Disfare corpi. E ricomprarli al mercato del genere

Il femminismo e il movimento di liberazione omosessuale hanno lottato contro gli stereotipi di genere. Oggi il transcult li ripropone. Per gay e lesbiche, la nuova terapia di conversione
Condividi questo articolo

Corpi sani e funzionanti inquinati da ormoni, mutilati e maltrattati in nome del famigerato “percorso di transizione” che dovrebbe consentire a una persona di ‘essere’ -perché ‘diventare’ suona un po’ ‘transfobico’- del sesso opposto.

Macellai che si spacciano per chirurghi e, come la famigerata che in Georgia - Stati Uniti d’America - si è arricchita con queste pratiche, espongono sui social le foto delle loro eroiche imprese, con giovani donne con i seni amputati e ragazzi a cui hanno praticato un buco tra le gambe.

Atlete di successo che, per incanto, salgono a destra o a sinistra del podio su cui, al centro, si pavoneggia l’uomo di turno che si definisce “donna transessuale”.

Siamo passati da ‘donna incinta’ a ‘persona incinta’, da ‘donna con le mestruazioni’ a ‘persona mestruante’, da ‘solo le donne possono partorire’ a ‘anche gli uomini partoriscono’, da ‘i gay e le lesbiche sono attratti da persone dello stesso sesso’ a ‘se rifiuti una persona trans per via dei suoi genitali sei transfobica/o’.

Questa terribile alterazione della realtà è nata con il concetto di “identità di genere” (o “sessuale”, per chi preferisce il politically correct), quell’astratta percezione di sé che ognuno di noi dovrebbe avere e che, qualora non combaciasse con il sesso biologico, ci suggerirebbe che occorre ‘transizionare’. Infatti, la gente che si mobilita per le politiche a tutela dell’identità di genere afferma: “I genitali non contano, la biologia non conta nulla”, ma se osserviamo le persone disforiche notiamo che assumono ormoni e si sottopongono alla chirurgia affinché assumano le fattezze fisiche del sesso opposto. C’è chi arriva perfino a farsi devastare il pene in cambio di una ferita aperta o a farsi cucire un lembo di pelle di un arto tra le gambe. Ma la biologia non conta. Certo.

Dunque, secondo le teorie che ruotano attorno all’identità di genere il sesso non soltanto non conterebbe, ma non determinerebbe nemmeno più l’essere donna o uomo, compito che spetterebbe invece alla percezione di sé.

Che cos’è una donna? “Una persona che si identifica come donna” rispondono i transattivisti. Definizione di donna: essere umano adulto di sesso femminile. Che ora è considerata discriminatoria verso le persone trans. “C’è una differenza tra femmina e donna: la femmina è biologica, la donna è culturale” dicono i transattivisti. Essendo animali culturali, possiamo creare usanze, costumi e condotte consone all’epoca storica in cui viviamo.

Parliamo, quindi, di genere. Il genere è un costrutto socioculturale che assegna a femmine e maschi ruoli e stereotipi perché si conformino alle aspettative sociali che di fatto avallano una società misogina, omofoba e patriarcale. Il genere non c’entra nulla con il sesso, anzi. Il femminismo della seconda ondata e il primo movimento di liberazione omosessuale lottarono per abbatterlo, per liberare le donne dal ruolo di subordinazione loro imposto e le persone omosessuali dalle norme eterosessiste. Una donna non è un modello culturale (soprattutto se maturato in un contesto misogino, in cui gli uomini creano continuamente l’immagine della loro ‘donna ideale’), ma una persona nata femmina. Tolti gli stereotipi, ed eliminate le aspettative della società patriarcale, sarà soltanto la biologia a definirci. Che fine farà l’identità di genere, lo capiamo da soli.

Dire che la biologia non è importante equivale a negare la violenza contro le donne, basata sul sesso (il diritto all’aborto, per esempio, verrebbe esteso anche agli uomini, cosa assurda), e contro l’omosessualità, cioè l’attrazione sessuale per una persona dello stesso sesso. I transattivisti confondono volutamente l’attrazione fisica con quella sessuale, quando fra le due c’è una netta differenza.

Alle persone omosessuali si sta proponendo l’ennesima terapia di conversione, con la differenza che stavolta è mascherata da idee progressiste e colori. Non è un caso che in Iran i gay e le lesbiche ricorrano alla transizione per poter stare con le persone che amano.

La biologia è fondamentale. Le stesse persone trans modificano i loro corpi per somigliare alle persone di sesso opposto. Ce lo dimostra anche la divisione in ambito sportivo, fatta per evitare situazioni di svantaggio, essendo gli uomini più forti fisicamente, con organi più grossi e una struttura ossea più pronunciata. Tale divisione, però, perde valore quando l’atleta mediocre di sesso maschile si identifica come donna ed entra a far parte di una competizione sportiva femminile, diventando, magicamente, “la numero uno”.

Non conta più che a livello cromosomico siamo diversi (XY) e diverse (XX), che clinicamente abbiamo patologie differenti soprattutto per quanto riguarda l’apparato genitale, che sviluppiamo ormoni e gameti differenti. No, per carità! Vuoi mica tornare al 1300? Meglio negare le differenze, per poi conformarle con l’appoggio di macellai e accattoni delle industrie farmaceutiche. Meglio rifugiarsi nella transizione apparente, invece di distruggere il genere e gli stereotipi derivanti. Meglio raccontarsi la storia secondo il nuovo Vangelo, per cui un’entità astratta vale più della la realtà. L’essere umano diventa una percezione, un’identità, una costruzione artificiale, come dimostrano i corpi logorati e martoriati del nuovo fenomeno “Frankenstein”.

L’identità di genere finirà per essere riconosciuta come una nuova religione, con i suoi fedeli e le sue usanze. In un mondo dove l’illusione e il sogno della transizione vengono promossi ovunque, io dico sempre che sognare è bellissimo, però poi bisogna anche svegliarsi.

LGB ITALIA


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora