Disfare corpi. E ricomprarli al mercato del genere

Il femminismo e il movimento di liberazione omosessuale hanno lottato contro gli stereotipi di genere. Oggi il transcult li ripropone. Per gay e lesbiche, la nuova terapia di conversione
Condividi questo articolo

Corpi sani e funzionanti inquinati da ormoni, mutilati e maltrattati in nome del famigerato “percorso di transizione” che dovrebbe consentire a una persona di ‘essere’ -perché ‘diventare’ suona un po’ ‘transfobico’- del sesso opposto.

Macellai che si spacciano per chirurghi e, come la famigerata che in Georgia - Stati Uniti d’America - si è arricchita con queste pratiche, espongono sui social le foto delle loro eroiche imprese, con giovani donne con i seni amputati e ragazzi a cui hanno praticato un buco tra le gambe.

Atlete di successo che, per incanto, salgono a destra o a sinistra del podio su cui, al centro, si pavoneggia l’uomo di turno che si definisce “donna transessuale”.

Siamo passati da ‘donna incinta’ a ‘persona incinta’, da ‘donna con le mestruazioni’ a ‘persona mestruante’, da ‘solo le donne possono partorire’ a ‘anche gli uomini partoriscono’, da ‘i gay e le lesbiche sono attratti da persone dello stesso sesso’ a ‘se rifiuti una persona trans per via dei suoi genitali sei transfobica/o’.

Questa terribile alterazione della realtà è nata con il concetto di “identità di genere” (o “sessuale”, per chi preferisce il politically correct), quell’astratta percezione di sé che ognuno di noi dovrebbe avere e che, qualora non combaciasse con il sesso biologico, ci suggerirebbe che occorre ‘transizionare’. Infatti, la gente che si mobilita per le politiche a tutela dell’identità di genere afferma: “I genitali non contano, la biologia non conta nulla”, ma se osserviamo le persone disforiche notiamo che assumono ormoni e si sottopongono alla chirurgia affinché assumano le fattezze fisiche del sesso opposto. C’è chi arriva perfino a farsi devastare il pene in cambio di una ferita aperta o a farsi cucire un lembo di pelle di un arto tra le gambe. Ma la biologia non conta. Certo.

Dunque, secondo le teorie che ruotano attorno all’identità di genere il sesso non soltanto non conterebbe, ma non determinerebbe nemmeno più l’essere donna o uomo, compito che spetterebbe invece alla percezione di sé.

Che cos’è una donna? “Una persona che si identifica come donna” rispondono i transattivisti. Definizione di donna: essere umano adulto di sesso femminile. Che ora è considerata discriminatoria verso le persone trans. “C’è una differenza tra femmina e donna: la femmina è biologica, la donna è culturale” dicono i transattivisti. Essendo animali culturali, possiamo creare usanze, costumi e condotte consone all’epoca storica in cui viviamo.

Parliamo, quindi, di genere. Il genere è un costrutto socioculturale che assegna a femmine e maschi ruoli e stereotipi perché si conformino alle aspettative sociali che di fatto avallano una società misogina, omofoba e patriarcale. Il genere non c’entra nulla con il sesso, anzi. Il femminismo della seconda ondata e il primo movimento di liberazione omosessuale lottarono per abbatterlo, per liberare le donne dal ruolo di subordinazione loro imposto e le persone omosessuali dalle norme eterosessiste. Una donna non è un modello culturale (soprattutto se maturato in un contesto misogino, in cui gli uomini creano continuamente l’immagine della loro ‘donna ideale’), ma una persona nata femmina. Tolti gli stereotipi, ed eliminate le aspettative della società patriarcale, sarà soltanto la biologia a definirci. Che fine farà l’identità di genere, lo capiamo da soli.

Dire che la biologia non è importante equivale a negare la violenza contro le donne, basata sul sesso (il diritto all’aborto, per esempio, verrebbe esteso anche agli uomini, cosa assurda), e contro l’omosessualità, cioè l’attrazione sessuale per una persona dello stesso sesso. I transattivisti confondono volutamente l’attrazione fisica con quella sessuale, quando fra le due c’è una netta differenza.

Alle persone omosessuali si sta proponendo l’ennesima terapia di conversione, con la differenza che stavolta è mascherata da idee progressiste e colori. Non è un caso che in Iran i gay e le lesbiche ricorrano alla transizione per poter stare con le persone che amano.

La biologia è fondamentale. Le stesse persone trans modificano i loro corpi per somigliare alle persone di sesso opposto. Ce lo dimostra anche la divisione in ambito sportivo, fatta per evitare situazioni di svantaggio, essendo gli uomini più forti fisicamente, con organi più grossi e una struttura ossea più pronunciata. Tale divisione, però, perde valore quando l’atleta mediocre di sesso maschile si identifica come donna ed entra a far parte di una competizione sportiva femminile, diventando, magicamente, “la numero uno”.

Non conta più che a livello cromosomico siamo diversi (XY) e diverse (XX), che clinicamente abbiamo patologie differenti soprattutto per quanto riguarda l’apparato genitale, che sviluppiamo ormoni e gameti differenti. No, per carità! Vuoi mica tornare al 1300? Meglio negare le differenze, per poi conformarle con l’appoggio di macellai e accattoni delle industrie farmaceutiche. Meglio rifugiarsi nella transizione apparente, invece di distruggere il genere e gli stereotipi derivanti. Meglio raccontarsi la storia secondo il nuovo Vangelo, per cui un’entità astratta vale più della la realtà. L’essere umano diventa una percezione, un’identità, una costruzione artificiale, come dimostrano i corpi logorati e martoriati del nuovo fenomeno “Frankenstein”.

L’identità di genere finirà per essere riconosciuta come una nuova religione, con i suoi fedeli e le sue usanze. In un mondo dove l’illusione e il sogno della transizione vengono promossi ovunque, io dico sempre che sognare è bellissimo, però poi bisogna anche svegliarsi.

LGB ITALIA


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora