1946, le Italiane al voto: tranne le prostitute "vaganti" e le suore di clausura

Il primo voto femminile non fu al referendum del 2 giugno, come molti credono, ma alle amministrative del 10 marzo 1946, con un'affluenza dell'89 per cento. Ma non fu una prima volta per tutte
Condividi questo articolo

Alle donne "???????? ????????????????????????????????" votare per la prima volta in Italia il ???????? ???????????????????? ???????????? ????????????????, e non il 2 giugno come molte-i pensano, per le elezioni amministrative, le prime urne in Italia ????opo la ???????????????? della ???????????????????????????? ???????????????????????? ???????????????????????????????? nel Paese liberato dal fascismo e dall'???????????????????????????????????????????? ????????????????????????????. Solo ???????? ???????????????? ???????? le italiane poterono ???????????????????????? e ???????????????????????? ????????????????????????.

La prima richiesta per il suffragio femminile fu della Commissione per il voto alle donne dell’????????????, l’Unione donne italiane, nata per iniziativa di alcune esponenti del movimento ????????????????????????????????????????????????: fu sostenuta dalle rappresentanze dei ???????????????????????? ???????????????????????????????????? ???????????? ???????????????? ???????????????????????????? e dal Comitato nazionale pro-voto nel quale confluirono le principali organizzazioni.⁣

Poco prima, ossia il ???????? ???????????????????????????? ???????????? ???????????????? -con l’Europa ancora in guerra e il ???????????????? ???????????????????????? ???????????????????? ???????????????????????????????????????????? ????????????????????????????- durante una riunione del Consiglio dei ministri si discusse del suffragio femminile, che venne sbrigativamente approvato come qualcosa di ???????????????????? o, a quel punto, di inevitabile.

Il decreto, firmato dal Luogotenente generale del ???????????????????? ????’???????????????????????? ???????????????????????????? ???????? ???????? ????????????????????????, entrò in vigore il ???? ????????????????????????????????: potevano votare le ???????????????????? ???????????? ????????ù ???????? ???????? ???????????????? a eccezione delle prostitute ???????????? ???????????????????????????????????????????????? "???????? ????????????????????????????????????????" fuori dai ???????????????????????? ????????????????????????????????????????????, mentre quelle nelle case chiuse erano ammesse al voto.

All'epoca i bordelli, chiamati "case chiuse o di tolleranza", erano legali. Furono messi fuori legge nel '58 da ???????????????? ????????????????????????, che abolì anche la regolamentazione della prostituzione introducendo i ???????????????????? ???????? ???????????????????????????????????????????????? ???? ????????????????????????????????????????????????????????????.⁣

???????????????? ???????????????????????? fu la prima donna a essere ???????????????????????? ???????? ???????????????????????? ???????????????????? ???????????????????????????????????????? e a lei dobbiamo la tutela delle donne sancita nell'????????????. ???? della Costituzione Italiana: "Tutti i cittadini...sono uguali davanti alla legge, senza distinzioni di ????????????????????". Oggi leggi come la Zan puntano a calpestare inserendo l'identità di ???????????????????????? nella legislazione, sminuendo o puntando a sostituire il sesso, in base al quale veniamo tutelate in quanto donne.

Nel primo decreto tuttavia (quello del 30 gennaio), venne dimenticato un particolare non da poco: ????’????????????????????????????????????????????à ???????????????????? ????????????????????.

"Svista" che non era esattamente una casualità: l’idea che se le donne avessero conquistato il diritto di essere ???????????????????????????????????? avrebbero potuto anche conquistare quello di essere ???????????????????????? inquietava gli uomini che vedevano ridotto il loro spazio decisionale.

La loro eleggibilità venne stabilita solo con un ???????????????????????????? ????????????????????????????????????????, il numero ???????? del ???????? ???????????????????? ???????????? ???????????????? (un anno dopo).

Il decreto stabilì sia il sistema elettorale delle prime elezioni amministrative postbelliche sia che le donne con almeno ???????? ???????????????? di età potevano eleggere e quelle con almeno ???????? ???????????????? potevano essere elette.

Con il secondo decreto anche alle ???????????????????? ???????? ???????????????????????????????? -all'epoca ???????????????????? ???????? ???????????????????????????????????? ???????? ????????????????????????????à e dimenticate anche loro insieme alle prostitute "vaganti"- fu concesso il voto. Molte di loro da decenni non uscivano dai loro conventi. “Spiccavano le suore di clausura che, disciplinatamente inquadrate dai confessori, si sono recate a votare per le liste democratiche” (L'Unità).

????????????????ò ???????????????????????? ???????? ???????????????????????????? ???????????? ???????? ???????????????????????????????????????? "vaganti" -come si definiscono nel linguaggio della pubblica sicurezza-.

Nel 1947, (2 anni dopo), fu rimossa anche quest’ultima esclusione, specchio di una società intrisa di perbenismi e ipocritamente cattolica.

Le donne si presentarono alle amministrative in massa, e l’affluenza generale superò l’89%.

Circa 2 mila candidate vennero elette nei consigli comunali, ???????? ???????????????????????????????????????????? nelle liste di ????????????????????????????????.

Vennero anche elette le prime sindache della storia d’Italia: ???????????????????????????????????????? ???????????????????? a Orune, in provincia di Nuoro; ???????????????????????????? ???????????????????????????? a Borutta, in provincia di Sassari; ???????????? ????????????????????????, a Massa Fermana, in provincia di Fermo; ???????????????????????????? ???????????????????????????? a Veronella, in provincia di Verona; ???????????????????? ???????????????????????????? a  Fanano, in provincia di Modena; ???????????????????? ???????????????????????????? ???????????????????? a Tropea, all’epoca in provincia di Catanzaro.

A differenza di quanto si pensi, il ???????????????????????????????????? ???????????????????????????????????? non debuttò con il referendum del 2 giugno 1946 per la scelta tra ???????????????????????????????????????? ???? M????????????????????????????????, e che registrò la stessa grande partecipazione da parte delle donne.

La storia insegna che le donne hanno sempre dovuto lottare per ottenere i diritti fondamentali che agli uomini vengono invece attribuiti alla nascita. Per le donne invece c'è sempre una sorta di "double check", ossia una valutazione doppiamente rigorosa riguardo ai diritti, che vengono "concessi" anziché riconosciuti.

La resistenza che il potere esercita a fronte del desiderio e della volontà femminili si manifesta in modo eclatante nel fatto che le donne devono regolarmente chiedere che il loro volere venga "ascoltato". 

Per molte donne, attive nella Resistenza o nel lavoro di cura sanitaria al fronte, usate dal dominio maschile per i propri obiettivi di espansione, il dopoguerra è stato il ritorno nello spazio domestico, e sicuramente questo creò non poco malcontento.

Sara Punzo


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
9 Settembre 2022
Elizabeth, l'ultima matriarca
La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Gaby Hinsliff per The Guardian Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono. Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato. Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora