24 Italian female athletes take legal action against male ultra-athletes in their sports.

The sportswomen -including Cristina Sanulli and Denise Neumann, beaten by Valentina Petrillo, a male athlete, - claim to be deprived of fair competitions, in violation of the Equal Opportunities Code. And they write to Minister Bonetti and Undersecretary Vezzali. No answer so far.
Condividi questo articolo

As the Tokyo Olympic and Paralympic Games approached in July, the media began showing footage of women's competitions in which male-born athletes also participate - and almost always win - thanks to the guidelines drawn up by an all-male group of the International Olympic Committee, which provide for self-identification with "female gender identity" and lowered testosterone levels as the only criteria.

The images of these, with a frame that despite the breasts, pink jumpsuits, lipstick and red nail varnish remains unmistakably masculine, leap to the eye and are opening a debate on the legitimacy of allowing male athletes to compete with women.

Faced with the obvious advantage of male 'ultra-bodies' in women's sports, much of the audience asked: what do female athletes think? Why do they not rebel en masse?

Indeed, the Italian sports news has given great prominence to the story of Valentina Petrillo, 'the first transgender athlete to run to qualify for Tokyo 2020' (see here [U1] and here[U2] ), but female athletes have been rendered invisible, with few exceptions.

Despite this press blackout, Italian women athletes have rebelled and expressed their indignation not by deserting the competitions, but through legal means, for being deprived of a fair competition.

Lawyer and Italian athletics champion Mariuccia Fausta Quilleri is representing 24 female athletes who have signed a petition calling for male-born transgender athletes to be admitted to women's competitions exclusively out of competition.

The athletes first of all contest the lack of scientific basis - as well as the lack of legal validity - of the IOC guidelines, as has been proven by numerous studies, among which the most comprehensive is perhaps that of Dr Emma Hilton and Dr Tommy Lundberg published in "Sports Medicine" (see here[U3] ).

In addition, they claim that the admission of male bodies in women's competitions constitutes a violation of Article 1 of the Code of Equal Opportunities between Men and Women[U4] , which - writes lawyer Quilleri - "obliges absolute, inviolable and indispensable respect for the female physical individuality".

The petition was sent on 3 May to the president of the Italian Athletics Federation, Stefano Mei, the Minister for Equal Opportunities, Elena Bonetti, and the undersecretary of state for sport, Valentina Vezzali. After more than a month, none of these authorities has yet replied.

Among the athletes who have signed the petition are Cristina Sanulli and Denise Neumann, who competed with Petrillo at the Italian masters championships in Arezzo in October 2020 - you can see them in the opening photo - and who told the journalist who interviewed them that they felt they had "not competed as equals" (see here[U5] ).

Sanulli and Neumann continued to train and race, and at the Italian indoor championships in Ancona in March 2021 they had a chance for a rematch. In the 200m indoor race Cristina Sanulli still managed, despite her shorter stature and female body, to beat Petrillo in speed and came first, and Valentina second, despite having all the technical advantages provided by a body that has experienced male puberty: the longer stride, bigger heart, feet and lungs, higher maximum oxygen consumption per muscle contraction (VO2max), stronger tendons, and much more.

On Friday June 11th we spoke with Mariuccia Fausta Quilleri and Cristina Sanulli. See the Live Broadcast here[U6] .

Original article published here on June 7th.


Maria Celeste.

Translated by Tania Alessandrini


 [U1]https://www.fanpage.it/attualita/valentina-petrillo-la-prima-atleta-paralimpica-transgender-in-corsa-per-tokyo-2021/

 [U2]https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/altro-sport/20_settembre_23/valentina-che-si-chiamava-fabrizio-l-altra-olimpiade-eb947836-fd64-11ea-b7f1-a0b7df760f0c.shtml

 [U3]https://www.researchgate.net/publication/346774077_Transgender_Women_in_the_Female_Category_of_Sport_Perspectives_on_Testosterone_Suppression_and_Performance_Advantage

 [U4]https://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/testi/06198dl.htm#:~:text=303%2C%20articolo%205)-,1.,utilizzazione%20dei%20relativi%20fondi%20europei

 [U5]https://www.redattoresociale.it/article/notiziario/in_pista_con_valentina_petrillo_atleta_transgender_ma_non_abbiamo_gareggiato_alla_pari_

 [U6]https://www.youtube.com/watch?v=jJ33aNoiW_k&t=2338s


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora