere. E infatti ecco, a conclusione della giornata memorabile, quel desiderio messo a tacere da tanto: una bella pizza in presenza e senza ansie come solo a Napoli la sanno fare, fumante e  appena sfornata dal classico forno a legna, accompagnata da una popolare Birra Peroni.

Elvira Reale

p.s.: questo testo non va inteso come una campagna pro-vax. Chi si vaccinerà saprà leggendolo a che cosa va incontro. Chi non si vaccinerà, quello che perde


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
10 Giugno 2022
Madonna mistress sadomaso
Una Madonna a seno nudo e abbigliata da mistress sadomaso ha sfilato portata in spalla da un gruppo di manifestanti durante il Pride di Cremona. Queste le riflessioni di Daniela Tuscano
Maria vulva sacra, Madonna del Latte, è una delle più antiche e venerate icone, soprattutto in Medio Oriente e in area etiopica, dove il cristianesimo attecchì fin dal primo secolo. Ancora adesso, il Grotto del Latte a Gerusalemme è meta d’incessanti pellegrinaggi di donne in attesa o desiderose di diventare madri. Ogni 29 aprile, la Chiesa ortodossa celebra con uno splendido inno i seni di Maria, “vivificante Primavera” che solleva gli infermi dai letti, libera gli afflitti, fortifica i fragili, […]
Leggi ora
4 Marzo 2022
Contro la guerra, trovare le parole
Vi invitiamo a mettere in comune i vostri pensieri sulla situazione in Ucraina, sottraendoli al campo di battaglia dei social network. Parole che ci aiutino a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare un senso andato perduto. Mandateci i vostri testi
Guerra è assoluta perdita di senso, sostituzione delle parole con gesti violenti. Tenere vive le parole, investirle di fiducia, farne nascere di nuove è un lavoro preziosissimo che può arginare la distruzione. Non tanto e non solo le parole che servono alla diplomazia e alla negoziazione. Soprattutto le parole che ci aiutano a rimettere ordine nell'immane disordine che è la guerra, per ritrovare il senso andato perso. Non le parole dei flame sui social network, che ci obbligano a prendere […]
Leggi ora
14 Novembre 2021
Femminismo Radicale per il 21° secolo: un'antologia
Curato da Elizabeth Miller il saggio “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century” raccoglie contributi di donne di tutto il mondo. E delinea mezzi e obiettivi per la definitiva liberazione dall'oppressione patriarcale
“Filare” e “tessere”: il tempo della crisi Covid, rallentando i tempi del quotidiano ci ha offerto questa opportunità preziosa, aprendo spazi inusitati di riflessione e sguardi attenti al presente-futuro. “Spinning and Weaving: Radical Feminism for the 21th century”, curata da Elizabeth Miller, raccoglie contributi di donne di tutto il mondo che delineano il Femminismo Radicale del 21° secolo. Di che cosa parla il testo? Quali risultati emergono? Cosa si dicono le donne nel mondo? Lo chiediamo a Elizabeth Miller che […]
Leggi ora
27 Ottobre 2021
L'identità di genere vista da una giovane donna
In seguito alla pubblicazione di un comunicato ufficiale che si è pubblicato su facebook dalle "femministe" e al rilancio di Alessandro Zan in vista della discussione in aula della sua legge oggi 27 ottobre, mi è sembrato doveroso mettere in chiaro alcune cose per rispetto a tutte le donne che come noi non si sentono parte di questo "femminismo".
Ho deciso di rispondere punto per punto a questo comunicato che ancora una volta non manca nel disinformare. Credo fortemente che le donne firmatarie di questo comunicato non hanno ben chiaro il concetto di "identità di genere" sviluppatosi e diffuso negli ultimi pochi anni nella cultura giovanile e che ha poco a che fare con le tutele verso omosessuali e transessuali. ⁣ Il genere è un costrutto sociale che è applicato a donne e uomini a seconda del loro sesso […]
Leggi ora