24 Italian female athletes take legal action against male ultra-athletes in their sports.

The sportswomen -including Cristina Sanulli and Denise Neumann, beaten by Valentina Petrillo, a male athlete, - claim to be deprived of fair competitions, in violation of the Equal Opportunities Code. And they write to Minister Bonetti and Undersecretary Vezzali. No answer so far.
Condividi questo articolo

As the Tokyo Olympic and Paralympic Games approached in July, the media began showing footage of women's competitions in which male-born athletes also participate - and almost always win - thanks to the guidelines drawn up by an all-male group of the International Olympic Committee, which provide for self-identification with "female gender identity" and lowered testosterone levels as the only criteria.

The images of these, with a frame that despite the breasts, pink jumpsuits, lipstick and red nail varnish remains unmistakably masculine, leap to the eye and are opening a debate on the legitimacy of allowing male athletes to compete with women.

Faced with the obvious advantage of male 'ultra-bodies' in women's sports, much of the audience asked: what do female athletes think? Why do they not rebel en masse?

Indeed, the Italian sports news has given great prominence to the story of Valentina Petrillo, 'the first transgender athlete to run to qualify for Tokyo 2020' (see here [U1] and here[U2] ), but female athletes have been rendered invisible, with few exceptions.

Despite this press blackout, Italian women athletes have rebelled and expressed their indignation not by deserting the competitions, but through legal means, for being deprived of a fair competition.

Lawyer and Italian athletics champion Mariuccia Fausta Quilleri is representing 24 female athletes who have signed a petition calling for male-born transgender athletes to be admitted to women's competitions exclusively out of competition.

The athletes first of all contest the lack of scientific basis - as well as the lack of legal validity - of the IOC guidelines, as has been proven by numerous studies, among which the most comprehensive is perhaps that of Dr Emma Hilton and Dr Tommy Lundberg published in "Sports Medicine" (see here[U3] ).

In addition, they claim that the admission of male bodies in women's competitions constitutes a violation of Article 1 of the Code of Equal Opportunities between Men and Women[U4] , which - writes lawyer Quilleri - "obliges absolute, inviolable and indispensable respect for the female physical individuality".

The petition was sent on 3 May to the president of the Italian Athletics Federation, Stefano Mei, the Minister for Equal Opportunities, Elena Bonetti, and the undersecretary of state for sport, Valentina Vezzali. After more than a month, none of these authorities has yet replied.

Among the athletes who have signed the petition are Cristina Sanulli and Denise Neumann, who competed with Petrillo at the Italian masters championships in Arezzo in October 2020 - you can see them in the opening photo - and who told the journalist who interviewed them that they felt they had "not competed as equals" (see here[U5] ).

Sanulli and Neumann continued to train and race, and at the Italian indoor championships in Ancona in March 2021 they had a chance for a rematch. In the 200m indoor race Cristina Sanulli still managed, despite her shorter stature and female body, to beat Petrillo in speed and came first, and Valentina second, despite having all the technical advantages provided by a body that has experienced male puberty: the longer stride, bigger heart, feet and lungs, higher maximum oxygen consumption per muscle contraction (VO2max), stronger tendons, and much more.

On Friday June 11th we spoke with Mariuccia Fausta Quilleri and Cristina Sanulli. See the Live Broadcast here[U6] .

Original article published here on June 7th.


Maria Celeste.

Translated by Tania Alessandrini


 [U1]https://www.fanpage.it/attualita/valentina-petrillo-la-prima-atleta-paralimpica-transgender-in-corsa-per-tokyo-2021/

 [U2]https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/altro-sport/20_settembre_23/valentina-che-si-chiamava-fabrizio-l-altra-olimpiade-eb947836-fd64-11ea-b7f1-a0b7df760f0c.shtml

 [U3]https://www.researchgate.net/publication/346774077_Transgender_Women_in_the_Female_Category_of_Sport_Perspectives_on_Testosterone_Suppression_and_Performance_Advantage

 [U4]https://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/testi/06198dl.htm#:~:text=303%2C%20articolo%205)-,1.,utilizzazione%20dei%20relativi%20fondi%20europei

 [U5]https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/in_pista_con_valentina_petrillo_atleta_transgender_ma_non_abbiamo_gareggiato_alla_pari_

 [U6]https://www.youtube.com/watch?v=jJ33aNoiW_k&t=2338s


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
9 Gennaio 2023
Credevo che mio figlio -4 anni- fosse trans: mi sbagliavo
Madre lesbica e “vera credente” del culto queer accompagna e autorizza il suo bambino a identificarsi come femmina. Finché non comprende di avere sbagliato a causa dell’ideologia. Piangendo sul suo errore oggi ha intrapreso un percorso di “guarigione” insieme a lui che è tornato a dirsi maschio. Una testimonianza illuminante
Ero una vera credente.Ero un’attivista per la giustizia sociale prima ancora che il movimento per la giustizia sociale prendesse il sopravvento nel mondo. Ero in prima linea ad introdurre il concetto di intersezionalità in organizzazioni progressiste e a convincere la gente a condividere i suoi pronomi. Io e i miei amici ci sentivamo quelli “cool”, l’avanguardia di un’opera rivoluzionaria che avrebbe cambiato il mondo, che avrebbe raggiunto quella che le persone all’interno del movimento per la giustizia sociale chiamano “liberazione […]
Leggi ora
31 Dicembre 2022
Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto
Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico. La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora