Cerca
Scegli Categoria
Cerca per Hashtag

La differenza sessuale conta anche per le/i minori “trans”
La futura baronessa Hilary Cass, autrice del review che ha abolito di fatto la terapia affermativa in Gran Bretagna, mette in guardia sui rischi del testosterone: per le bambine trattate con ormoni mascolinizzanti è molto più difficile tornare indietro rispetto ai maschi trattati con estrogeni. E le differenze non si fermano qui

La differenza sessuale conta anche per le/i minori “trans”
La futura baronessa Hilary Cass, autrice del review che ha abolito di fatto la terapia affermativa in Gran Bretagna, mette in guardia sui rischi del testosterone: per le bambine trattate con ormoni mascolinizzanti è molto più difficile tornare indietro rispetto ai maschi trattati con estrogeni. E le differenze non si fermano qui

UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo

Germania, stop alla legge trans
Il Bundestag si apprestava ad approvare una legge -molto simile alla Ley Trans spagnola- che avrebbe introdotto la totale autodeterminazione di genere o self-id con un semplice atto amministrativo. Ma il Consiglio dei Ministri ha bloccato la proposta all'ultimo minuto: c’era il rischio che i criminali condannati sfruttassero la norma per sfuggire alla pena. Forse c’entra anche il fatto che la Ley Trans non ha portato affatto bene alla maggioranza di centrosinistra in Spagna che il prossimo 23 luglio rischia la sconfitta alle elezioni politiche

La violenza è strutturale al transfemminismo?
Paola Pieri, del gruppo MaternaMente, racconta la violenza che ha subito a Firenze da parte di trans attivisti

Boris Johnson: No ai corpi maschili negli sport femminili
In seguito ad una lettera all’Unione Ciclistica Internazionale che definisce discriminatorie le regole sull’inclusione degli atleti transgender, Boris Johnson dichiara che le “trans women”, ovvero uomini nati biologicamente maschi, non dovrebbero competere negli sport femminili e che le donne hanno diritto a spazi dedicati solo a loro.

Transizione di bambine-i: quanti vengono “convinti” su TikTok?
Video con l'hashtag #trans visti più di 26 miliardi di volte. Giovanissime influencer che celebrano la loro “guarigione” dopo la doppia mastectomia. Il social network più frequentato dai giovanissimi propone la transizione medica come cool e trasgressiva. E Il cambio di sesso diventa la nuova ribellione

Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio
Prostituirsi causa sofferenza, disagio mentale, dipendenza da droghe e malattie. E la “regolamentazione” non fa che alimentare sfruttamento e tratta. Due argomenti forti contro la normalizzazione del cosiddetto “sex work”, sostenuta da una sinistra misogina e dirittista e dal femminismo liberale

Kathleen Stock si è dimessa: “La strega è morta”
Così festeggiano le sue dimissioni gli studenti dell'università del Sussex che avevano minacciato la docente chiedendone il licenziamento. La decisione presa dopo “un periodo assolutamente orribile per me e la mia famiglia”. Tiepido il sostegno dell'università, mentre altri accademici la attaccano: la sua difesa del sesso contro il genere rafforza “lo status quo patriarcale”

Marina Terragni: “There is a desire to erase women, their bodies, their difference”.
An interview with writer Marina Terragni: Zan bill, the language of inclusion, feminism and transphobia. “I am not a gender, I am a woman”.

Marina Terragni: “Hay un deseo de borrar a las mujeres, sus cuerpos, su diferencia”.
Entrevista con la escritora sobre la Decreto de Ley Zan, el lenguaje de la inclusión, el feminismo y la transfobia. “No soy un género, soy una mujer”.

Finlandia: stop bloccanti della pubertà per i minori disforici
Come in UK e Svezia, riconosciute la sperimentalità e la non-reversibilità dei trattamenti ormonali su bambine-i, che le nuove linee guida riservano solo a casi-limite, privilegiando i trattamenti psicologici. Anche in Italia è il momento di ripensarci

Australia: stop ormoni ai bambini senza l’ok di un tribunale?
Anche se la legge consente la transizione dei minori sulla base della semplice valutazione medica -come in Italia, del resto- una clinica frena e richiede il consenso del giudice per “trattare” una ragazza, nonostante l'ok dei genitori. Segnale di un cambio di rotta per paura di contenziosi dopo che la detransitioner Keira Bell ha vinto la sua causa contro il sistema sanitario britannico

Torna in alto